Home » Rubriche »Very Important Planet » Paolo Bonfanti: un bluesman a zero emissioni:

Paolo Bonfanti: un bluesman a zero emissioni

settembre 20, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Difficile descrivere Paolo Bonfanti in poche parole, perché si occupa di talmente tante cose che sarebbe riduttivo definirlo un bluesman e basta. Genovese di nascita ma da anni piemontese d’adozione, Paolo ha alle spalle una lunga serie di collaborazioni con grandi nomi della scena blues italiana e internazionale. Innamorato da sempre di questo genere musicale, ha trovato il modo per farlo diventare anche mezzo di comunicazione trasversale. “La musica è qualcosa che può aiutare a fare moltissime cose” ci spiega. “Ha un impatto emozionale fortissimo ed è un linguaggio universale, per cui è abbastanza naturale che possa essere usata anche per sensibilizzare le persone su un argomento come l’ambiente”. Proprio questo è il nocciolo di uno dei suoi tanti progetti, lo ZeroEmissionBlues,  un’idea per proporre musica e cultura a impatto zero.

D) Paolo, come è iniziato il progetto ZEB?

R) Il primo concerto a emissioni zero lo abbiamo tenuto a Mirabello Monferrato, comune virtuoso in provincia di Alessandria, in una piccola chiesa sconsacrata. Abbiamo utilizzato delle candele per l’illuminazione e un piccolo amplificatore con un consumo massimo di 150 watt. Una soluzione diventata modello per gli eventi successivi. Per contenere le emissioni di un concerto, infatti, è sufficiente fare attenzione a questi due elementi. L’illuminazione si usa soltanto se necessaria e può essere fornita da strumenti alternativi come candele o fari a LED, che consumano un terzo dei fari normali. Mentre per l’amplificazione si possono impiegare una o più biciclette che alimentano l’impianto mediante un collegamento: il consumo di energia è rappresentato soltanto dalle calorie perse da chi pedala!

D) Una soluzione che offre anche vantaggi economici, giusto?

R) Il progetto in effetti può interessare anche quelle organizzazioni o istituzioni che non hanno a disposizione grandi budget per organizzare eventi musicali. In questo modo, con un sistema di amplificazione e illuminazione minimo, si possono ottenere risultati di ottimo livello.

D) Che futuro auspichi per ZEB?

R) Spero ovviamente che prenda piede. Siamo solo agli inizi, ma in tutte le occasioni in cui abbiamo organizzato un concerto in questo modo il riscontro è stato ottimo. Abbiamo anche stipulato un accordo con le aziende Soland e Geonovis, imprese che si occupano di impianti ad energie alternative, che fanno in modo che l’energia consumata sia certificata e poi rimessa nel circuito sotto forma di energia alternativa.

D) Parlaci di un altro dei tuoi progetti,  gli House Concert…

R) Teniamo i nostri House Concert in abitazioni private, spesso nei salotti domestici, per questo li abbiamo chiamati così. Grazie a questa loro caratteristica non richiedono amplificazione. Inoltre, è sufficiente l’illuminazione dell’abitazione stessa, che ormai è quasi sempre risolta con lampadine a basso consumo. In queste occasioni è molto facile contenere al massimo le emissioni, sono le situazioni ideali per abbattere i consumi.

D) Qual è stato il tuo concerto più bello fino a oggi?

R) Difficile da dire, ma se parliamo di concerti Zero Emission quello che ricordo con più piacere è stato proprio a Mirabello Monferrato: era il primo, con un’atmosfera magica, forse anche perché eravamo tra Natale e Capodanno e fuori c’era la neve.

D) Qual è la tua relazione con l’ambiente?

R) L’ambiente è il bene più prezioso che abbiamo perché ci ospita per tutta la nostra vita. È fondamentale mantenerlo più integro possibile, sempre.

D) Perché hai scelto di coniugare musica e ambiente?

R) Fin da quando ero un ragazzino nei primi anni Settanta, quando si cominciava a parlare anche in Italia di ecologia e ambiente, mi sono interessato a queste tematiche. La musica, invece, è la mia passione da sempre, dai primi anni Ottanta è diventata anche il mio lavoro. Collegare questi due interessi per me è stato facilissimo.

D) Le tue origini genovesi ti legano in modo particolare al mare?

R) Da molti anni vivo nel Monferrato, ma sono spesso a Genova che, sebbene sia molto cambiata negli anni, ha sempre un grande fascino. Il mare è stato il mio ambiente per tantissimi anni, ma mi sento “a casa” anche in montagna. Mi piace molto camminare ad alta quota.

D) Quando non suoni, in che modo pensi all’ambiente?

R) Nella vita di tutti i giorni cerco sempre di tenere un comportamento attento: raccolta differenziata, elettrodomestici e lampadine a basso consumo in casa, uso di mezzi di trasporto alternativi come la bicicletta, il treno o al limite un’auto a GPL, e belle camminate quando gli spostamenti non sono lunghi.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende