Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Pampers salva i pannolini usati dalla discarica:

Pampers salva i pannolini usati dalla discarica

dicembre 14, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

I pannolini usati si riciclano: dal prossimo maggio, diventeranno panchine, giochi per bambini, fioriere o tanti altri gli oggetti d’uso quotidiano, grazie a un progetto – primo del genere in Italia – firmato Pampers. Niente più pannolini e assorbenti nelle discariche, dunque. Ma non è tutto: con il nuovo sistema “carbon negative”, si potranno risparmiare 17,7 kg di CO2 per tonnellata di pannolini usati.

Riciclare i pannolini usati è un’idea nata dalla collaborazione tra Fater, l’azienda che produce e commercializza i pannolini Pampers in Italia (e che ha sviluppato il processo tecnologico), il Comune di Ponte nelle Alpi (che per due anni è stato il più “riciclone” in Italia e che si occuperà di separare, nella raccolta, pannolini per bambini e altri prodotti assorbenti) e il Centro Riciclo Vedelago, che differenzia e ricicla già i rifiuti di più di 1.200.000 abitanti di comuni nelle province di Treviso e Belluno. In pratica, dai pannolini sporchi nasceranno molteplici oggetti, ma anche cartoni per imballaggi industriali e perfino fertilizzanti.

“In Italia – ha spiegato Roberto Marinucci, direttore generale Faber, durante la conferenza stampa di presentazione del progetto a Milano – c’è un grande problema di rifiuti. Il nostro sistema contribuisce ad alleggerire le discariche, e provoca anche ricadute positive a livello economico”. Lo sanno bene a Ponte nelle Alpi. Ezio Orzes Assessore all’Ambiente del paese riciclone, ha ribadito: “I rifiuti sono energia e lavoro sprecato, un indicatore dell’inefficienza del nostro sistema economico e politico”. Visione condivisa dal sindaco Roger De Menech: “Dal 2007 siamo passati dal 23% di riciclo al 90% di oggi, il che significa un 15% di riduzione sulle tariffe dei rifiuti. Tutto questo sfata il mito che l’ecosostenibilità è costosa”. Tanto che il prossimo obiettivo è quello di estendere il progetto a livello nazionale.

Oggi, in Italia, finiscono in discarica 900mila tonnellate di assorbenti usati, il 3% di tutti i rifiuti; vengono smaltiti in discarica (per il 77% del volume) o tramite incenerimento (23%). Il nuovo sistema di raccolta e riciclo permetterà invece il riutilizzo totale del prodotto. Ambiente Italia, istituto indipendente di analisi e ricerca ambientale, ha evidenziato come il riciclo faccia risparmiare 17,7 kg di CO2 eq per tonnellata di pannolini. A ciò si aggiunge che il riciclo minimizza emissioni pericolose derivanti da processi di combustione o degradazione anaerobica tipiche di discariche e inceneritori, perché utilizza solo vapore a pressione e non agenti chimici. Numeri alla mano, nella zona in cui lo si intende implementare, il riciclo dei pannolini eliminerà, a regime, 1.874 tonnellate all’anno di CO2, ovvero la quantità di anidride carbonica catturata ogni anno da oltre 62.000 alberi. Ogni anno, saranno anche ridotti i rifiuti in discarica almeno 4.600 tonnellate. Ma non basta, perchè si risparmieranno 11.609 MJ/anno, il consumo elettrico medio di più di 500 famiglie.

L’inventore del rivoluzionario sistema Pampers è Marcello Somma, giovane ingegnere salernitano, con una lunga lista di brevetti depositati a proprio nome. “Il cuore del sistema – ha spiegato - è un autoclave che, grazie al vapore, sterilizza il pannolino per eliminare la sua carica potenzialmente patogena. Il prodotto viene poi asciugato. Infine, si separano meccanicamente le componenti”. Semplice da raccontare, un po’ meno a realizzarlo. In definitiva, però, da 1 tonnellata di prodotti usati si ottengono 150 kg. di plastica e 350 kg. di materia organico-cellulosica. Ipotizzando di poter riapplicare il sistema sperimentale promosso da Fater all’intero territorio italiano e per tutti i prodotti assorbenti per la persona, si risparmierebbero in termini di volumi di rifiuti l’equivalente di almeno 3 discariche l’anno; in termini di CO2, solo per i pannolini, si risparmierebbero 64 milioni di kg di CO2 equivalente l’anno.

Il sistema di riciclo fa parte di una più vasta strategia sostenibile seguita da Pampers che, negli anni, ha ridotto del 45% il peso del pannolino e del 68% il packaging.

Agnese Pellegrini

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende