Home » Rubriche »Very Important Planet » Paola Gianotti: come ritrovare se stessi lungo la Transiberiana:

Paola Gianotti: come ritrovare se stessi lungo la Transiberiana

ottobre 9, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Agguerrita e piena di energia. Così potremmo definire Paola Gianotti, 32 anni, che vanta alle sue spalle esperienze uniche a bordo della sua bici, come il giro del mondo e la Transiberiana. Appassionata di viaggi e avventure, si è reinventata dopo la perdita del lavoro a causa della recente crisi. Paola ha infatti trovato il coraggio per vivere i suoi sogni en plein air. A Greenews racconta la sua ultima impresa.

D) Paola, parlaci della Transiberiana: cosa ti ha lasciato questa esperienza, come donna e come ciclista?

R) Una bella esperienza di vita, diversa dal giro del mondo per il suo impegno, ma altrettanto affascinante. Come ogni esperienza estrema ho messo a nudo, davanti allo specchio, anima e corpo per scoprire i miei limiti e per conoscere nuove culture, nuovi mondi e soprattutto conoscere sempre di più me stessa…

D) Hai recentemente pubblicato il libro “Sognando l’Infinito”: qual è il messaggio che volevi condividere con i lettori?

R) Il mio libro non vuole essere un diario di viaggio, ma il racconto di un percorso di vita dove – dopo tante difficoltà, peripezie, sacrifici e scelte – sono arrivata a seguire quelli che erano i miei reali desideri e a essere la protagonista della mia vita, perché ognuno se vuole può esserlo.  Questo libro è la dimostrazione che non ci sono limiti ai sogni e che se crediamo davvero in un obiettivo non c’è nulla che possa impedirci di realizzarlo.

D) Come è nata l’idea del viaggio intorno al mondo? Come lo hai organizzato?

R) Sono sempre stata una viaggiatrice e un’amante dello sport. Quando ho perso il lavoro nel 2012 ho deciso di reinventarmi inseguendo il mio sogno più grande: fare il giro del mondo in bici. Dal punto di vista organizzativo è stato molto complicato perché volevo anche tentare di battere il Guinness World Record e quindi ho dovuto gestire la logistica di 144 giorni intorno al mondo, un team di supporto con me, contattare tantissimi sponsor e prepararmi fisicamente e mentalmente.

D) Hai girato ogni parte del mondo: quali sono i paesaggi più incontaminati e quali invece quelli più deturpati che hai incontrato nel tuo viaggio?

R) Sicuramente sono rimasta affascinata dalla Groenlandia, il ghiacciaio del Polo Nord e l’oceano costellato di iceberg. I deserti di Atacama e del Nullarbor, le foreste del Venezuela e le riserve dello Swaziland. Credo che i paesaggi più deturpati siano la zona dei pozzi petroliferi in New Mexico e alcune zone dell’India. Ma anche in Europa non ci facciamo mancare nulla!

D) Quali sono stati i risultati delle rilevazioni di smog che hai fatto per conto di Politecnico e Università di Roma?

R) Sono ancora in fase di analisi. Spero di poter ripetere il test in una futura impresa perché i prototipi che mi sono stati dati erano in fase di sperimentazione e non so quanto siano stati efficaci.

D) Qual è secondo te l’emergenza ambientale oggi prioritaria , a livello planetario?

R) Il ritiro dei ghiacciai e l’innalzamento dell’oceano. Forse sono quelli che vivo in modo più diretto perché scalando spesso le montagne ogni volta mi rendo conto di quanto i ghiacciai stiano scomparendo.

D) Banale chiedertelo dopo quanto hai raccontato, ma qual è il tuo rapporto con l’ambiente?

R) Io vivo per la natura e nella natura. Ho sempre imparato a rispettare l’ambiente e ogni volta che vado in città metropolitane inorridisco e mi intristisco di fronte a tanto cemento. Penso che la natura sia vita e la vita vada rispettata.

D) A parte le tue imprese, quali sono i piccoli gesti quotidiani che compi per rispettarla (raccolta differenziata, riduzione dei consumi …)?

R) Tutto quello che posso fare nel mio piccolo lo seguo. Inutile e scontato dire che ogni volta che posso prendo la bici invece della macchina e poi a casa sono molto attenta alla raccolta differenziata, a non consumare troppa acqua, a utilizzare pochissimi detersivi per lavare, a spegnare sempre le luci, a tenere il riscaldamento sui 18 gradi, a spegnere la macchina quando sono ferma ad esempio al passaggio di un treno, a non buttare mai nulla per terra. Insomma tutti quei piccoli gesti che credo ognuno di noi dovrebbe rispettare.

D) Come hai sviluppato la passione per la bici? E secondo te quanto è diffusa la sensibilità per l’uso di mezzi a basso impatto ambientale in Italia?

R) Mi ha sempre affascinato la bici perché è il mezzo per eccellenza che ti permette di fare sport e di viaggiare. Negli ultimi anni trovo che ci sia una tendenza all’utilizzo di mezzi a basso impatto ambientale, ma sicuramente siamo ancora lontani dal capire quanto sia fondamentale rispettare l’ambiente che ci circonda.

D) Qual è il prossimo sogno che vorresti realizzare?

R) Sicuramente un altro viaggio per il mondo unito a una nuova sfida sportiva. Al momento non ho ancora un’idea precisa, ma su keepbrave.com o sui social potete seguire tutte le mie avventure…

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende