Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Ocean Warrior: le missioni del capitano Paul Watson per la salvaguardia del Pianeta:

Ocean Warrior: le missioni del capitano Paul Watson per la salvaguardia del Pianeta

settembre 4, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del  libro “Ocean Warriordel Capitano Paul Watson, edito da Ugo Mursia Editore (pag. 448, 18.00 euro).

L’equipaggio fece velocemente i bagagli e si affrettò a percorrere la passerella per raggiungere la banchina. Avevo dato loro solo dieci minuti per decidere: tornare a bordo e speronare la baleniera o prendere la valigia e andarsene. Tredici di loro rimasero sul molo; mi aspettavo di perderne qualcuno, non così tanti. Peter Woof e Jerry Doran, primo e terzo ingegnere di bordo, lanciarono loro il bagaglio. Non avevo dubbi su Peter, e Jerry si rivelò una piacevole sorpresa.

Alcuni tra quelli rimasti a terra erano in collera. Michael Louis, il falegname, urlò a Peter: «Svegliati, è un pazzo furioso, non possiamo attaccare la nave, non è legale, è…».

«Taci, stronzo.» Peter si scaldava facilmente. «Tu non stai facendo niente, caro mio, né tu né quelli che sono lì con te, quindi chiudi quella bocca di merda.»

Alex Pacheco mi raggiunse in cabina di comando. Era visibilmente agitato. «Ordinami di restare, Paul, e resterò.»

«Non posso farlo, Alex, la decisione deve essere tua.»

«Ma cosa ci succederà?»

«Non posso darti la certezza che non ti ferirai o che non morirai. La possibilità di farsi del male è seria, quei bastardi sono armati, ma io ti posso garantire una cosa, che qui in Portogallo andrai in galera, di questo ne sono certo. Non possiamo sfuggire alla Marina portoghese, e due delle sue navi sono proprio laggiù.»

«Tu sei pronto a morire? Io non so se lo sono.»

Non avevo davvero pensato a morire, ma la domanda di Alex mi fece affrontare la realtà della situazione. Mi si seccò  la gola. Lo guardai. Sembrava confuso. Voleva dare il proprio contributo ma era giovane, aveva solo 18 anni. Era la sua prima missione, e io lo stavo portando dritto all’inferno.

«Alex, qui siamo sufficienti. Io ho bisogno di un portavoce sul molo che non ci darà dei pazzi nel caso dovessimo fallire. Tu sai perché lo stiamo facendo. Diglielo. Ma Alex, maledizione, dobbiamo andarcene prima che i portoghesi si accorgano della nostra presenza, prima che quel bastardo del capitano se la squagli. Li abbiamo pedinati per tutto l’Atlantico. Quella nave è il nostro bersaglio. Dobbiamo farla fuori e dobbiamo farlo adesso.»

«Ho bisogno di pensarci, capitano.»

«Non c’è tempo, Alex. Prendi la tua roba e lascia la nave. Fai delle foto.»

«Non lo so…»

«Alex, non ti ordino di restare, ma ti sto chiedendo di scendere a terra.»

Si girò per andarsene. Lo fermai: «Alex».

«Sì, capitano?»

«Prenditi cura di te.»

Sorrise. «Buona fortuna, capitano.»

Mi affacciai al finestrino di sinistra, ignorando le provocazioni di qualche ex membro dell’equipaggio. «Peter, avvia i motori. Jerry, tienti pronto a mollare gli ormeggi. Ce ne andiamo.»

Peter guardò su con un sorriso che gli attraversava il cespuglio che aveva al posto della barba. «Certo, capitano.»

«Molla gli ormeggi, Jerry.»

Segnalai lento a poppa al telegrafo. I motori si avviarono pigramente con un fischio penetrante, l’inversione di marcia entrò senza problemi e la Sea Shepherd indietreggiò lentamente.

Avevo ancora la gola secca. Presi una birra calda e ne bevvi un sorso che sembrò venirmi in aiuto. Mi trovavo esattamente dove avevo deciso di essere. Avevo giurato di speronare quella baleniera di fuorilegge, e proprio quello avrei fatto.

«Dimentica te stesso», borbottai, «pensa alle balene, pensa all’obiettivo, alla meta». Afferrai la trasmittente VHF:

«Sierra, Sierra».

Una voce dall’accento marcato rispose: «Qui è la Sierra».

«Maledetti, maledetti balenieri figli di puttana, la vostra carriera finisce oggi.»

«Chi è? Che cosa volete, eh?»

«Guarda fuori e sgombera i ponti. Vi ho presi, bastardi.

Preparatevi a essere speronati. Ripeto, ho intenzione di speronarvi.»

Il capitano Arvid Nordengen si precipitò fuori dalla cabina del timone. Lo vedevo. Aveva la bocca spalancata per l’incredulità. Un marinaio con un fucile in mano lo raggiunse. Eravamo a soli 500 metri di distanza e ci dirigevamo dritti verso di loro a tutta velocità. Non poteva fare niente, era senza via di scampo, un bersaglio fin troppo facile, completamente alla nostra mercè.

Peter arrivò ansimante in cabina, senza fiato per la corsa dai sotterranei della sala motori. «Questo lo devo vedere. Gesù, le siamo già quasi addosso! Dove la colpirai?»

«Una botta di avvertimento lungo la prua; facciamole saltare quel maledetto arpione.»

Manovrando il timone con una mano, scattai con l’altra qualche fotografia. Vedevamo le facce pietrificate dall’orrore di una ventina di sporchi membri dell’equipaggio, tutt immobilizzati dall’incredulità.

«Ragazzi, si parte!»

La prua del nostro peschereccio dei Mari del Nord da 779 tonnellate, rinforzata con il cemento per affrontare i mari ghiacciati, venne a contatto con quella delle 650 tonnellate della Sierra. Senza fermarci la colpimmo proprio dietro la piattaforma dell’arpione. Sentii lo stridio del metallo che si accartocciava e vidi la baleniera inclinarsi a dritta mentre la Sea Sheperd proseguiva senza ostacoli sulla propria rotta.

Nel giro di pochi secondi avevamo la prua della baleniera a poppa e io manovravo il timone a tutta dritta per aggirarla e colpirla una seconda volta. Guardando alle spalle dal finestrino di destra della cabina di comando vedevo l’equipaggio della Sierra uscire dalla stiva come un esercito di termiti in allarme. Il primo avvertimento aveva raggiunto lo scopo: avevamo la completa attenzione di tutta la nave. [...]

Capitano Paul Warrior*

*Paul Watson nasce a Toronto, Canada, il 2 dicembre 1950 da padre franco-canadese e madre metà danese, metà canadese. All’età di 9 anni Paul distrugge le trappole di un gruppo di cacciatori che hanno ucciso un castoro suo “amico” ed è noto per disturbare i cacciatori di cervi e anatre. Nel 1967 va a lavorare fuori casa e l’anno successivo si unisce alla Guardia Costiera canadese, dove rimane per due anni. Nell’ottobre del 1969 è tra gli organizzatori e partecipanti alle proteste contro i test nucleari presso l’Isola di Amchitka da parte dell’Atomic Energy Commission. Nel corso degli anni Paul Watson ha mostrato una notevole diversità nel suo attivismo. Oltre ad essere un co-fondatore di Greenpeace nel 1972, di Greenpeace International nel 1979, e fondatore di Sea Shepherd nel 1977, Watson è stato un Corrispondente di Campo per i Defenders of Wildlife tra il 1976 e il 1980. E’ stato Rappresentante per il Fondo per gli Animali (Fund for Animals) tra il 1978 e il 1981, e rappresentante per la Royal Society per la Protezione degli Animali (Royal Society for the Protection of Animals) nel 1979. E’ stato co-fondatore della Earthforce Environmental Society nel 1977 e degli Amici del Lupo ( Friends of the Wolf) nel 1984. La prima affiliazione di Watson con il Sierra Club è avvenuta nel 1968 e ne è rimasto sempre un sostenitore da allora. Watson fu eletto al Consiglio Nazionale del Sierra Club  degli Stati Uniti, che diresse dal 2003-2006.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende