Home » Rubriche »Very Important Planet » Paolo Cognetti e la montagna del futuro: un rifugio per arte e cultura:

Paolo Cognetti e la montagna del futuro: un rifugio per arte e cultura

L’anno scorso ha vinto il prestigioso Premio Strega, ma Paolo Cognetti, milanese classe 1978, non è scrittore “da salotti”. Preferisce vivere a contatto con la natura e adora la montagna, non a caso si definisce montanaro e l’opera che ha vinto lo Strega si intitola “Le Otto Montagne“. Il prossimo lavoro sarà invece dedicato al Nepal, sempre paese di montagne. Fa lo scrittore, ma all’università ha studiato matematica. Si è dedicato alla realizzazione di documentari e il suo sogno, molto concreto, è trasformare una vecchia stalla in un centro artistico e culturale. Ecco cosa ci ha raccontato…

D) Paolo ci racconti quali sono i tuoi programmi futuri?

R) Un librino sul Nepal per Einaudi che uscirà in autunno. Si tratta di narrativa di viaggio, sulla scia della tradizione della grande letteratura di viaggio. Almeno ci provo…

D)Ti dedichi con grande successo alla letteratura, ma sei anche un’ alpinista?

R) Apprezzo gli alpinisti, ma io sono un montanaro che abita in montagna, ci sono invece alpinisti che abitano in città…

D) Dove e quando nasce questa passione per la montagna che si ritrova nella tua vita e nelle tue opere?

R) Da quando sono nato, da bambino: cresciuto a Milano, d’estate la montagna diventava  il luogo dove mi inselvatichivo, era una vita molto più libera. Poi sono stato lontano, ma alla fine ci sono tornato da grande.

D) Cosa ti dà la montagna, cosa ti offre il suo ambiente naturale?

R) La libertà, a iniziare dagli spazi, poi dal lavoro. La città ti impone un modello di vita rigido, basti pensare  ad una città costosa come Milano, dove devi adeguarti al costo degli affitti, al costo della vita quotidiana. I soldi servono dappertutto, ma in montagna non sono fondamentali, poi andare in giro a camminare. Io mi sono fatto l’orto e lo coltivo. E’ una vita che sento più libera, poi facendo lo scrittore ho sempre dovuto fare altri lavori.

D) Vedi minacciata la montagna? O è più l’uomo ad esserlo?

R) L’uomo sì, non la montagna, lei cambia poco, si adatta. E’ l’uomo in pericolo, se non avremo più acqua nei nostri fiumi!

D) Quale pensi che sia il pericolo maggiore, oggi, per il nostro Pianeta?

R) Domanda impegnativa perché so parlare solo di quello che conosco… Osservo però che la montagna italiana sta iniziando a soffrire l’emergenza acqua. Sono un’abitante del Nord Italia, terra di fiumi e per la prima volta ho visto la fonte prosciugata. Fa una certa impressione vedere i rubinetti secchi. Viene da pensare: e se succedesse in tutte le fontane?

D) E tu cosa fai, nella quotidianità, a favore dell’ambiente?

R) Sono vegetariano. E’ una scelta etica, una via che ho intrapreso da alcuni anni per rispetto della vita animale. Poi sto molto attento ai consumi. Purtroppo di solito trascuriamo il risparmio energetico, parliamo tanto di fonti energetiche rinnovabili ma si presta poi poca attenzione a come non sprecare l’energia che abbiamo. Io uso poca energia, produco pochi rifiuti.

D) Hai un’impronta abbastanza ecologica, hai progetti in mente per rafforzarla ulteriormente?

R) Sto costruendo un rifugio, ho comprato una vecchia stalla e sto progettando interventi per renderla a basso impatto energetico con l’utilizzo di pannelli e materiali bio, soprattutto perché consumi il meno possibile e ci sia un sistema di autoproduzione energetica. Lo penso come un luogo di produzione culturale, dove lavorare con le scuole, organizzare corsi e laboratori sulla vita e sul lavoro in montagna, sui montanari, l’ agricoltura e l’allevamento. Poi penso a residenze artistiche, mostre e concerti. In montagna dove ci sono tante belle cose, queste mancano.

D) La montagna continua a spopolarsi o vedi un inversione di tendenza?

R)  Si è impoverita sicuramente di cultura, vive dello sport il sabato e la domenica quando si riempe di sciatori. La montagna solo sportiva però non mi piace molto perché è poco radicata al territorio. Una fruizione molto di consumo, la preferisco più abitata e lavorata dalle persone…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende