Home » Rubriche »Very Important Planet » Illuminati da un raggio di Luz:

Illuminati da un raggio di Luz

ottobre 1, 2010 Rubriche, Very Important Planet

Pablo Lopez Luz Pablo López Luz, messicano, 31 anni, è il fotografo vincitore del concorso organizzato dall’Istituto Italo-Latino Americano, che quest’anno aveva  come tema il rapporto tra la natura e la metropoli.

Lo crudo cocido. Così gli organizzatori, citando l’antropologo Claude Lévi-Strauss (autore recentemente scomparso dell’immortale Il crudo e il cotto), hanno voluto intitolare il premio, dove il crudo è simbolo della natura e il cotto metafora della cultura.

Le opere di Pablo e degli altri finalisti saranno esposte a Roma, alle scuderie di Palazzo Santacroce, fino al 23 ottobre. Il progetto, con cui ha partecipato al concorso, è composto da alcune foto dall’alto di Città del Messico, un tessuto urbano in continua e caotica espansione, a scapito dell’ambiente naturale. “Ho voluto fotografare queste montagne – spiega Pablo guardando una delle opere – perché forse è l’ultima volta che le vediamo così, non ancora invase dalla città”.

D) Pablo, è la prima volta che tratti il tema dell’ambiente?

R) No, la natura è sempre stata un tema molto importante per me, un elemento di interesse che mi porto dietro da sempre. Mio padre fa il gallerista e quando ero piccolo ero affascinato dai quadri della scuola paesaggista messicana esposti in galleria. In seguito ho cercato di riprodurre quelle visioni ampie del paesaggio. Per questo ho utilizzato spesso le foto dall’alto, per avere una visione d’insieme.

D)  Come hai iniziato a lavorare sulla natura?

R) C’era un paesaggio a Città del Messico che attirava molto la mia attenzione, ma cercavo un punto di vista diverso da cui fotografarlo. Come dicevo prima, mi sono ispirato molto alle visioni ampie dei paesaggisti del passato, ma ho cercato di dare una versione contemporanea di quei paesaggi.

D) Pensi che la fotografia possa sensibilizzare le persone a uno stile di vita più ecosostenibile?

R) Una foto di un paesaggio deturpato dall’uomo non basta. Forse però possono riuscirci molte immagini del genere. Questo non significa che dobbiamo smettere di lavorare per una maggiore sensibilità ambientale.

D) Nelle tue fotografie si vede una natura ferita dall’avanzare della città. Strade, baracche e grattacieli sono come cicatrici della terra. Quando scatti hai un obiettivo di denuncia?

R) Il mio primo intento è indagare la trasformazione dello spazio, del paesaggio naturale in relazione a quello urbano . E attraverso la rappresentazione di come è cambiato lo spazio, voglio parlare anche dell’uomo. So benissimo però che le mie foto inducono a una lettura sociale e politica, di denuncia, con la quale mi trovo d’accordo seppure non da me ricercata.

D) Tu sei a Roma da una settimana e rimarrai qui ancora un mese per realizzare un progetto fotografico sulla città. Che impressione ti ha fatto? Come ti sembra la natura all’interno dello spazio urbano?

R) La cosa che mi ha colpito di più sono i parchi: mi sono sembrati vivi, parte della vita quotidiana delle persone. Sono gli unici spazi verdi della città, perché se cammini nel centro storico non vedi alberi.

D) E com’è la situazione a Città del Messico, dove vivi?

R) E’ una città che sta crescendo a dismisura, come una goccia d’acqua che si allarga continuamente. Non ci sono grandi parchi, perché il tessuto urbano ha avuto uno sviluppo caotico, non pianificato. Gli unici spazi verdi sono rimaste le montagne attorno alla città. Nel quartiere dove vivo c’è stata un’iniziativa “verde”: è stato introdotto un servizio di bike-sharing che sta avendo molto successo.

D) Cosa si può fare secondo te per rendere una città più vivibile, più verde?

R) Partire dai singoli cittadini. A Città del Messico, per esempio, non c’è spazio per realizzare parchi, ma le persone potrebbero iniziare a coltivare piante sui balconi e sui tetti.

D) Anche nel progetto che realizzerai a Roma affronterai il tema del rapporto tra città e natura?

R) Non credo. Ho deciso di trovare un approccio diverso. Vorrei concentrarmi sul rapporto tra uomo e città, uomo e storia, partendo da una reinterpretazione dei monumenti e dell’architettura classica. Cercherò di ottenere qualcosa di originale, diverso dalle foto che si vedono sulle guide turistiche.

D) Nella tua vita quotidiana quali sono i gesti di attenzione per l’ambiente?

R) Riguardano soprattutto la mia attività di fotografare la natura. Non sempre riesco a trasferire questa grande attenzione all’ambiente nella vita di tutti i giorni.

D) Dal 2004 ti sei concentrato sulla relazione tra uomo e natura. Come pensi che cambierà, in futuro, questo rapporto?

R) Secondo me prima o poi la città si autodistruggerà e la natura avrà di nuovo il sopravvento. Forse non la natura come la concepiamo noi oggi: magari dove adesso c’è una città in futuro avanzerà il deserto. D’altra parte basta vedere cosa sta succedendo: terremoti, inondazioni, disastri naturali. Sono tutte espressioni della natura che non si arrende all’uomo.

D) E come cambierà invece, secondo te, l’approccio dell’uomo all’ambiente?

R) La gente si sta rendendo conto che non può continuare a vivere come ha sempre fatto. Penso però che grandi cambiamenti di mentalità avverranno solo in seguito a catastrofi, perché le persone cambiano sempre dopo eventi di forte impatto.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende