Home » Rubriche »Very Important Planet » Paola Paronetto: la ceramica artistica che nasce dal riciclo:

Paola Paronetto: la ceramica artistica che nasce dal riciclo

Photo: Tassotto & MaxMetropoli, Isola e Ninfee, così si chiamano le nuove creazioni che la ceramista Paola Paronetto ha presentato durante l’ultima edizione di Maison & Objet, la fiera internazionale dell’interior design che si svolge a Parigi. Le sue collezioni hanno suscitato interesse non solo dal punto di vista artistico. Paola, infatti, ama sperimentare con i materiali, crea opere ricche di una personalità che esprime con i mezzi più diversi, dalla porcellana alle terre sigillate, fino al raku. A Parigi ha presentato la sue ultime creazioni realizzate con un nuovo materiale, la paper clay, un impasto di carta e argilla.

D) Paola, che tipo di possibilità creative consente questo nuovo materiale?

R) La paper clay permette di ottenere forme molto complesse risolvendo i classici problemi dovuti al ritiro. Consiste infatti in un impasto di argilla e carta in proporzioni variabili dal 10 al 30%. Quest’ultima regala all’argilla un’incredibile elasticità, sconosciuta agli altri impasti ceramici, consentendo di raggiungere l’essiccazione velocemente, senza rotture e, nel caso ci fossero, permette di eseguire le riparazioni facilmente, con la possibilità di attaccare parti fresche e morbide a superfici secche. Per questo la paper clay è una novità interessantissima che apre infinite possibilità tecniche e artistiche prima considerate impossibili per la ceramica. In più, questa ricetta rende il lavoro più leggero, perché la carta in forno brucia lasciando solo l’anima di argilla. Pertanto si dimostra ideale anche per la realizzazione di grandi sculture.

D) Possiamo considerarlo un materiale rispettoso per l’ambiente?

R) Sicuramente questo materiale è rispettoso dell’ambiente, per due motivi fondamentali. Da un lato permette di utilizzare carta riciclata per riempire la massa dell’impasto, dall’altro consente di risparmiare argilla. In più, dal momento che la carta a 200/300° brucia e il volume degli oggetti si riduce, la cottura diventa più breve con un conseguente risparmio energetico.

D) Sta pensando di realizzare altre opere con materiali di recupero diversi, sempre nell’ambito della ceramica?

R) Sto sperimentando altri materiali naturali, come la segatura ad esempio, da aggiungere agli impasti per realizzare oggetti di grandi dimensioni.

D) Qual è il materiale che preferisce per le sue opere e perché?

R) Attualmente è proprio la paper clay, per la sua grande duttilità d’uso.

D) Che rapporto ha lei con l’ambiente? Quali sono le azioni quotidiane che compie per rispettarlo?

R) Ho un rapporto di grande rispetto. Quotidianamente pratico sia a casa sia in laboratorio la raccolta differenziata e acquisto prodotti a km zero. In laboratorio non buttiamo via nulla ma rimpastiamo e trasformiamo qualsiasi materia prima, sia terra sia smalti, tutti rigorosamente naturali, fatti da noi o, se acquistati, senza piombo e completamente atossici. Inoltre, a casa e al lavoro ho installato pannelli fotovoltaici che coprono quasi interamente il nostro fabbisogno energetico.

D) Il suo lavoro quanto è legato all’ambiente e quanto può considerarsi a basso impatto?

R) È intimamente legato all’ambiente. Dalla terra ricavo i miei impasti e i miei colori naturali: lascio decantare le argille, ottenendo così l’essenza che uso poi per ricoprire le superfici dei miei vasi in terra sigillata. Il mio lavoro può considerarsi a basso impatto perché non inquino, sono quasi autonoma dal punto di vista energetico, riciclo, contemporaneamente trasformo e nobilito la terra in oggetti artistici e d’arredamento.

D) Quanto pensa che il riciclo e il recupero possano dare vita a creazioni artistiche di valore?

R) Moltissimo, ma naturalmente questo dipende dalle capacità artistiche di chi le realizza, non è  importante il tipo di materiale ma l’idea che esse rappresentano.

D) Nonostante abbia raggiunto fama internazionale continua a tenere il suo laboratorio a Pordenone,  in Italia: qual è il suo legame con il nostro paese?

R) Amo la mia terra, sono legata alla mia famiglia ma soprattutto non sono il tipo che scappa davanti ai problemi. Penso ci voglia più coraggio a restare che non ad andarsene in questo momento. Purtroppo lavoro poco per il mercato italiano, ma partecipando a fiere internazionali riesco a raggiungere un mercato estero che mi regala grandi soddisfazioni.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

ottobre 19, 2017

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

Il 27 ottobre a Venezia inaugurerà Climate 04 – Sea Level Rise, progetto d’arte pubblica sulle conseguenze dei cambiamenti climatici e l’innalzamento del livello del mare in Laguna, che trae ispirazione dai recenti studi sull’innalzamento del livello medio del mare, le onde estreme, e il ruolo delle piante costiere e di barena per l’ecosistema lagunare. L’iniziativa prevede [...]

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

ottobre 18, 2017

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

Un incremento dell’immesso al consumo dei prodotti pari a circa 1.330.000 tonnellate (rispetto alle 875.000 tonnellate di AEE – apparecchiature elettriche ed elettroniche – domestiche e professionali immesse nel sistema attuale) oltre a un aumento del numero di produttori coinvolti nel sistema RAEE, tra i 6.000 e i 9.000 in più (rispetto agli attuali 6.000/7.000 mila): sono [...]

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

ottobre 17, 2017

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

Dopo quasi tre anni di lavoro di sensibilizzazione, promozione, cultura e networking, il CNFFP – Coordinamento Nazionale Filiera del Florovivaismo e del Paesaggio annuncia l’approvazione, da parte del Consiglio dei Ministri, del cosiddetto “Bonus Verde”, ovvero la nuova detrazione fiscale del 36% per la cura del verde privato. Annunciato ieri dal Ministro delle Politiche Agricole, [...]

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

ottobre 16, 2017

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

È Hyundai IONIQ la vincitrice del titolo “Green Gold Award 2018”, assegnato dall’Unione Italiana Giornalisti Automotive (UIGA) martedì scorso a Frascati (Roma). Il premio rappresenta un importante riconoscimento alla triplice tecnologia sviluppata da Hyundai sulla gamma IONIQ, prima auto di serie al mondo disponibile in versione Hybrid, Electric oppure Plug-in Hybrid. IONIQ avvicina così le [...]

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

ottobre 13, 2017

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

Nasce a Milano MiMoto, il primo ed unico servizio di scooter sharing elettrico ed ecosostenibile della città. Un’idea semplice che unisce in sé rispetto per l’ambiente, Made in Italy, sicurezza stradale, condivisione ed efficienza. MiMoto oltre a essere una start up innovativa, è un servizio che ha l’obiettivo primario di offrire ai propri clienti finali [...]

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

ottobre 13, 2017

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

Sbarca in Italia Copernicus, il programma di osservazione della Terra sviluppato dalla Commissione Europea. C3S – Copernicus Climate Change Service è costituito da un insieme complesso di dati provenienti da più fonti (satelliti di osservazione, stazioni di terra, sensori in mare e aerei) che possono fornire informazioni affidabili e aggiornate su ambiente e sicurezza, aiutando a [...]

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

ottobre 12, 2017

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

Il 14 ottobre 2017 si celebrerà la prima Giornata mondiale dell’Educazione Ambientale, a 40 anni dalla Conferenza ONU di Tbilisi (capitale della Georgia), in cui si svolse – il 14 ottobre del 1977 – la Conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite sull’educazione ambientale, organizzata da UNESCO e UNEP, che si concluse il 26 ottobre con una Dichiarazione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende