Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Ortiamo? L’orto bio disegnato da casa che fa adottare la terra ai cittadini:

Ortiamo? L’orto bio disegnato da casa che fa adottare la terra ai cittadini

gennaio 25, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Le varietà di frutta e verdura preferite e quanto spazio dedicare alla coltivazione. Due scelte che oggi si possono  fare dallo schermo del computer. E’ l‘agricoltura 4.0, ma naturale e senza uso di veleni, offerta da Ortiamo. La Start-up marchigiana che permette di adottare un pezzo di terra, mangiare fresco e sano e “sporcarsi le mani” (virtualmente e non) anche senza essere contadini. L’idea del servizio è dei fratelli Francesco e Mirko Tassi, che nel 2015 durante una partita con FarmVille (video game dedicato alla vita rurale), hanno pensato di passare dal gioco all’impresa. Detto fatto i Tassi hanno sviluppato il software, contattato i contadini, visitato le aziende e selezionato quelle che assicurano una produzione senza fitofarmaci.

Come funziona il sistema? “L’ortista disegna on-line il suo orto dei desideri, può scegliere le varietà preferite, l’orto estivo o invernale e ricevere a casa il frutto della coltivazione”. Questo il “modello base” spiegato da Francesco. Ma, aggiunge, “invitiamo gli ortisti a partecipare attivamente al progetto, a visitare l’azienda con i bambini, a coltivare insieme al fattore”. Gli imprenditori hanno anche pubblicato la carta del buon ortista: “Rispettare le tecniche di coltivazione biologica che valorizzino la fertilità del suolo, la rotazione delle colture e la consociazione delle stesse; utilizzare prodotti naturali come concimi (resti vegetali o letame); usare per l’irrigazione solo acqua messa a disposizione dal fattore; acquistare gli ingredienti di produzione tramite il fattore, al fine di garantire il rispetto dei disciplinari biologici”. Il principio dunque è chiaro: massima attenzione alla natura.

La filosofia del progetto, oltre la diffusione dell’amore per la campagna tra i cittadini, punta alla valorizzazione dell’agricoltura sostenibile. “La selezione dei fattori è rigorosa. I terreni devono essere lontani da zone industriali, autostrade o da aziende che coltivano con l’utilizzo di pesticidi“, spiega Francesco, che sceglie così  i fattori: “certificati biologici, in via di certificazione, ma anche non certificati. Il principio di fondo è il rispetto rigido dei tempi di coltivazione, dei disciplinari biologici e il divieto assoluto di uso dei pesticidi. Scartiamo anche le serre“. Prima la qualità, quella naturale e rispettosa dell’ambiente. Un’altra regola inderogabile è la dimensione limitata dell’azienda, il fattore non può occuparsi di più di 30 orti. Tutti  personalizzati con il nome del cittadino che ha adottato il fazzoletto di terra.

Coltivazione, oltretutto, a chilometro zero e zero sprechi “L’orto non può distare più  di venti chilometri dalla residenza dell’ortista e non si butta via niente. E’ obbligatorio indicare familiari, amici o una famiglia bisognosa in caso di assenza da casa, in questo modo i prodotti vengono raccolti e la cassetta consegnata sempre – ci tiene a precisare Francesco – Poi solo verdura di stagione, non si può chiedere il pomodoro a marzo! Bisogna accettare che le insalate arrivino a domicilio con la lumaca sopra”. Meglio grezza e sana, in sintesi, che “bella” e velenosa.

L’iniziativa pare faccia bene anche ai conti dell’agricoltore. Si possono conoscere via web i fattori di Ortiamo, che vengono pagati prima grazie al sistema degli anticipi,  poi si fidelizzano i clienti, che possono acquistare altri prodotti dall’azienda. Una valorizzazione dell’agricoltura di prossimità che da Cagli, il primo paese delle Marche dove è partito l’esperimento, si è esteso a Pesaro, Urbino, Senigallia. L’obiettivo è di allargare ad un numero maggiore di regioni questa esperienza, ma a velocità controllata. Ci sono da scegliere bene le aziende. Ortiamo sì, ma non a tutti i costi.

Gian Basilio Nieddu


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende