Home » Rubriche »Very Important Planet » Paola Gianotti: come ritrovare se stessi lungo la Transiberiana:

Paola Gianotti: come ritrovare se stessi lungo la Transiberiana

ottobre 9, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Agguerrita e piena di energia. Così potremmo definire Paola Gianotti, 32 anni, che vanta alle sue spalle esperienze uniche a bordo della sua bici, come il giro del mondo e la Transiberiana. Appassionata di viaggi e avventure, si è reinventata dopo la perdita del lavoro a causa della recente crisi. Paola ha infatti trovato il coraggio per vivere i suoi sogni en plein air. A Greenews racconta la sua ultima impresa.

D) Paola, parlaci della Transiberiana: cosa ti ha lasciato questa esperienza, come donna e come ciclista?

R) Una bella esperienza di vita, diversa dal giro del mondo per il suo impegno, ma altrettanto affascinante. Come ogni esperienza estrema ho messo a nudo, davanti allo specchio, anima e corpo per scoprire i miei limiti e per conoscere nuove culture, nuovi mondi e soprattutto conoscere sempre di più me stessa…

D) Hai recentemente pubblicato il libro “Sognando l’Infinito”: qual è il messaggio che volevi condividere con i lettori?

R) Il mio libro non vuole essere un diario di viaggio, ma il racconto di un percorso di vita dove – dopo tante difficoltà, peripezie, sacrifici e scelte – sono arrivata a seguire quelli che erano i miei reali desideri e a essere la protagonista della mia vita, perché ognuno se vuole può esserlo.  Questo libro è la dimostrazione che non ci sono limiti ai sogni e che se crediamo davvero in un obiettivo non c’è nulla che possa impedirci di realizzarlo.

D) Come è nata l’idea del viaggio intorno al mondo? Come lo hai organizzato?

R) Sono sempre stata una viaggiatrice e un’amante dello sport. Quando ho perso il lavoro nel 2012 ho deciso di reinventarmi inseguendo il mio sogno più grande: fare il giro del mondo in bici. Dal punto di vista organizzativo è stato molto complicato perché volevo anche tentare di battere il Guinness World Record e quindi ho dovuto gestire la logistica di 144 giorni intorno al mondo, un team di supporto con me, contattare tantissimi sponsor e prepararmi fisicamente e mentalmente.

D) Hai girato ogni parte del mondo: quali sono i paesaggi più incontaminati e quali invece quelli più deturpati che hai incontrato nel tuo viaggio?

R) Sicuramente sono rimasta affascinata dalla Groenlandia, il ghiacciaio del Polo Nord e l’oceano costellato di iceberg. I deserti di Atacama e del Nullarbor, le foreste del Venezuela e le riserve dello Swaziland. Credo che i paesaggi più deturpati siano la zona dei pozzi petroliferi in New Mexico e alcune zone dell’India. Ma anche in Europa non ci facciamo mancare nulla!

D) Quali sono stati i risultati delle rilevazioni di smog che hai fatto per conto di Politecnico e Università di Roma?

R) Sono ancora in fase di analisi. Spero di poter ripetere il test in una futura impresa perché i prototipi che mi sono stati dati erano in fase di sperimentazione e non so quanto siano stati efficaci.

D) Qual è secondo te l’emergenza ambientale oggi prioritaria , a livello planetario?

R) Il ritiro dei ghiacciai e l’innalzamento dell’oceano. Forse sono quelli che vivo in modo più diretto perché scalando spesso le montagne ogni volta mi rendo conto di quanto i ghiacciai stiano scomparendo.

D) Banale chiedertelo dopo quanto hai raccontato, ma qual è il tuo rapporto con l’ambiente?

R) Io vivo per la natura e nella natura. Ho sempre imparato a rispettare l’ambiente e ogni volta che vado in città metropolitane inorridisco e mi intristisco di fronte a tanto cemento. Penso che la natura sia vita e la vita vada rispettata.

D) A parte le tue imprese, quali sono i piccoli gesti quotidiani che compi per rispettarla (raccolta differenziata, riduzione dei consumi …)?

R) Tutto quello che posso fare nel mio piccolo lo seguo. Inutile e scontato dire che ogni volta che posso prendo la bici invece della macchina e poi a casa sono molto attenta alla raccolta differenziata, a non consumare troppa acqua, a utilizzare pochissimi detersivi per lavare, a spegnare sempre le luci, a tenere il riscaldamento sui 18 gradi, a spegnere la macchina quando sono ferma ad esempio al passaggio di un treno, a non buttare mai nulla per terra. Insomma tutti quei piccoli gesti che credo ognuno di noi dovrebbe rispettare.

D) Come hai sviluppato la passione per la bici? E secondo te quanto è diffusa la sensibilità per l’uso di mezzi a basso impatto ambientale in Italia?

R) Mi ha sempre affascinato la bici perché è il mezzo per eccellenza che ti permette di fare sport e di viaggiare. Negli ultimi anni trovo che ci sia una tendenza all’utilizzo di mezzi a basso impatto ambientale, ma sicuramente siamo ancora lontani dal capire quanto sia fondamentale rispettare l’ambiente che ci circonda.

D) Qual è il prossimo sogno che vorresti realizzare?

R) Sicuramente un altro viaggio per il mondo unito a una nuova sfida sportiva. Al momento non ho ancora un’idea precisa, ma su keepbrave.com o sui social potete seguire tutte le mie avventure…

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende