Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Ostana: il borgo alpino tornato a vivere:

Ostana: il borgo alpino tornato a vivere

maggio 20, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

A distruggere si fa in fretta, ricostruire è lungo e difficile. Giacomo Lombardo, l’artefice della rinascita del borgo alpino di Ostana, in Piemonte, lo ripete più volte raccontando la storia del paese. Alla guida – come sindaco o membro della giunta – del villaggio ai piedi del Monviso dal 1985, insieme ai suoi collaboratori è riuscito a fermare l’emorragia che avrebbe portato anche Ostana, come molte altre manciate di case aggrappate ai pendii alpini e raccolte intorno a un campanile, a morire. “Trenta anni fa abbiamo iniziato ad amministrare il paese, succedendo a un sindaco che aveva governato per venti anni senza credere nelle potenzialità del luogo”, spiega il primo cittadino.

La situazione allora era drammatica: “Molte case in cattive condizioni, solo cinque abitanti rimasti dei 1.300 originari”. Per invertire la tendenza, “siamo partiti dall’unica cosa che avevamo: il patrimonio immobiliare. Abbiamo invitato i proprietari a ristrutturare le case seguendo regole precise, tra cui l’utilizzo di materiali tradizionali e il rispetto delle forme architettoniche alpine. In questi anni, i due terzi dei 500 edifici totali sono stati recuperati”. E oggi sono diventati una ricchezza: il paese, 1.300 metri, è stato inserito tra i Borghi più Belli d’Italia e oggi viene visitato proprio per la sua bellezza. “Dal 1985 non sono più state costruite case nuove. In precedenza erano stati realizzati otto edifici ex novo, che ora stiamo cercando di recuperare”.

Ma il villaggio della valle del Po non vive solo di architetture: le altre ricchezze su cui l’amministrazione punta da anni sono il paesaggio e la cultura occitana. “Grazie a un finanziamento europeo, abbiamo recuperato un bosco e una rete di sentieri”. Sul fronte culturale, “il 30 maggio prenderà il via la settima edizione del premio letterario per le lingue di minoranza. Quest’anno premieremo Antonia Arslam, la scrittrice di origine armena che ha raccontato il genocidio del suo popolo ne ‘La masseria delle allodole’. E ogni anno organizziamo anche un premio di poesia e fotografia dedicato alla montagna, passeggiate cantate sui sentieri, cori natalizi in lingua occitana”.

Dopo 25 anni di duro lavoro si sono iniziati a vedere i primi risultati, in primo luogo nell’aumento della popolazione. Dai cinque abitanti di 30 anni fa, oggi qui vivono 40 persone, tra cui sette bambini. Numeri ancora piccoli, è vero, ma frutto di un crescita comunque dell’800%. Per alcuni è stato un ritorno al paese dei genitori o dei nonni, per altri il punto di arrivo di una lunga ricerca di uno stile di vita diverso. “Una ragazza di Milano è venuta qui in vacanza e non se n’è più andata. Ha trovato lavoro in un’azienda qua vicino e ora vive a Ostana”, racconta orgoglioso Lombardo, che la scorsa settimana era al Salone del libro di Torino per raccontare come il villaggio è tornato a vivere. Ed è ripartito quel cambio generazionale che per qualche decennio si era inceppato, e che sta dando nuovo impulso all’agricoltura: “Stiamo assistendo a un ritorno di ragazzi che vogliono scommettere sull’agricoltura di montagna. Abbiamo per esempio un agriturismo di una giovane famiglia che produce genepy ed erbe aromatiche. Abbiamo promosso un’associazione fondiaria composta dai proprietari terrieri di appezzamenti incolti, su cui una ragazza neolaureata in Botanica sta facendo delle sperimentazioni. Stiamo provando varie colture, per vedere quali sono le più adatte al nostro ambiente”. E quest’anno, con il latte delle mucche che arrivano quassù per la transumanza estiva, si produrrà per la prima volta il formaggio Ostana, risultato del lavoro di cinque pastori.

Intanto, prosegue anche la ristrutturazione delle borgate ancora da recuperare. Quella di S. Antonio è tornata a vivere grazie a un contributo del Piano di Sviluppo Rurale: c’è anche un centro polifunzionale per attività culturali che sarà gestito da un’associazione di giovani. E tra un anno dovrebbe aprire un centro benessere completamente autosufficiente dal punto di vista energetico, alimentato a energie rinnovabili. “Darà due posti di lavoro, che quassù non sono pochi: potrebbe voler dire due nuove famiglie che vengono a vivere a Ostana”. E altri progetti sono in cantiere per riportare la vita nelle borgate ancora vuote: “Un gruppo di imprenditori svizzeri vorrebbe aprire qui una scuola di montagna, per insegnare alle persone come si viveva quassù. Un altro gruppo di investitori italiani vorrebbe creare qui un albergo diffuso”, spiega Lombardo. Sui nuovi progetti grava l’incognita del PSR: sembra infatti, spiegano anche dall’UNCEM (l’Unione nazionale dei Comuni ed enti montani), che nella nuova programmazione non sarà inserita una misura a supporto del recupero dei borghi alpini di cui la stessa Ostana ha beneficiato in passato.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende