Home » Rubriche »Very Important Planet » Paolo Bonfanti: un bluesman a zero emissioni:

Paolo Bonfanti: un bluesman a zero emissioni

settembre 20, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Difficile descrivere Paolo Bonfanti in poche parole, perché si occupa di talmente tante cose che sarebbe riduttivo definirlo un bluesman e basta. Genovese di nascita ma da anni piemontese d’adozione, Paolo ha alle spalle una lunga serie di collaborazioni con grandi nomi della scena blues italiana e internazionale. Innamorato da sempre di questo genere musicale, ha trovato il modo per farlo diventare anche mezzo di comunicazione trasversale. “La musica è qualcosa che può aiutare a fare moltissime cose” ci spiega. “Ha un impatto emozionale fortissimo ed è un linguaggio universale, per cui è abbastanza naturale che possa essere usata anche per sensibilizzare le persone su un argomento come l’ambiente”. Proprio questo è il nocciolo di uno dei suoi tanti progetti, lo ZeroEmissionBlues,  un’idea per proporre musica e cultura a impatto zero.

D) Paolo, come è iniziato il progetto ZEB?

R) Il primo concerto a emissioni zero lo abbiamo tenuto a Mirabello Monferrato, comune virtuoso in provincia di Alessandria, in una piccola chiesa sconsacrata. Abbiamo utilizzato delle candele per l’illuminazione e un piccolo amplificatore con un consumo massimo di 150 watt. Una soluzione diventata modello per gli eventi successivi. Per contenere le emissioni di un concerto, infatti, è sufficiente fare attenzione a questi due elementi. L’illuminazione si usa soltanto se necessaria e può essere fornita da strumenti alternativi come candele o fari a LED, che consumano un terzo dei fari normali. Mentre per l’amplificazione si possono impiegare una o più biciclette che alimentano l’impianto mediante un collegamento: il consumo di energia è rappresentato soltanto dalle calorie perse da chi pedala!

D) Una soluzione che offre anche vantaggi economici, giusto?

R) Il progetto in effetti può interessare anche quelle organizzazioni o istituzioni che non hanno a disposizione grandi budget per organizzare eventi musicali. In questo modo, con un sistema di amplificazione e illuminazione minimo, si possono ottenere risultati di ottimo livello.

D) Che futuro auspichi per ZEB?

R) Spero ovviamente che prenda piede. Siamo solo agli inizi, ma in tutte le occasioni in cui abbiamo organizzato un concerto in questo modo il riscontro è stato ottimo. Abbiamo anche stipulato un accordo con le aziende Soland e Geonovis, imprese che si occupano di impianti ad energie alternative, che fanno in modo che l’energia consumata sia certificata e poi rimessa nel circuito sotto forma di energia alternativa.

D) Parlaci di un altro dei tuoi progetti,  gli House Concert…

R) Teniamo i nostri House Concert in abitazioni private, spesso nei salotti domestici, per questo li abbiamo chiamati così. Grazie a questa loro caratteristica non richiedono amplificazione. Inoltre, è sufficiente l’illuminazione dell’abitazione stessa, che ormai è quasi sempre risolta con lampadine a basso consumo. In queste occasioni è molto facile contenere al massimo le emissioni, sono le situazioni ideali per abbattere i consumi.

D) Qual è stato il tuo concerto più bello fino a oggi?

R) Difficile da dire, ma se parliamo di concerti Zero Emission quello che ricordo con più piacere è stato proprio a Mirabello Monferrato: era il primo, con un’atmosfera magica, forse anche perché eravamo tra Natale e Capodanno e fuori c’era la neve.

D) Qual è la tua relazione con l’ambiente?

R) L’ambiente è il bene più prezioso che abbiamo perché ci ospita per tutta la nostra vita. È fondamentale mantenerlo più integro possibile, sempre.

D) Perché hai scelto di coniugare musica e ambiente?

R) Fin da quando ero un ragazzino nei primi anni Settanta, quando si cominciava a parlare anche in Italia di ecologia e ambiente, mi sono interessato a queste tematiche. La musica, invece, è la mia passione da sempre, dai primi anni Ottanta è diventata anche il mio lavoro. Collegare questi due interessi per me è stato facilissimo.

D) Le tue origini genovesi ti legano in modo particolare al mare?

R) Da molti anni vivo nel Monferrato, ma sono spesso a Genova che, sebbene sia molto cambiata negli anni, ha sempre un grande fascino. Il mare è stato il mio ambiente per tantissimi anni, ma mi sento “a casa” anche in montagna. Mi piace molto camminare ad alta quota.

D) Quando non suoni, in che modo pensi all’ambiente?

R) Nella vita di tutti i giorni cerco sempre di tenere un comportamento attento: raccolta differenziata, elettrodomestici e lampadine a basso consumo in casa, uso di mezzi di trasporto alternativi come la bicicletta, il treno o al limite un’auto a GPL, e belle camminate quando gli spostamenti non sono lunghi.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende