Home » Campioni d'Italia »Rubriche » “Paesaggi sensibili” per i Campioni d’Italia Nostra:

“Paesaggi sensibili” per i Campioni d’Italia Nostra

luglio 13, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Qualcuno li definisce «la Fiom tra le associazioni ambientaliste», gli irriducibili della difesa del paesaggio. Sicuramente Italia Nostra, la più vecchia associazione ambientalista del nostro Paese, è tra i campioni d’Italia nella difesa dei beni paesaggistici, storici e artistici nazionali. «All’ultimo sangue», sottolinea fiera Alessandra Mottola Molfino, presidente dal 2009.

Tutto comincia negli anni Cinquanta, a Roma, «tra il Tevere e Trinità dei Monti, in quel tessuto stratificato e denso di storia che nel 1951 doveva essere cancellato dall’attuazione dell’ennesimo sventramento, concepito nel ventennio tra le due guerre, tra piazza di Spagna e piazza Augusto Imperatore. Contro quel progetto uomini di lettere, artisti, storici, critici d’arte, urbanisti si mobilitarono e si unirono a difesa del patrimonio artistico e delle nostre bellezze naturali sempre più minacciate», si legge sul sito dell’Associazione, costituita ufficialmente il 29 ottobre 1955.

A fondarla, nomi illustri dell’ambientalismo italiano come Umberto Zanotti Bianco, Desideria Pasolini dall’Onda, Elena Croce (figlia di Benedetto e tra gli ideatori del FAI), Hubert Howard e uomini di cultura come Luigi Magnani, Pietro Paolo Trompeo e lo scrittore Giorgio Bassani. Da quel momento, Italia Nostra si è sempre richiamata all’Articolo 9 della Costituzione, e in particolare al secondo comma, dove si stabilisce che la Repubblica «tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione».

In quasi sei decenni di storia, l’associazione ha aperto più di 200 sezioni in tutta la penisola e ha svolto attività in campi diversi: la tutela dei beni culturali, la pianificazione urbanistica e territoriale, la promozione dei parchi nazionali, la protezione dell’ambiente, la gestione della questione energetica, la riflessione sui modelli di sviluppo del Paese, la viabilità e i trasporti, l’agricoltura, il mare, le coste, le isole, i musei, le biblioteche, gli archivi storici. Spesso, insieme alle altre associazioni culturali e di protezione ambientale, si è impegnata con gli amministratori per definire nuove leggi a tutela del patrimonio storico e ambientale.

Tra le campagne attive in questo momento, in tutto dodici, un ruolo particolare spetta alla difesa dell’agricoltura e del patrimonio agricolo italiano, che, sottolinea la presidente, «è la nostra identità».  Per questo l’associazione è impegnata per la creazione di orti urbani, con punte di eccellenza in Lombardia: «A Milano, Italia Nostra gestisce Bosco in Città, esempio di forestazione urbana, mentre a Sesto San Giovanni, su terreni del Comune, abbiamo realizzato circa 700 orti». All’agricoltura è dedicata quest’anno la campagna Paesaggi Sensibili, per lanciare un «forte allarme, rivolto alla politica e alle istituzioni, affinché fermino lo sfruttamento dei beni comuni, riconsiderino il valore della terra e dei suoi prodotti, grande ricchezza del nostro Paese e merce pregiata sulle tavole di tutto il mondo. Inquinamento, cementificazione, abbandono delle campagne, improprie destinazioni dei campi per produzione energetica, perdita della biodiversità, sono alcuni dei pericoli per quel paesaggio rurale che da sempre ha reso celebre il Bel Paese», spiega l’associazione, che dal 17 al 23 ottobre organizza, in collaborazione con Coldiretti, una settimana di eventi dedicati alla valorizzazione del paesaggio agrario sempre più minacciato. «Quest’anno abbiamo stilato la classifica delle Zappe Nere, che raccoglie i casi di più grave abbandono e di rischio più alto di cementificazione», spiega Alessandra Mottola Molfino. Tra queste bellezze a rischio («perdute per sempre?», si domanda tristemente l’associazione), c’è anche la tenuta di Cavour a Leri (Vercelli). I genitori di Camillo Benso Cavour, racconta la presidente, l’avevano trasformata in un’azienda all’avanguardia per i tempi e qui lo stesso conte soggiornava nei momenti di tranquillità. Oggi è disabitata, in totale stato di abbandono. Un caso che, nei 150 anni dell’Unità d’Italia, non fa certo onore al nostro Paese. È stato elaborato però, grazie anche all’impegno dell’associazione, un piano di recupero dell’intero borgo. Altri luoghi che figurano nella classifica Zappe Nere sono i terrazzamenti della Liguria, a rischio frana causa abbandono e manomissioni, e i terreni agricoli della provincia di Verona.  Qui, nella campagna tra Vigasio e Trevenzuolo, in un’area di oltre quattro milioni e mezzo di metri quadrati, sta per essere realizzato Motorcity, il più grande centro commerciale d’Europa, con annessi una pista automobilistica, un parco divertimenti più grande di Gardaland, due hotel e capannoni produttivi. «Tutto autorizzato da una delibera della Regione Veneto il 29 dicembre 2009 e il tutto su una  zona caratterizzata dalla presenza di risorgive che rende l’ambiente fragile e prezioso  e particolarmente fertile per l’agricoltura», fa notare Italia Nostra. La lotta contro la cementificazione è da sempre al centro di tante battaglie. L’ultima è la campagna Italia mangiata, per dire no a tutte le proposte di condono edilizio che di tanto in tanto trapelano dai palazzi della politica, e in  generale alla cementificazione selvaggia delle nostre terre.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende