Home » Rubriche »Very Important Planet » Paolo Cognetti e la montagna del futuro: un rifugio per arte e cultura:

Paolo Cognetti e la montagna del futuro: un rifugio per arte e cultura

L’anno scorso ha vinto il prestigioso Premio Strega, ma Paolo Cognetti, milanese classe 1978, non è scrittore “da salotti”. Preferisce vivere a contatto con la natura e adora la montagna, non a caso si definisce montanaro e l’opera che ha vinto lo Strega si intitola “Le Otto Montagne“. Il prossimo lavoro sarà invece dedicato al Nepal, sempre paese di montagne. Fa lo scrittore, ma all’università ha studiato matematica. Si è dedicato alla realizzazione di documentari e il suo sogno, molto concreto, è trasformare una vecchia stalla in un centro artistico e culturale. Ecco cosa ci ha raccontato…

D) Paolo ci racconti quali sono i tuoi programmi futuri?

R) Un librino sul Nepal per Einaudi che uscirà in autunno. Si tratta di narrativa di viaggio, sulla scia della tradizione della grande letteratura di viaggio. Almeno ci provo…

D)Ti dedichi con grande successo alla letteratura, ma sei anche un’ alpinista?

R) Apprezzo gli alpinisti, ma io sono un montanaro che abita in montagna, ci sono invece alpinisti che abitano in città…

D) Dove e quando nasce questa passione per la montagna che si ritrova nella tua vita e nelle tue opere?

R) Da quando sono nato, da bambino: cresciuto a Milano, d’estate la montagna diventava  il luogo dove mi inselvatichivo, era una vita molto più libera. Poi sono stato lontano, ma alla fine ci sono tornato da grande.

D) Cosa ti dà la montagna, cosa ti offre il suo ambiente naturale?

R) La libertà, a iniziare dagli spazi, poi dal lavoro. La città ti impone un modello di vita rigido, basti pensare  ad una città costosa come Milano, dove devi adeguarti al costo degli affitti, al costo della vita quotidiana. I soldi servono dappertutto, ma in montagna non sono fondamentali, poi andare in giro a camminare. Io mi sono fatto l’orto e lo coltivo. E’ una vita che sento più libera, poi facendo lo scrittore ho sempre dovuto fare altri lavori.

D) Vedi minacciata la montagna? O è più l’uomo ad esserlo?

R) L’uomo sì, non la montagna, lei cambia poco, si adatta. E’ l’uomo in pericolo, se non avremo più acqua nei nostri fiumi!

D) Quale pensi che sia il pericolo maggiore, oggi, per il nostro Pianeta?

R) Domanda impegnativa perché so parlare solo di quello che conosco… Osservo però che la montagna italiana sta iniziando a soffrire l’emergenza acqua. Sono un’abitante del Nord Italia, terra di fiumi e per la prima volta ho visto la fonte prosciugata. Fa una certa impressione vedere i rubinetti secchi. Viene da pensare: e se succedesse in tutte le fontane?

D) E tu cosa fai, nella quotidianità, a favore dell’ambiente?

R) Sono vegetariano. E’ una scelta etica, una via che ho intrapreso da alcuni anni per rispetto della vita animale. Poi sto molto attento ai consumi. Purtroppo di solito trascuriamo il risparmio energetico, parliamo tanto di fonti energetiche rinnovabili ma si presta poi poca attenzione a come non sprecare l’energia che abbiamo. Io uso poca energia, produco pochi rifiuti.

D) Hai un’impronta abbastanza ecologica, hai progetti in mente per rafforzarla ulteriormente?

R) Sto costruendo un rifugio, ho comprato una vecchia stalla e sto progettando interventi per renderla a basso impatto energetico con l’utilizzo di pannelli e materiali bio, soprattutto perché consumi il meno possibile e ci sia un sistema di autoproduzione energetica. Lo penso come un luogo di produzione culturale, dove lavorare con le scuole, organizzare corsi e laboratori sulla vita e sul lavoro in montagna, sui montanari, l’ agricoltura e l’allevamento. Poi penso a residenze artistiche, mostre e concerti. In montagna dove ci sono tante belle cose, queste mancano.

D) La montagna continua a spopolarsi o vedi un inversione di tendenza?

R)  Si è impoverita sicuramente di cultura, vive dello sport il sabato e la domenica quando si riempe di sciatori. La montagna solo sportiva però non mi piace molto perché è poco radicata al territorio. Una fruizione molto di consumo, la preferisco più abitata e lavorata dalle persone…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende