Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Paduli, il parco agricolo multifunzionale delle “Terre di Mezzo”:

Paduli, il parco agricolo multifunzionale delle “Terre di Mezzo”

gennaio 30, 2019 Campioni d'Italia, Rubriche

L‘ostello “biodegradabile” nell’oliveto, la casa degli animali da affetto dove con i randagi curati si pratica la pet therapy, il recupero delle case fatiscenti dei primi del ’900 da trasformare in case temporanee per le famiglie in difficoltà. E’ la Rural Revolution imperniata sul contrasto al consumo del suolo, l’efficientamento energetico, la valorizzazione delle risorse idriche e degli scarti delle lavorazioni, dei saperi tradizionali con ottica innovativa.

I protagonisti di questi progetti di sviluppo locale e rurale nel Mezzogiorno sono un soggetto pubblico (l’Unione dei Comuni delle Terre di Mezzo, ovvero 7 paesi in provincia di Lecce), un’associazione della società civile (Laboratorio Urbano Abitare i Paduli, in sigla LUA) e uno studio di architetti (Metamor Architetti Associati).

“Da 15 anni abbiamo avviato studi sulla pianificazione sostenibile sperimentando pratiche e interventi architettonici sul territorio. In particolare avviamo processi di rigenerazione con una forte attenzione alla dimensione sociale. Crediamo che organizzare un sistema di servizi permetta di andare verso la sostenibilità ambientale ed economica di aree tendenzialmente destinate all’abbandono e quindi cariche di problematiche sociali”, ci spiega l’architetto Mauro Lazzari, che con i colleghi Juri Battaglini, Gaetano Fornarelli e Marco Lazzari forma la squadra dello studio Metamor.

La cura ambientale del territorio è anche cura del tessuto delle relazioni sociali e della qualità della vita. Come sosteneva il sociologo Ignacy Sachs – che parlava di multidimensionalitànelle politiche di sviluppo locale la sostenibilità in gioco non è solo quella ambientale. Per questa ragione, in questo angolo della provincia di Lecce, hanno investito sulla multifunzionalità dell’agricoltura ampliando le competenze, ma anche rafforzando quelle tradizionali, dei “cittadini rurali”.

Le azioni di sviluppo più interessanti riguardano l’area del Parco Agricolo Multifunzionale Paduli, al centro della penisola salentina, che si estende per 5.500 ettari prevalentemente coltivati a olivo. In questo perimetro sono presenti i comuni dell’”Unione delle Terre di Mezzo”: San Cassiano, Botrugno, Giuggianello, Nociglia, Sanarica, Supersano e Surano. Per arrivare alla conversione economica in ottica sostenibile di quest’area si lavora da tempo: “Dal 2003 – racconta Lazzari – quando ha preso il via il processo di lavoro sul territorio con il laboratorio di partecipazione coordinato dal LUA, si sono coinvolte le istituzioni locali, le associazioni, gli abitanti ed un altissimo numero di esperti da tutta Italia intorno a un’idea di parco agricolo”. Una concezione dinamica, non limitata ad una valorizzazione da dépliant patinato del paesaggio rurale. Idee, concetti e strumenti sono poi diventati un contributo, sotto forma di progetto sperimentale, al Piano Paesaggistico della Regione Puglia (2008).

Il parco non è istituito (né lo sarà) ma il progetto ha già ricevuto prestigiosi riconoscimenti: nel 2014 è stato selezionato dal Ministero dei Beni Culturali per rappresentare l’Italia al Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa, mentre nel 2016 ha partecipato all’esposizione con i 20 progetti del Padiglione Italia alla Biennale Internazionale di Architettura di Venezia.

In seno a questa esperienza di progettazione “dal basso” è nato il Laboratorio Urbano  “Abitare i Paduli”, che ha guidato la trasformazione dell’idea iniziale: originariamente basata sulla creazione di un parco per la tutela ambientale, la promozione delle produzioni agricole locali e la valorizzazione turistica del patrimonio ambientale e culturale, ha poi virato verso l’obiettivo di “uno spazio – in tutte le sue dimensioni, compresa quella sociale – dove generare diverse attività economiche, collegate con il tessuto sociale, che assicurino produzione di beni, servizi e di benessere e coesione sociale”, spiega l’architetto. Un esempio concreto? “Il frantoio di comunità dove oltre a recuperare spazi e valorizzare l’economia si saldano le relazioni sociali”.

La manutenzione dell’ecosistema locale non può prescindere, in questo progetto, dalle condizioni sociali. Mauro fa un altro esempio: “La foresteria dei bambini vede integrata la scuola di genitorialità, dove accanto ad un ostello per i piccoli visitatori, si sviluppa un servizio rivolto alle famiglie interessate da affidi e adozioni, esteso a tutte le famiglie biologiche che abbiano problemi nella gestione dei bambini. In sinergia con l’ASL”. Green & Social.

“La casa degli animali da affetto – prosegue Mauro – è legata al contrasto del fenomeno del randagismo e questo consente la possibilità di gestire questi animali all’interno di un servizio di pet therapy, che in Puglia è una terapia riconosciuta dalla Regione”. Un altro progetto interessante è stato sviluppato con l’ex IACP dove si sperimenterà una gestione partecipata della manutenzione. Ad ogni ora di lavoro per la gestione degli spazi corrisponderà uno sconto sull’affitto. Ma non è finita qui: “In un’area urbana si recupereranno gli edifici crollati, che risalgono ai primi del ’900, per costruire le ‘case parcheggio‘ ovvero abitazioni per le famiglie che si trovano in difficoltà economica. Vengono ospitate con contratto temporaneo e in cambio prestano servizi alla comunità come, per esempio, la cura del verde pubblico o – nel caso dei laureati – il doposcuola per i bambini”.

Questa mole di progetti è stata finanziata dalla Regione Puglia con 3 milioni di euro. L’obiettivo? “Creare un’ alternativa alle smart cities con le smart land. Vogliamo creare un modello di rigenerazione per i piccoli centri rurali.”

Un altro progetto da conoscere è quello relativo all’ agro-forestazione. Si interviene in due piccoli PIP (micro zone industriali) dove si punta su diversi interventi, a iniziare dal vivaio di comunità. “Vogliamo ridurre il consumo di suolo e con l’agroforestazione puntare alla captazione delle polveri sottili, valorizzare le acque bianche – sottolinea l’architetto  - L’impronta ecologica è importante, ma serve anche dare una percezione visiva diversa da quella che solitamente si ha di queste aree”.

Il progetto “Nidificare i Paduli”, infine, dispone di un curioso “albergo biodegradabile” che si costruisce con materiali di scarto delle lavorazioni agricole. “Qui si ospitano i visitatori da giugno ad ottobre negli oliveti. Le strutture sono il frutto di un concorso internazionale rivolto ad architetti – spiega Mauro – Chi vince deve organizzare un workshop di una settimana su come e cosa costruire. Si recupera l’arte dell’intreccio, si utilizzano gli scarti della potatura, canne, materiali di risulta”. Vacanze ad emissioni zero e soprattutto senza consumo di suolo.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende