Home » Rubriche »Very Important Planet » Illuminati da un raggio di Luz:

Illuminati da un raggio di Luz

ottobre 1, 2010 Rubriche, Very Important Planet

Pablo Lopez Luz Pablo López Luz, messicano, 31 anni, è il fotografo vincitore del concorso organizzato dall’Istituto Italo-Latino Americano, che quest’anno aveva  come tema il rapporto tra la natura e la metropoli.

Lo crudo cocido. Così gli organizzatori, citando l’antropologo Claude Lévi-Strauss (autore recentemente scomparso dell’immortale Il crudo e il cotto), hanno voluto intitolare il premio, dove il crudo è simbolo della natura e il cotto metafora della cultura.

Le opere di Pablo e degli altri finalisti saranno esposte a Roma, alle scuderie di Palazzo Santacroce, fino al 23 ottobre. Il progetto, con cui ha partecipato al concorso, è composto da alcune foto dall’alto di Città del Messico, un tessuto urbano in continua e caotica espansione, a scapito dell’ambiente naturale. “Ho voluto fotografare queste montagne – spiega Pablo guardando una delle opere – perché forse è l’ultima volta che le vediamo così, non ancora invase dalla città”.

D) Pablo, è la prima volta che tratti il tema dell’ambiente?

R) No, la natura è sempre stata un tema molto importante per me, un elemento di interesse che mi porto dietro da sempre. Mio padre fa il gallerista e quando ero piccolo ero affascinato dai quadri della scuola paesaggista messicana esposti in galleria. In seguito ho cercato di riprodurre quelle visioni ampie del paesaggio. Per questo ho utilizzato spesso le foto dall’alto, per avere una visione d’insieme.

D)  Come hai iniziato a lavorare sulla natura?

R) C’era un paesaggio a Città del Messico che attirava molto la mia attenzione, ma cercavo un punto di vista diverso da cui fotografarlo. Come dicevo prima, mi sono ispirato molto alle visioni ampie dei paesaggisti del passato, ma ho cercato di dare una versione contemporanea di quei paesaggi.

D) Pensi che la fotografia possa sensibilizzare le persone a uno stile di vita più ecosostenibile?

R) Una foto di un paesaggio deturpato dall’uomo non basta. Forse però possono riuscirci molte immagini del genere. Questo non significa che dobbiamo smettere di lavorare per una maggiore sensibilità ambientale.

D) Nelle tue fotografie si vede una natura ferita dall’avanzare della città. Strade, baracche e grattacieli sono come cicatrici della terra. Quando scatti hai un obiettivo di denuncia?

R) Il mio primo intento è indagare la trasformazione dello spazio, del paesaggio naturale in relazione a quello urbano . E attraverso la rappresentazione di come è cambiato lo spazio, voglio parlare anche dell’uomo. So benissimo però che le mie foto inducono a una lettura sociale e politica, di denuncia, con la quale mi trovo d’accordo seppure non da me ricercata.

D) Tu sei a Roma da una settimana e rimarrai qui ancora un mese per realizzare un progetto fotografico sulla città. Che impressione ti ha fatto? Come ti sembra la natura all’interno dello spazio urbano?

R) La cosa che mi ha colpito di più sono i parchi: mi sono sembrati vivi, parte della vita quotidiana delle persone. Sono gli unici spazi verdi della città, perché se cammini nel centro storico non vedi alberi.

D) E com’è la situazione a Città del Messico, dove vivi?

R) E’ una città che sta crescendo a dismisura, come una goccia d’acqua che si allarga continuamente. Non ci sono grandi parchi, perché il tessuto urbano ha avuto uno sviluppo caotico, non pianificato. Gli unici spazi verdi sono rimaste le montagne attorno alla città. Nel quartiere dove vivo c’è stata un’iniziativa “verde”: è stato introdotto un servizio di bike-sharing che sta avendo molto successo.

D) Cosa si può fare secondo te per rendere una città più vivibile, più verde?

R) Partire dai singoli cittadini. A Città del Messico, per esempio, non c’è spazio per realizzare parchi, ma le persone potrebbero iniziare a coltivare piante sui balconi e sui tetti.

D) Anche nel progetto che realizzerai a Roma affronterai il tema del rapporto tra città e natura?

R) Non credo. Ho deciso di trovare un approccio diverso. Vorrei concentrarmi sul rapporto tra uomo e città, uomo e storia, partendo da una reinterpretazione dei monumenti e dell’architettura classica. Cercherò di ottenere qualcosa di originale, diverso dalle foto che si vedono sulle guide turistiche.

D) Nella tua vita quotidiana quali sono i gesti di attenzione per l’ambiente?

R) Riguardano soprattutto la mia attività di fotografare la natura. Non sempre riesco a trasferire questa grande attenzione all’ambiente nella vita di tutti i giorni.

D) Dal 2004 ti sei concentrato sulla relazione tra uomo e natura. Come pensi che cambierà, in futuro, questo rapporto?

R) Secondo me prima o poi la città si autodistruggerà e la natura avrà di nuovo il sopravvento. Forse non la natura come la concepiamo noi oggi: magari dove adesso c’è una città in futuro avanzerà il deserto. D’altra parte basta vedere cosa sta succedendo: terremoti, inondazioni, disastri naturali. Sono tutte espressioni della natura che non si arrende all’uomo.

D) E come cambierà invece, secondo te, l’approccio dell’uomo all’ambiente?

R) La gente si sta rendendo conto che non può continuare a vivere come ha sempre fatto. Penso però che grandi cambiamenti di mentalità avverranno solo in seguito a catastrofi, perché le persone cambiano sempre dopo eventi di forte impatto.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende