Home » Rubriche »Very Important Planet » Paola Gianotti: come ritrovare se stessi lungo la Transiberiana:

Paola Gianotti: come ritrovare se stessi lungo la Transiberiana

ottobre 9, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Agguerrita e piena di energia. Così potremmo definire Paola Gianotti, 32 anni, che vanta alle sue spalle esperienze uniche a bordo della sua bici, come il giro del mondo e la Transiberiana. Appassionata di viaggi e avventure, si è reinventata dopo la perdita del lavoro a causa della recente crisi. Paola ha infatti trovato il coraggio per vivere i suoi sogni en plein air. A Greenews racconta la sua ultima impresa.

D) Paola, parlaci della Transiberiana: cosa ti ha lasciato questa esperienza, come donna e come ciclista?

R) Una bella esperienza di vita, diversa dal giro del mondo per il suo impegno, ma altrettanto affascinante. Come ogni esperienza estrema ho messo a nudo, davanti allo specchio, anima e corpo per scoprire i miei limiti e per conoscere nuove culture, nuovi mondi e soprattutto conoscere sempre di più me stessa…

D) Hai recentemente pubblicato il libro “Sognando l’Infinito”: qual è il messaggio che volevi condividere con i lettori?

R) Il mio libro non vuole essere un diario di viaggio, ma il racconto di un percorso di vita dove – dopo tante difficoltà, peripezie, sacrifici e scelte – sono arrivata a seguire quelli che erano i miei reali desideri e a essere la protagonista della mia vita, perché ognuno se vuole può esserlo.  Questo libro è la dimostrazione che non ci sono limiti ai sogni e che se crediamo davvero in un obiettivo non c’è nulla che possa impedirci di realizzarlo.

D) Come è nata l’idea del viaggio intorno al mondo? Come lo hai organizzato?

R) Sono sempre stata una viaggiatrice e un’amante dello sport. Quando ho perso il lavoro nel 2012 ho deciso di reinventarmi inseguendo il mio sogno più grande: fare il giro del mondo in bici. Dal punto di vista organizzativo è stato molto complicato perché volevo anche tentare di battere il Guinness World Record e quindi ho dovuto gestire la logistica di 144 giorni intorno al mondo, un team di supporto con me, contattare tantissimi sponsor e prepararmi fisicamente e mentalmente.

D) Hai girato ogni parte del mondo: quali sono i paesaggi più incontaminati e quali invece quelli più deturpati che hai incontrato nel tuo viaggio?

R) Sicuramente sono rimasta affascinata dalla Groenlandia, il ghiacciaio del Polo Nord e l’oceano costellato di iceberg. I deserti di Atacama e del Nullarbor, le foreste del Venezuela e le riserve dello Swaziland. Credo che i paesaggi più deturpati siano la zona dei pozzi petroliferi in New Mexico e alcune zone dell’India. Ma anche in Europa non ci facciamo mancare nulla!

D) Quali sono stati i risultati delle rilevazioni di smog che hai fatto per conto di Politecnico e Università di Roma?

R) Sono ancora in fase di analisi. Spero di poter ripetere il test in una futura impresa perché i prototipi che mi sono stati dati erano in fase di sperimentazione e non so quanto siano stati efficaci.

D) Qual è secondo te l’emergenza ambientale oggi prioritaria , a livello planetario?

R) Il ritiro dei ghiacciai e l’innalzamento dell’oceano. Forse sono quelli che vivo in modo più diretto perché scalando spesso le montagne ogni volta mi rendo conto di quanto i ghiacciai stiano scomparendo.

D) Banale chiedertelo dopo quanto hai raccontato, ma qual è il tuo rapporto con l’ambiente?

R) Io vivo per la natura e nella natura. Ho sempre imparato a rispettare l’ambiente e ogni volta che vado in città metropolitane inorridisco e mi intristisco di fronte a tanto cemento. Penso che la natura sia vita e la vita vada rispettata.

D) A parte le tue imprese, quali sono i piccoli gesti quotidiani che compi per rispettarla (raccolta differenziata, riduzione dei consumi …)?

R) Tutto quello che posso fare nel mio piccolo lo seguo. Inutile e scontato dire che ogni volta che posso prendo la bici invece della macchina e poi a casa sono molto attenta alla raccolta differenziata, a non consumare troppa acqua, a utilizzare pochissimi detersivi per lavare, a spegnare sempre le luci, a tenere il riscaldamento sui 18 gradi, a spegnere la macchina quando sono ferma ad esempio al passaggio di un treno, a non buttare mai nulla per terra. Insomma tutti quei piccoli gesti che credo ognuno di noi dovrebbe rispettare.

D) Come hai sviluppato la passione per la bici? E secondo te quanto è diffusa la sensibilità per l’uso di mezzi a basso impatto ambientale in Italia?

R) Mi ha sempre affascinato la bici perché è il mezzo per eccellenza che ti permette di fare sport e di viaggiare. Negli ultimi anni trovo che ci sia una tendenza all’utilizzo di mezzi a basso impatto ambientale, ma sicuramente siamo ancora lontani dal capire quanto sia fondamentale rispettare l’ambiente che ci circonda.

D) Qual è il prossimo sogno che vorresti realizzare?

R) Sicuramente un altro viaggio per il mondo unito a una nuova sfida sportiva. Al momento non ho ancora un’idea precisa, ma su keepbrave.com o sui social potete seguire tutte le mie avventure…

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Flymove presenta a Milano la “Smart Mobility Platform”e i nuovi modelli elettrici

novembre 22, 2018

Flymove presenta a Milano la “Smart Mobility Platform”e i nuovi modelli elettrici

Il 28 novembre prossimo Flymove Holding organizzerà a Milano, nello Spazio di via Gadames 57, un evento riservato a operatori finanziari, investitori e partners tecnologici, per il lancio mondiale della Flymove Smart Mobility Platform e delle nuove automobili elettriche EV City Car e Sportive Car a brand “Dianchè by Bertone”, che faranno uso di un innovativo sistema di scambio rapido di batteria [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende