Home » Rubriche »Very Important Planet » Paolo Bonfanti: un bluesman a zero emissioni:

Paolo Bonfanti: un bluesman a zero emissioni

settembre 20, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Difficile descrivere Paolo Bonfanti in poche parole, perché si occupa di talmente tante cose che sarebbe riduttivo definirlo un bluesman e basta. Genovese di nascita ma da anni piemontese d’adozione, Paolo ha alle spalle una lunga serie di collaborazioni con grandi nomi della scena blues italiana e internazionale. Innamorato da sempre di questo genere musicale, ha trovato il modo per farlo diventare anche mezzo di comunicazione trasversale. “La musica è qualcosa che può aiutare a fare moltissime cose” ci spiega. “Ha un impatto emozionale fortissimo ed è un linguaggio universale, per cui è abbastanza naturale che possa essere usata anche per sensibilizzare le persone su un argomento come l’ambiente”. Proprio questo è il nocciolo di uno dei suoi tanti progetti, lo ZeroEmissionBlues,  un’idea per proporre musica e cultura a impatto zero.

D) Paolo, come è iniziato il progetto ZEB?

R) Il primo concerto a emissioni zero lo abbiamo tenuto a Mirabello Monferrato, comune virtuoso in provincia di Alessandria, in una piccola chiesa sconsacrata. Abbiamo utilizzato delle candele per l’illuminazione e un piccolo amplificatore con un consumo massimo di 150 watt. Una soluzione diventata modello per gli eventi successivi. Per contenere le emissioni di un concerto, infatti, è sufficiente fare attenzione a questi due elementi. L’illuminazione si usa soltanto se necessaria e può essere fornita da strumenti alternativi come candele o fari a LED, che consumano un terzo dei fari normali. Mentre per l’amplificazione si possono impiegare una o più biciclette che alimentano l’impianto mediante un collegamento: il consumo di energia è rappresentato soltanto dalle calorie perse da chi pedala!

D) Una soluzione che offre anche vantaggi economici, giusto?

R) Il progetto in effetti può interessare anche quelle organizzazioni o istituzioni che non hanno a disposizione grandi budget per organizzare eventi musicali. In questo modo, con un sistema di amplificazione e illuminazione minimo, si possono ottenere risultati di ottimo livello.

D) Che futuro auspichi per ZEB?

R) Spero ovviamente che prenda piede. Siamo solo agli inizi, ma in tutte le occasioni in cui abbiamo organizzato un concerto in questo modo il riscontro è stato ottimo. Abbiamo anche stipulato un accordo con le aziende Soland e Geonovis, imprese che si occupano di impianti ad energie alternative, che fanno in modo che l’energia consumata sia certificata e poi rimessa nel circuito sotto forma di energia alternativa.

D) Parlaci di un altro dei tuoi progetti,  gli House Concert…

R) Teniamo i nostri House Concert in abitazioni private, spesso nei salotti domestici, per questo li abbiamo chiamati così. Grazie a questa loro caratteristica non richiedono amplificazione. Inoltre, è sufficiente l’illuminazione dell’abitazione stessa, che ormai è quasi sempre risolta con lampadine a basso consumo. In queste occasioni è molto facile contenere al massimo le emissioni, sono le situazioni ideali per abbattere i consumi.

D) Qual è stato il tuo concerto più bello fino a oggi?

R) Difficile da dire, ma se parliamo di concerti Zero Emission quello che ricordo con più piacere è stato proprio a Mirabello Monferrato: era il primo, con un’atmosfera magica, forse anche perché eravamo tra Natale e Capodanno e fuori c’era la neve.

D) Qual è la tua relazione con l’ambiente?

R) L’ambiente è il bene più prezioso che abbiamo perché ci ospita per tutta la nostra vita. È fondamentale mantenerlo più integro possibile, sempre.

D) Perché hai scelto di coniugare musica e ambiente?

R) Fin da quando ero un ragazzino nei primi anni Settanta, quando si cominciava a parlare anche in Italia di ecologia e ambiente, mi sono interessato a queste tematiche. La musica, invece, è la mia passione da sempre, dai primi anni Ottanta è diventata anche il mio lavoro. Collegare questi due interessi per me è stato facilissimo.

D) Le tue origini genovesi ti legano in modo particolare al mare?

R) Da molti anni vivo nel Monferrato, ma sono spesso a Genova che, sebbene sia molto cambiata negli anni, ha sempre un grande fascino. Il mare è stato il mio ambiente per tantissimi anni, ma mi sento “a casa” anche in montagna. Mi piace molto camminare ad alta quota.

D) Quando non suoni, in che modo pensi all’ambiente?

R) Nella vita di tutti i giorni cerco sempre di tenere un comportamento attento: raccolta differenziata, elettrodomestici e lampadine a basso consumo in casa, uso di mezzi di trasporto alternativi come la bicicletta, il treno o al limite un’auto a GPL, e belle camminate quando gli spostamenti non sono lunghi.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende