Home » Campioni d'Italia »Off the Green »Rubriche » Oggi non c’è spazio per i Campioni d’Italia:

Oggi non c’è spazio per i Campioni d’Italia

Tutti i mercoledì, dal 2011 – nel pieno acume della crisi – la nostra testata pubblica una puntata della rubrica “Campioni d’Italia“, dedicata a tutti coloro (imprese, cittadini, amministratori) che da anni lottano contro le storture di questo Paese, inspiegabilmente diverso dal resto d’Europa e del mondo civile. Una rubrica nata per raccontare quanto di positivo ed eccellente si nasconde (spesso sotto traccia) nelle città, nei borghi e nelle campagne italiane, lontano dalla ribalta delle grandi news, che “devono fare notizia” a tutti i costi. Una rubrica nata prima dell’inutile ottimismo da cabaret del premier Renzi.

In tre anni e mezzo abbiamo raccolto 183 storie esemplari, per cercare di rincuorare gli altri Italiani, quelli che iniziavano a dare segni di cedimento sotto il peso di un fisco nemico, di uno Stato assente e di una politica inconcludente, per ricordare a tutti noi che fare meglio e fare diversamente è ancora possibile. anche in questo Paese – e qualcuno c’è già riuscito. Qualcuno da prendere come esempio (“campione” anche in questo senso).

Oggi, però, qualcosa nella nostra volontà di remare contro la crisi e lo scoraggiamento generale si è incrinato. Abbiamo patito anche noi il peso di un Paese che sembra insanabile, delle troppe cose che non vanno e sembrano non cambiare mai. Forse non si tratta di una, ma di tante gocce che, nell’ultimo anno, hanno fatto traboccare un vaso di sopportazione già ampiamente colmo.

Le ultime due “gocce” non sono infatti più gravi di altre, ma sono, drammaticamente, le ultime, quelle della tracimazione. Oggi non riusciamo quindi a essere positivi, a mantenere il sorriso e i denti stretti.

Perché a Napoli una palazzina, nel complesso della Facoltà di Veterinaria, è crollata a causa di una voragine che si è aperta nel sottosuolo. E pensare che solo ad agosto il Ministro Galletti aveva annunciato trionfalmente a Palazzo Chigi: “Questa è una giornata importante per il Paese perché presentiamo un piano da 1,2 miliardi di euro contro il dissesto idrogeologico“. Oggi gli risponde il neo presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, Francesco Peduto, ex presidente dell’Ordine dei Geologi proprio in Campania: “La voragine che si è originata a Napoli e il successivo crollo delle due palazzine della Facoltà di Veterinaria, è solo l’ultimo episodio di dissesto idrogeologico ed evidenzia, al di là dei proclami, quanto siamo ancora distanti da una vera pianificazione in materia di difesa del suolo e di gestione delle emergenze, ammesso che ce ne sia ancora bisogno dopo tutto ciò che è accaduto e continua ad accadere con frequenza sempre maggiore nel nostro paese…”.

Ma anche perché, contemporaneamente, a Taranto, si consumava un nuovo colpo di scena di “Ambiente Svenduto”: il processo Ilva, nel quale sono coinvolti 47 imputati, tra cui i membri della famiglia Riva, l’ex prefetto Bruno Ferrante e l’ex presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, deve ripartire da zero! Perché nel verbale mancava il nome di un legale… “Erano assenti dieci avvocati – scrive Repubblica – e lì dove a verbale doveva essere indicato il legale in sostituzione, il cancelliere ha lasciato il rigo in bianco. Una sciocchezza, se paragonata alla mole gigantesca di carte e documenti prodotta fra indagine e processo, ma per il Codice di procedura penale è una insanabile compromissione del diritto di difesa, un motivo di nullità così grave da far crollare tutto il processo.”

Di fronte a questa notizia la sensazione di vomito ha preso il sopravvento e abbiamo perso la capacità di reazione, almeno per oggi. Forse questo Paese non merita il velo di copertura che il meglio del Made in Italy e degli Italiani continuano ad assicurargli, preservando la sua immagine nel mondo, nonostante tutte le schifezze quotidiane. Forse merita il peggio dello sputtanamento internazionale, dell’umiliazione, della punizione. Forse solo da lì – tornando a raccontare e inchiodare all’indignazione pubblica i “caproni d’Italia” prima ancora che i Campioni, si potrà ripartire seriamente. Noi cercheremo di fare entrambe le cose. Ma ripartiremo da domani, oggi non ne abbiamo le forze.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende