Home » Bollettino Europa »Rubriche » OGM: dall’UE regole più severe, ma sul mais Mon810 l’Italia rimane inascoltata:

OGM: dall’UE regole più severe, ma sul mais Mon810 l’Italia rimane inascoltata

aprile 8, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Le decisioni a livello europeo, questa settimana si sono intrecciate alle vicende nazionali. Protagonisti: gli Organismi Geneticamente Modificati. La Commissione Europea ha reso più severe le regole per l’autorizzazione di nuovi Ogm per uso alimentare sul territorio comunitario. D’ora in avanti, le imprese avranno l’obbligo di presentare i risultati dei loro studi dopo aver alimentato per novanta giorni dei roditori con i singoli Ogm per cui si chiede all’UE il nulla osta. Una procedura che, fino ad oggi, era prevista solo per una parte dei nuovi Ogm. E che ha l’obiettivo di rafforzare le misure e i requisiti richiesti per assicurare un processo sempre più trasparente, migliorando, inoltre, la fiducia dei consumatori. La nuova legislazione chiarisce, inoltre, quali protocolli devono essere utilizzati durante l’esecuzione degli studi, le richieste di riesame di ulteriori test, oltre a specificare i requisiti di garanzia della qualità degli studi effettuati in materia di Ogm.

Gli Stati membri hanno ora sei mesi per uniformarsi al nuovo Regolamento. Con questa decisione, l’esecutivo di Bruxelles rende di fatto ufficiale quanto approvato nel febbraio scorso dal Comitato europeo per la catena alimentare e la salute animale, al termine di un’ampia consultazione con i Paesi e le parti interessate.

Tuttavia, molte associazioni considerano i novanta giorni insufficienti. La misura, a loro parere sarebbe inadeguata per potere valutare gli effetti sulla salute umana. L’arco di tempo è considerato, infatti, troppo breve al fine di verificare l’effetto cronico degli Ogm e i rischi di lunga durata prendendo in considerazione l’intero corso della vita. Queste affermazioni si basano su alcuni studi secondo i quali la predisposizione a patologie croniche dovute ad Ogm aumenta, infatti, con l’invecchiamento e con la maggiore vulnerabilità a malattie.

Parallelamente, l’Italia ha chiesto alla Commissione la sospensione d’urgenza per il mais geneticamente modificato. Si tratta del divieto di messa a coltura di sementi del mais Ogm della Monsanto, Mon810, nella penisola e nel resto dell’Unione Europea. Lo ha comunicato il Ministro delle Politiche Agricole, Mario Catania. Il Ministero della Salute ha, infatti, dato seguito al dossier preparato dal Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura (CRA). Nella nota ministeriale si legge, inoltre, l’invito all’UE affinché effettui una nuova valutazione di questo tipo di mais alla luce delle ultime indicazioni scientifiche. Nonché il suggerimento a definire le adeguate misure di gestione che dovrebbero essere rese obbligatorie per chi utilizza Mon810.

La richiesta si è resa necessaria, spiega il governo italiano, alla luce del fatto che, quando si parla della possibilità di coltivare Ogm in Italia, bisogna tenere ben presente che l’opinione pubblica, i consumatori e gli stessi agricoltori sono contrari. Per questo si deve essere rigorosi.

Estremamente favorevole alla decisione l’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica (Aiab). Che attraverso il suo presidente Alessandro Triantafyllidis ha sottolineato come questo sia il primo passo per rafforzare e rendere più duratura la difesa dell’agricoltura di qualità e della biodiversità attraverso l’adozione della clausola di salvaguardia nei confronti del mais Mon810, come già fatto, in, altri otto Paesi UE: Francia, Germania, Lussemburgo, Austria, Ungheria, Grecia, Bulgaria e Polonia.

Di tutt’altra opinione i sostenitori degli Ogm, i quali guardano alla possibilità di invocare la clausola di salvaguardia per impedire agli agricoltori di coltivare sementi Ogm come ad una realtà remota. Uno scenario reale solo nel caso, infatti, ci si trovasse di fronte a comprovati rischi per la salute e per l’ambiente. Certo è che la richiesta dell’Italia rischia di rimanere lettera morta, visto che la nuova valutazione sul Mon810 è già stata fatta nel 2012 e, secondo l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), non c’è alcun rischio.

Rimanendo in ambito agroalimentare, dal 10 aprile saranno proibiti in Europa gli additivi presenti nei mangimi per stimolare l’appetito degli animali. La decisione della Commissione Europea prevede, ad eccezione di autorizzazioni specifiche, il ritiro dal mercato degli additivi per mangimi che appartengono al gruppo di sostanze aromatizzanti e stimolanti dell’appetito. 
Lo stop deciso dall’Esecutivo di Bruxelles prevede comunque periodi transitori per permettere di estinguere le scorte esistenti. Il provvedimento è stato sostenuto dagli Stati membri riuniti nel Comitato europeo per la catena alimentare e la salute animale e rappresenta la volontà di fare un passo indietro rispetto alla mera logica di mercato che spinge verso livelli produttivi elevati a favore del benessere degli animali.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende