Home » Bollettino Europa »Rubriche » OGM, il Parlamento UE introduce il “criterio ambientale”:

OGM, il Parlamento UE introduce il “criterio ambientale”

novembre 17, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Sugli OGM in Europa il braccio di ferro tra le diverse istituzioni UE sembra giunto ad una conclusione. In settimana la Commissione Ambiente dell’Europarlamento ha concesso il via libera alla nuova normativa che prevede la possibilità per i 28 Stati membri di limitare o bandire la coltivazione di Organismi Geneticamente Modificati sul proprio territorio. Manca ora solo l’accordo di compromesso sul testo finale della Direttiva. Un dossier che interessa molto all’Italia, intenzionata a chiuderlo prima del termine del suo semestre di presidenza dell’Unione Europea. Il ruolo della presidenza italiana sarà quindi decisivo per fare in modo che la proposta non venga annacquata e il testo non si trasformi in un cavallo di Troia durante le negoziazioni in sede di trilogo tra la Commissione, il Consiglio e il Parlamento.

L’Assemblea ha decisamente migliorato la proposta del Consiglio introducendo quello che si potrebbe definire un “criterio ambientale”. Una motivazione green che può essere invocata per applicare uno stop nazionale agli OGM che si aggiunge a quelli socioeconomici, di uso dei terreni e pianificazione urbana già contemplati dalla norma. Ragioni, quelle ambientali, che erano state incredibilmente escluse dal testo precedente, provocando accese reazioni.

Soddisfatte le associazioni ambientaliste, Greenpeace in testa. Secondo l’organizzazione, infatti, il voto della Commissione Ambiente dell’Europarlamento fornisce agli Stati membri basi legali solide per bandire la coltivazione di OGM dai propri territori, rendendo difficile per l’industria biotech contrastare le legislazioni nazionali. Secondo Federica Ferrario, responsabile campagna Agricoltura Sostenibile di Greenpeace Italia, “la decisione degli Eurodeputati assicura ai cittadini europei un’agricoltura e un ambiente privi di OGM. Hanno radicalmente migliorato il testo adottato dal Consiglio che era stato fortemente influenzato dalla linea pro OGM del Governo britannico”.

Soddisfatto anche il Presidente di Slow Food Carlo Petrini, che afferma: “I cittadini europei vogliono che le politiche alimentari in Europa siano basate sulla tutela della biodiversità agroalimentare e sulla valorizzazione dei produttori di piccola scala. Chiedono, inoltre, sempre maggiore trasparenza, per avere la possibilità di scegliere il proprio cibo attraverso una reale sovranità alimentare nel proprio Paese”.

Ma la riforma ha in sé un punto debole. E’ senza dubbio una conquista (ancora più grande per quei Paesi che già da tempo hanno detto no agli OGM), ed è anche vero che, forse, è meglio che ognuno faccia per sé piuttosto che aspettare ancora anni per una Direttiva che vieti questo tipo di coltura sull’intero territorio dell’Unione Europea (e che probabilmente mai vedrà la luce perché mai tutti i 28 Stati Membri si troveranno d’accordo). Ma permettere agli Stati Membri di prendere decisioni individuali, basate su specifiche necessità nazionali e considerazioni locali, rende di nuovo le politiche UE non omogenee e, in un certo senso, poco ambiziose. Si potrebbero rispettare le caratteristiche nazionali anche con una maggiore leadership da parte dell’UE.

Se da un lato sono condivisibili le parole del Presidente di Coldiretti, Roberto Moncalvo, che sulla questione afferma “L’Europa da un lato, le Alpi e il mare dall’altro, renderanno l’Italia finalmente sicura da ogni contaminazione”,  permangono tuttavia alcune considerazioni: la coltivazione di piante transgeniche nell’Unione Europea interessa una superficie totale di appena 148mila ettari, seminati nel 2013, la quasi totalità in Spagna. Perché allora non dare un “colpo di coda”, con un segnale forte che interpreti davvero la volontà dei cittadini UE? Al netto della decisione assunta bisognerebbe ora lavorare in sede europea sul grande tema dell’informazione ai consumatori. L’etichettatura dei prodotti alimentare è una sfida che attende i decisori di Bruxelles. Molti cittadini, ad esempio, non sanno che ad un prodotto biologico con il logo europeo è concesso, oggi, risultare contaminato da OGM fino allo 0,9%. Un’anomalia e un controsenso, perché se un prodotto è realmente biologico dovrebbe escludere anche questo tipo di contaminazioni accidentali. Il biologico diventa così sicuro solo se proveniente dai Paesi che, alla luce della nuova normativa, diranno no alle coltivazioni OGM. Il secondo tema di intervento comunitario dovrebbe, infine, riguardare i mangimi animali. Al di fuori del comparto biologico, è difficile infatti trovare mangimi di mais o soia con un contenuto OGM al di sotto dello 0,9%. Si deve quindi pensare ad una etichettatura completa della filiera di carne e formaggi, compresi i foraggi usati.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende