Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Paradiso terrestre con ticket (per pagare la tutela). Il modello di Baunei in Sardegna:

Paradiso terrestre con ticket (per pagare la tutela). Il modello di Baunei in Sardegna

novembre 2, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Ben 40 chilometri di spiagge da sogno difese dal massiccio del Supramonte. Montagna che ha impedito la cementificazione del litorale dei paesi di Dorgali e Baunei, dove è possibile approdare solo in barca o dopo suggestivi, ma faticosi, trekking. Un angolo della costa orientale della Sardegna con tutte le caratteristiche in regola per essere definito un “paradiso terrestre”.

Tutto bene dunque? Non proprio. Ci sono da tutelare le spiagge che, soprattutto nel mese di agosto, subiscono un forte carico antropico, cioè troppe persone che insistono su piccoli fazzoletti di sabbia. Niente di eccezionale rispetto alla tradizione balneare nazionale, nella gran parte delle spiagge italiane la concentrazione turistica è ancora maggiore. Cala Luna, Cala Sisine, Cala Mariolu, Cala dei Gabbiani, Goloritzè sono però ambienti fragili e delicati. Per difenderle inizia a muoversi qualcosa e qualcuno, con le  prime forme di regolamentazione approvate dal Comune di Baunei su proposta del sindaco Salvatore Corrias, schieratosi in prima linea.

L’amministratore, 43 anni, laurea e dottorato in lettere, insegnante di italiano alle superiori, quest’estate ha fatto approvare dalla giunta comunale un ticket da 5 euro per attraversare i sentieri che portano a Cala Goloritzè, monumento naturale riconosciuto dalla Regione, con l’obiettivo di finanziare il progetto di difesa, tutela e manutenzione di questa incantevole spiaggia. Ma non è finita qui perché questo modello si vuole replicare nelle altre spiagge del Golfo per razionalizzare le presenze e garantire un modello sostenibile di turismo. Sempre minacciato, come conferma un post dal significativo titolo “Piccolo mondo fragile“, che il sindaco ha postato nei giorni scorsi sulla propria pagina Facebook, accompagnato dalla foto di un gommone approdato illegalmente a Cala Goloritzè. Il messaggio è chiaro: ”Noi non siamo più disposti a tollerare il mancato rispetto delle regole, e ci rivolgiamo a voi, trasgressori recidivi e seriali: contravvenire alle regole significa violentare gli spazi di libertà, che non è quella che ci si arroga per sé e solo per sé e per i propri interessi di cassa (magari con il pretesto che la natura è universale e quindi: faccio quel che voglio). Lo sanno tutti, ma proprio tutti  che a Goloritzè è fatto divieto di attracco ai natanti!”.

Oltre alla denuncia via social network è però interessante conoscere il modello che Corrias sta realizzando. “Il ticket non è una mera riscossione o un semplice dazio, piuttosto la legittima richiesta di un contributo finalizzato alla manutenzione del territorio in un periodo di vacche magre – queste le ragioni del sindaco – Il carico antropico crescente su un territorio molto sensibile ci obbliga a dare un’organizzazione dei servizi finalizzata alla tutela del bene comune“.  Il primo cittadino fa esempi concreti per spiegare il ticket che intende approvare per un’altra spiaggia, Cala Biriola, dove “quest’estate  abbiamo contato 1.400 persone in un giorno. Serve controllo, sorveglianza perché non mancano i maleducati e questo sistema costa. I nostri turisti non chiedono la luna, ma gli dobbiamo assicurare il minimo: pulizia e ambiente incontaminato“. Una sfida ardua in un territorio difficile, dove nel tempo le diverse ipotesi di regolamentazione si sono scontrate con l’opposizione di alcuni operatori turistici che le norme le hanno sempre viste come “fastidio” ai propri clienti.

Ma i tempi cambiano. “Il turismo sostenibile rappresenta il nostro presente e il nostro futuro - dice il Sindaco - Oggi una decina di imprese lavorano nel settore escursionistico, l’info-point comunale non ha chiuso prima del 1°novembre perché ci sono sempre più persone che frequentano il nostro territorio in bassa stagione grazie all’offerta legata alla fruizione attiva e rispettosa della natura: trekking, biking, climbing“. Corrias punta sulla programmazione: “un’ordinanza recente è indirizzata al contingentamento degli approdi per difendere la poseidonia e trova conforto nelle direttive Regionali ed Europee e nella filosofia del SIC (Sito d’Interesse Comunitario) Golfo di Orosei, che dobbiamo dotare di un piano di gestione indirizzato alla preservazione degli habitat e di un ecosistema che amo definire un piccolo mondo fragile“. Non solo dal punto di vista strettamente naturale, ma anche delle architetture spontanee con valore testimoniale: “abbiamo ristrutturato sette Cuiles (gli antichi ovili dei pastori in pietra e legna, oggi abbandonati dai caprai, Ndr) per tutelare la memoria storica e per renderli funzionali ad un turismo rispettoso dell’ambiente e delle tradizioni locali“.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende