Home » Rubriche »Very Important Planet » Paolo Bonfanti: un bluesman a zero emissioni:

Paolo Bonfanti: un bluesman a zero emissioni

settembre 20, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Difficile descrivere Paolo Bonfanti in poche parole, perché si occupa di talmente tante cose che sarebbe riduttivo definirlo un bluesman e basta. Genovese di nascita ma da anni piemontese d’adozione, Paolo ha alle spalle una lunga serie di collaborazioni con grandi nomi della scena blues italiana e internazionale. Innamorato da sempre di questo genere musicale, ha trovato il modo per farlo diventare anche mezzo di comunicazione trasversale. “La musica è qualcosa che può aiutare a fare moltissime cose” ci spiega. “Ha un impatto emozionale fortissimo ed è un linguaggio universale, per cui è abbastanza naturale che possa essere usata anche per sensibilizzare le persone su un argomento come l’ambiente”. Proprio questo è il nocciolo di uno dei suoi tanti progetti, lo ZeroEmissionBlues,  un’idea per proporre musica e cultura a impatto zero.

D) Paolo, come è iniziato il progetto ZEB?

R) Il primo concerto a emissioni zero lo abbiamo tenuto a Mirabello Monferrato, comune virtuoso in provincia di Alessandria, in una piccola chiesa sconsacrata. Abbiamo utilizzato delle candele per l’illuminazione e un piccolo amplificatore con un consumo massimo di 150 watt. Una soluzione diventata modello per gli eventi successivi. Per contenere le emissioni di un concerto, infatti, è sufficiente fare attenzione a questi due elementi. L’illuminazione si usa soltanto se necessaria e può essere fornita da strumenti alternativi come candele o fari a LED, che consumano un terzo dei fari normali. Mentre per l’amplificazione si possono impiegare una o più biciclette che alimentano l’impianto mediante un collegamento: il consumo di energia è rappresentato soltanto dalle calorie perse da chi pedala!

D) Una soluzione che offre anche vantaggi economici, giusto?

R) Il progetto in effetti può interessare anche quelle organizzazioni o istituzioni che non hanno a disposizione grandi budget per organizzare eventi musicali. In questo modo, con un sistema di amplificazione e illuminazione minimo, si possono ottenere risultati di ottimo livello.

D) Che futuro auspichi per ZEB?

R) Spero ovviamente che prenda piede. Siamo solo agli inizi, ma in tutte le occasioni in cui abbiamo organizzato un concerto in questo modo il riscontro è stato ottimo. Abbiamo anche stipulato un accordo con le aziende Soland e Geonovis, imprese che si occupano di impianti ad energie alternative, che fanno in modo che l’energia consumata sia certificata e poi rimessa nel circuito sotto forma di energia alternativa.

D) Parlaci di un altro dei tuoi progetti,  gli House Concert…

R) Teniamo i nostri House Concert in abitazioni private, spesso nei salotti domestici, per questo li abbiamo chiamati così. Grazie a questa loro caratteristica non richiedono amplificazione. Inoltre, è sufficiente l’illuminazione dell’abitazione stessa, che ormai è quasi sempre risolta con lampadine a basso consumo. In queste occasioni è molto facile contenere al massimo le emissioni, sono le situazioni ideali per abbattere i consumi.

D) Qual è stato il tuo concerto più bello fino a oggi?

R) Difficile da dire, ma se parliamo di concerti Zero Emission quello che ricordo con più piacere è stato proprio a Mirabello Monferrato: era il primo, con un’atmosfera magica, forse anche perché eravamo tra Natale e Capodanno e fuori c’era la neve.

D) Qual è la tua relazione con l’ambiente?

R) L’ambiente è il bene più prezioso che abbiamo perché ci ospita per tutta la nostra vita. È fondamentale mantenerlo più integro possibile, sempre.

D) Perché hai scelto di coniugare musica e ambiente?

R) Fin da quando ero un ragazzino nei primi anni Settanta, quando si cominciava a parlare anche in Italia di ecologia e ambiente, mi sono interessato a queste tematiche. La musica, invece, è la mia passione da sempre, dai primi anni Ottanta è diventata anche il mio lavoro. Collegare questi due interessi per me è stato facilissimo.

D) Le tue origini genovesi ti legano in modo particolare al mare?

R) Da molti anni vivo nel Monferrato, ma sono spesso a Genova che, sebbene sia molto cambiata negli anni, ha sempre un grande fascino. Il mare è stato il mio ambiente per tantissimi anni, ma mi sento “a casa” anche in montagna. Mi piace molto camminare ad alta quota.

D) Quando non suoni, in che modo pensi all’ambiente?

R) Nella vita di tutti i giorni cerco sempre di tenere un comportamento attento: raccolta differenziata, elettrodomestici e lampadine a basso consumo in casa, uso di mezzi di trasporto alternativi come la bicicletta, il treno o al limite un’auto a GPL, e belle camminate quando gli spostamenti non sono lunghi.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende