Home » Rubriche »Very Important Planet » Pangea, il giro del mondo in bicicletta di Alessandro Da Lio:

Pangea, il giro del mondo in bicicletta di Alessandro Da Lio

Classe 1959, Alessandro Da Lio è molto più di un appassionato di bici. Nato a Venezia, esploratore, ciclista, a partire dagli anni Novanta ha attraversato le Dolomiti, ha solcato i Tatra Mountain (ex Cecoslovacchia), e i Carpazi (Romania). Dal 2001 ha sviluppato la sua passione per l’Alaska in invernale, ha affrontato la prima Transalp in solitaria, da Mittenwald in Germania fino a Riva del Garda. Mentre l’ultima Transalp risale al luglio del 2011, con bici da 25 kg, zaino e autosufficienza. Dal 1°maggio 2015, in collaborazione con Pangea – Cycling on life’s Origin, il progetto di cui è fondatore, Alessandro partirà per un viaggio in bicicletta di oltre 50.000 chilometri, da Città del Capo per terminare nell’autunno del 2017, attraversando l’area dei due Poli. Un’esplorazione eco-sostenibile, cui potrà partecipare chiunque vorrà aderire all’iniziativa, come ciclista o da semplice spettatore, seguendo in tempo reale notizie e immagini con le quali l’équipe itinerante documenterà il viaggio. A Greenews.info Alessandro ha raccontato come si è preparato al viaggio.

D) Alessandro, perché ha deciso di iniziare quest’avventura? A 56 anni?

R) Iniziare Pangea – Cycling on life’s Origin rappresenta la voglia di dar vita al progetto che da anni girava per la mente e per il cuore. L’intersecarsi naturale dei tanti e vari aspetti ha attivato la molla della partenza…

D) In cosa è diversa dagli altri numerosi viaggi che ha già realizzato?

R) Pangea rappresenta quel passo in più che naturalmente si affronta per approfondire le proprie conoscenze e, in questo caso specifico, per viaggiare su un’orbita  terrestre del nostro meraviglioso pianeta, che offre tantissimi spunti da apprezzare, osservare, analizzare e condividere.

D) Quanti paesaggi diversi attraverserà?

R) Questa sarà un’esplorazione da + 40 a -40°C; per cui aspetti di vita floro faunistica adattati agli opposti per la sola esposizione climatica, ma molto simili per il rispetto necessario. Passerò attraverso lussureggianti pianure e difficili savane, importanti catene montuose e aridi deserti. Un osservatorio a 360° in punta di pedali, sul nostro pianeta.

D) Il suo sarà uno studio anche sulla biodiversità?

R) Non effettuato personalmente. Io rappresenterò una sorta di micro mouse puntato sulla longitudine terrestre dal comitato scientifico di Cycling Pangea Team che, sulla base delle origini della vita e sulla più recente linea della migrazione umana, osserverà le tante peculiarità incontrate e testimoniate dall’incontro con le varie etnie.

D) Com’è natal’idea di Pangea – Cycling on life’s Origin?

R) Una mia idea progettuale che conta di svilupparsi sulle superfici consolidate e necessarie per muoversi in bici. La teoria del supercontinente di Pangea diventa il sedime naturale affrontabile da una esplorazione non vincolata al fattore spazio tempo.

D) Quali sono gli obiettivi comuni che condividete?

R) Per iniziare, il confronto in tempo reale con altri pedalatori curiosi di osservare e dire la loro. Poi, aiutare un importante progetto umanitario di ActionAid e realizzare una mostra culturale itinerante, in punta di pedali, sulle origini della vita. Infine, cogliere peculiarità che offriremo a chi vorrà avvicinarsi e collaborare nel laboratorio dinamico messo a disposizione dal nostro progetto.

D) Quali sono le aspettative che ha da questo viaggio?

R) Oltre alle aspettative prettamente personali, mi auguro di uscire accresciuto da una collaborazione che poggia su una territorialità decisamente estesa.

D) Quali saranno le difficoltà che prevede ci saranno?

R) Tante difficoltà dovute in primis alla stupidità del nostro sistema umano. Cui si aggiungono difficoltà personali (psico-muscolari-introspettive) dovute alla mia tenuta. Mi aspetto di incontrare difficoltà di ordine pratico, di sicurezza sul campo. E cercherò con tutte le forze di mantenere alto il livello di attenzione verso i tantissimi stimoli che mi si offriranno momento dopo momento.

D) Qual è l’elemento più importante per prepararsi a un viaggio di questo tipo?

R) La serenità personale e la serenità propositiva di chi mi sta vicino.

D) Cosa le regala viaggiare in bici?

R) Un grande soddisfazione nell’apprezzare di muoversi attingendo dalle proprie energie.

D) Qual è il suo rapporto con l’ambiente?

R) Un rapporto di difetto: l’ambiente non deturpato mi fa star bene, se riuscissi a fare qualcosa di duraturo e importante a favore dell’ambiente, mi gratificherebbe fuori misura.

D) In quali azioni quotidiane esprime il suo rispetto per la natura?

R) Le più svariate e le più semplici. Dal risparmio verso le azioni energivore della quotidianità, al muoversi senza creare inquinamento aggiunto da un sovrautilizzo delle risorse.

D) Nei suoi numerosi viaggi qual è la destinazione che ricorda con più piacere e perché?

R) Mi risulta difficile rispondere a questa domanda, dato che in ogni viaggio ho vissuto diversi importanti elementi positivi.

D) All’opposto, qual è il luogo che ha trovato più maltrattato e inquinato?

R) Putroppo le aree sovraindustrializzate dell’Est. Tante devastazioni da cemento furbo, della nostra Pianura Padana e in tante zone della nostra meravigliosa Italia.

D) Che tipo di cultura cicloturistica ha trovato nei suoi viaggi all’estero e che differenze ci sono con l’Italia?

R) Al Nord Europa e in America solitamente l’attenzione per la ciclocultura ha livelli molto alti. In Asia e in Africa la bici è vissuta come una necessità,  con un occhio attento al passo di qualità evolutivo verso l’auto (come dar loro torto?). Generalmente al Sud bisogna avere occhi per la tanta, purtroppo volontaria, disattenzione verso il mondo dei pedali…

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende