Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Ortiamo? L’orto bio disegnato da casa che fa adottare la terra ai cittadini:

Ortiamo? L’orto bio disegnato da casa che fa adottare la terra ai cittadini

gennaio 25, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Le varietà di frutta e verdura preferite e quanto spazio dedicare alla coltivazione. Due scelte che oggi si possono  fare dallo schermo del computer. E’ l‘agricoltura 4.0, ma naturale e senza uso di veleni, offerta da Ortiamo. La Start-up marchigiana che permette di adottare un pezzo di terra, mangiare fresco e sano e “sporcarsi le mani” (virtualmente e non) anche senza essere contadini. L’idea del servizio è dei fratelli Francesco e Mirko Tassi, che nel 2015 durante una partita con FarmVille (video game dedicato alla vita rurale), hanno pensato di passare dal gioco all’impresa. Detto fatto i Tassi hanno sviluppato il software, contattato i contadini, visitato le aziende e selezionato quelle che assicurano una produzione senza fitofarmaci.

Come funziona il sistema? “L’ortista disegna on-line il suo orto dei desideri, può scegliere le varietà preferite, l’orto estivo o invernale e ricevere a casa il frutto della coltivazione”. Questo il “modello base” spiegato da Francesco. Ma, aggiunge, “invitiamo gli ortisti a partecipare attivamente al progetto, a visitare l’azienda con i bambini, a coltivare insieme al fattore”. Gli imprenditori hanno anche pubblicato la carta del buon ortista: “Rispettare le tecniche di coltivazione biologica che valorizzino la fertilità del suolo, la rotazione delle colture e la consociazione delle stesse; utilizzare prodotti naturali come concimi (resti vegetali o letame); usare per l’irrigazione solo acqua messa a disposizione dal fattore; acquistare gli ingredienti di produzione tramite il fattore, al fine di garantire il rispetto dei disciplinari biologici”. Il principio dunque è chiaro: massima attenzione alla natura.

La filosofia del progetto, oltre la diffusione dell’amore per la campagna tra i cittadini, punta alla valorizzazione dell’agricoltura sostenibile. “La selezione dei fattori è rigorosa. I terreni devono essere lontani da zone industriali, autostrade o da aziende che coltivano con l’utilizzo di pesticidi“, spiega Francesco, che sceglie così  i fattori: “certificati biologici, in via di certificazione, ma anche non certificati. Il principio di fondo è il rispetto rigido dei tempi di coltivazione, dei disciplinari biologici e il divieto assoluto di uso dei pesticidi. Scartiamo anche le serre“. Prima la qualità, quella naturale e rispettosa dell’ambiente. Un’altra regola inderogabile è la dimensione limitata dell’azienda, il fattore non può occuparsi di più di 30 orti. Tutti  personalizzati con il nome del cittadino che ha adottato il fazzoletto di terra.

Coltivazione, oltretutto, a chilometro zero e zero sprechi “L’orto non può distare più  di venti chilometri dalla residenza dell’ortista e non si butta via niente. E’ obbligatorio indicare familiari, amici o una famiglia bisognosa in caso di assenza da casa, in questo modo i prodotti vengono raccolti e la cassetta consegnata sempre – ci tiene a precisare Francesco – Poi solo verdura di stagione, non si può chiedere il pomodoro a marzo! Bisogna accettare che le insalate arrivino a domicilio con la lumaca sopra”. Meglio grezza e sana, in sintesi, che “bella” e velenosa.

L’iniziativa pare faccia bene anche ai conti dell’agricoltore. Si possono conoscere via web i fattori di Ortiamo, che vengono pagati prima grazie al sistema degli anticipi,  poi si fidelizzano i clienti, che possono acquistare altri prodotti dall’azienda. Una valorizzazione dell’agricoltura di prossimità che da Cagli, il primo paese delle Marche dove è partito l’esperimento, si è esteso a Pesaro, Urbino, Senigallia. L’obiettivo è di allargare ad un numero maggiore di regioni questa esperienza, ma a velocità controllata. Ci sono da scegliere bene le aziende. Ortiamo sì, ma non a tutti i costi.

Gian Basilio Nieddu


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

dicembre 11, 2017

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

Esiste un avamposto della biodiversità sulla Terra prima della “fine del mondo”: si chiama Global Seed Vault (GSV) e si trova nell’arcipelago delle Isole Svalbard a 1.300 chilometri dal Polo Nord. Pochi ne conoscono l’esistenza, ma si tratta del più grande deposito di semi del mondo e potrebbe essere l’ultima risorsa dell’umanità in caso di [...]

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

dicembre 7, 2017

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

Cento storie di imprese virtuose rappresentano il nucleo di partenza del primo Atlante Italiano dell’Economia Circolare – presentato nei giorni scorsi a Roma – che raccoglie esperienze basate sul riutilizzo, sulla riduzione degli sprechi, sulla diminuzione dei rifiuti, sulla reimmissione nel ciclo produttivo di materie prime recuperate (seconde). Il progetto è promosso da Ecodom, il [...]

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

dicembre 6, 2017

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

Si è svolta sabato 2 dicembre, a Parma, la “Giornata interdisciplinare di studio sull’antibiotico-resistenza” organizzata dall’Ordine dei Medici Veterinari di Parma con il sostegno di MSD Animal Health. Undici relatori, moderati dal Dr. Alberto Brizzi, organizzatore e presidente dell’Ordine, hanno illustrato, da prospettive diverse, gli impatti attuali e i rischi futuri relativi alla cosiddetta AMR [...]

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

dicembre 5, 2017

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili, nei primi dieci mesi del 2017 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto complessivamente circa 726 MW (+20% rispetto allo stesso periodo del 2016). Si conferma inoltre il trend mensile del fotovoltaico, che con i 29 MW connessi a ottobre 2017 raggiunge quota 352 MW [...]

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

dicembre 5, 2017

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

Il 5 dicembre è la Giornata Mondiale del Suolo. Una celebrazione che in Italia assume un significato particolare, essendo uno dei paesi in Europa con il più alto ritmo di consumo di questa risorsa non rinnovabile. Per questo Fondazione Cariplo ha scelto di lanciare proprio oggi il nuovo portale dedicato all’Ambiente, che avrà il compito di [...]

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

dicembre 1, 2017

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

Il 13 agosto 2017 è entrata in vigore la legge 123/2017, che recepisce la direttiva UE 2015/720 e contiene la nuova normativa sulle borse di plastica, con importanti novità anche per i sacchetti ultraleggeri utilizzati per gli alimenti sfusi (es. frutta e verdura) che non rispettino i criteri di compostabilità e biodegradabilità. In particolare il testo dispone [...]

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

novembre 30, 2017

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

Una campagna all’insegna del beneficio multiplo: più efficienza energetica, risparmio, valore, comfort, attenzione per l’ambiente e salute, sono questi i sei principi cardine che hanno ispirato la creazione della nuova campagna di Rete IRENE (Imprese per la Riqualificazione Energetica negli Edifici) aderente alla Campagna nazionale per l’efficienza energetica “Italia in Classe A”. Lanciata ufficialmente nei giorni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende