Home » Rubriche »Very Important Planet » Paola Gianotti: come ritrovare se stessi lungo la Transiberiana:

Paola Gianotti: come ritrovare se stessi lungo la Transiberiana

ottobre 9, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Agguerrita e piena di energia. Così potremmo definire Paola Gianotti, 32 anni, che vanta alle sue spalle esperienze uniche a bordo della sua bici, come il giro del mondo e la Transiberiana. Appassionata di viaggi e avventure, si è reinventata dopo la perdita del lavoro a causa della recente crisi. Paola ha infatti trovato il coraggio per vivere i suoi sogni en plein air. A Greenews racconta la sua ultima impresa.

D) Paola, parlaci della Transiberiana: cosa ti ha lasciato questa esperienza, come donna e come ciclista?

R) Una bella esperienza di vita, diversa dal giro del mondo per il suo impegno, ma altrettanto affascinante. Come ogni esperienza estrema ho messo a nudo, davanti allo specchio, anima e corpo per scoprire i miei limiti e per conoscere nuove culture, nuovi mondi e soprattutto conoscere sempre di più me stessa…

D) Hai recentemente pubblicato il libro “Sognando l’Infinito”: qual è il messaggio che volevi condividere con i lettori?

R) Il mio libro non vuole essere un diario di viaggio, ma il racconto di un percorso di vita dove – dopo tante difficoltà, peripezie, sacrifici e scelte – sono arrivata a seguire quelli che erano i miei reali desideri e a essere la protagonista della mia vita, perché ognuno se vuole può esserlo.  Questo libro è la dimostrazione che non ci sono limiti ai sogni e che se crediamo davvero in un obiettivo non c’è nulla che possa impedirci di realizzarlo.

D) Come è nata l’idea del viaggio intorno al mondo? Come lo hai organizzato?

R) Sono sempre stata una viaggiatrice e un’amante dello sport. Quando ho perso il lavoro nel 2012 ho deciso di reinventarmi inseguendo il mio sogno più grande: fare il giro del mondo in bici. Dal punto di vista organizzativo è stato molto complicato perché volevo anche tentare di battere il Guinness World Record e quindi ho dovuto gestire la logistica di 144 giorni intorno al mondo, un team di supporto con me, contattare tantissimi sponsor e prepararmi fisicamente e mentalmente.

D) Hai girato ogni parte del mondo: quali sono i paesaggi più incontaminati e quali invece quelli più deturpati che hai incontrato nel tuo viaggio?

R) Sicuramente sono rimasta affascinata dalla Groenlandia, il ghiacciaio del Polo Nord e l’oceano costellato di iceberg. I deserti di Atacama e del Nullarbor, le foreste del Venezuela e le riserve dello Swaziland. Credo che i paesaggi più deturpati siano la zona dei pozzi petroliferi in New Mexico e alcune zone dell’India. Ma anche in Europa non ci facciamo mancare nulla!

D) Quali sono stati i risultati delle rilevazioni di smog che hai fatto per conto di Politecnico e Università di Roma?

R) Sono ancora in fase di analisi. Spero di poter ripetere il test in una futura impresa perché i prototipi che mi sono stati dati erano in fase di sperimentazione e non so quanto siano stati efficaci.

D) Qual è secondo te l’emergenza ambientale oggi prioritaria , a livello planetario?

R) Il ritiro dei ghiacciai e l’innalzamento dell’oceano. Forse sono quelli che vivo in modo più diretto perché scalando spesso le montagne ogni volta mi rendo conto di quanto i ghiacciai stiano scomparendo.

D) Banale chiedertelo dopo quanto hai raccontato, ma qual è il tuo rapporto con l’ambiente?

R) Io vivo per la natura e nella natura. Ho sempre imparato a rispettare l’ambiente e ogni volta che vado in città metropolitane inorridisco e mi intristisco di fronte a tanto cemento. Penso che la natura sia vita e la vita vada rispettata.

D) A parte le tue imprese, quali sono i piccoli gesti quotidiani che compi per rispettarla (raccolta differenziata, riduzione dei consumi …)?

R) Tutto quello che posso fare nel mio piccolo lo seguo. Inutile e scontato dire che ogni volta che posso prendo la bici invece della macchina e poi a casa sono molto attenta alla raccolta differenziata, a non consumare troppa acqua, a utilizzare pochissimi detersivi per lavare, a spegnare sempre le luci, a tenere il riscaldamento sui 18 gradi, a spegnere la macchina quando sono ferma ad esempio al passaggio di un treno, a non buttare mai nulla per terra. Insomma tutti quei piccoli gesti che credo ognuno di noi dovrebbe rispettare.

D) Come hai sviluppato la passione per la bici? E secondo te quanto è diffusa la sensibilità per l’uso di mezzi a basso impatto ambientale in Italia?

R) Mi ha sempre affascinato la bici perché è il mezzo per eccellenza che ti permette di fare sport e di viaggiare. Negli ultimi anni trovo che ci sia una tendenza all’utilizzo di mezzi a basso impatto ambientale, ma sicuramente siamo ancora lontani dal capire quanto sia fondamentale rispettare l’ambiente che ci circonda.

D) Qual è il prossimo sogno che vorresti realizzare?

R) Sicuramente un altro viaggio per il mondo unito a una nuova sfida sportiva. Al momento non ho ancora un’idea precisa, ma su keepbrave.com o sui social potete seguire tutte le mie avventure…

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende