Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Off grid: la casa senza rete e senza bollette:

Off grid: la casa senza rete e senza bollette

maggio 18, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Siamo alla fine dell’impero e la green economy è l’ancora di salvataggio. Ad Arezzo un gruppo di giovani laureati, professionisti dell’ambiente, ha pensato a un business sostenibile che parte dalla casa. Una casa Off Grid, insomma, a zero bollette. II progetto (brevettato dalla Fabbrica del Sole), come ci racconta il presidente Paolo Fulino, è la ricetta per un nuovo modo di vivere senza utenze e senza contattori.

 

D) Come è nata la Fabbrica del Sole?

R) E’ nata grazie a un gruppo di laureati intorno ai 30 anni con l’obiettivo di fare dell’innovazione in sintonia con l’ambiente e arrivare a fare in modo che  ognuno si possa produrre la propria energia.

 

D) E come è nata l’idea di una casa totalmente autosufficiente?

R) Le fondamenta sono state costruite nel 2008 con il primo idrogenodotto urbano al mondo. Abbiamo costruito un condotto a un metro e mezzo di profondità che fornisce di idrogeno le aziende orafe del distretto industriale di San Zeno ad Arezzo. Ci serviva una soluzione che limitasse i costi ambientali ed economici. Così è stato. Questo progetto ha aperto la strada allo studio di una filiera integrata e sostenibile dell’idrogeno: dalla produzione da fonte rinnovabile all’utilizzo come gas tecnico o per la produzione di energia elettrica a emissioni zero. In poche parole al posto del metano è arrivato l’idrogeno.

D) Poi cosa è accaduto?

R) Le abitazioni non hanno una differenza qualitativa con le aziende perché la tubazione è la stessa, la normativa è simile, i generatori sono identici. Dall’azienda alla casa il passo poi è stato breve. Per monitorare questo prodotto ci serviva un luogo, il Comune ci è venuto incontro e ci ha dato in commodato d’uso un terreno. Qui abbiamo realizzato una struttura autosufficiente – il primo prototipo di edificio Off Grid, con l’aiuto di altre aziende.

D) Come  funziona una casa Off Grid?

R) E’ il primo l’edificio al mondo totalmente autosufficiente, non collegato ad alcuna rete e in grado di gestire i normali fabbisogni di energia, gas, acqua, reflui, connettività, ecc. Una realtà che scambia con l’ecosistema solo sole, vento e pioggia senza consumare altre risorse né tantomeno inquinare. L’energia elettrica viene prodotta dalle fonti rinnovabili presenti nel territorio dove insiste l’edificio off-grid quali: fotovoltaico eolico idroelettrico, geotermico, ecc. L’energia così prodotta può essere stoccata all’interno dell’edificio. La molecola con le migliori caratteristiche di producibilità e stoccabilità energetica è l’idrogeno. Tale gas tecnico può dare densità energetica alle fonti rinnovabili. Può essere usato nell’edifico come gas tecnico in caldaie e forni, come gas domestico nei fornelli di cucina. Il calore può essere ottenuto grazie a pannelli solari a tubi sottovuoto per aumentare la produzione invernale ed ottenere alte temperature d’estate. Questo calore può essere immagazzinato in un accumulo stagionale, integrato con quello prodotto dai cogenaratori o dalle caldaie per alimentare d’inverno il riscaldamento radiante a parete o pavimento a bassa temperatura. Il calore prodotto nel periodo estivo viene immesso nell’accumulo stagionale o va ad alimentare ua macchina ad assorbimento per la produzione di frigoriferi. Si chiude così il ciclo termico riscaldando l’edificio in inverno e raffrescandolo d’estate. La gestione delle acque avviene in una cisterna dove vengono accumulate secondo le condizioni climatiche locali.

D) Dove si trovano queste case?

R) Stiamo finendo di realizzare  una casa in provincia di Viterbo. L’obiettivo è la totale autosufficienza, abbattere i costi mentre il prezzo del petrolio schizza. Il distacco dalle reti è basato sull’utilizzo delle tecnologie a basso costo quindi democratico. Fare business, impresa, ma socialmente inserita e che rispetti l’ambiente e l’uomo. L’inquilino Off Grid è anche un inquilino consapevole, che ragiona sul risparmio energetico.

D) Quanto costano queste soluzioni?

R) Mediamente un aumento del 30% rispetto a una casa normale per l’edificazione, ma con un risparmio sui costi quotidiani garantito. Un rientro della spesa dunque nei primi 15 anni di vita dell’edificio.

 

D) I vostri prossimi progetti?

R) Trasformare il nostro agriturismo in provincia di Siena in un agriturismo Off Grid entro il 2012. Così anche la vacanza sarà a impatto zero!

Francesca Fradelloni

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende