Home » Bollettino Europa »Rubriche » Partirà a marzo l’Osservatorio per l’economia post-petrolifera dell’UE:

Partirà a marzo l’Osservatorio per l’economia post-petrolifera dell’UE

febbraio 25, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

C’è la bioeconomia nel futuro delle politiche dell’Unione Europea. Si tratta di un’economia che si fonda su risorse provenienti della terra e dal mare, nonché dai rifiuti, che fungono da risorsa energetica per la produzione industriale. La bioeconomia comprende anche l’uso di processi di produzione fondati su bioprodotti. I rifiuti organici, ad esempio, rappresentano un potenziale notevole in alternativa ai concimi chimici o per la conversione in bio-energia.

A questo proposito, la Commissione Europea ha istituito un Osservatorio per l’economia post-petrolifera, per monitorare i progressi e valutare l’impatto dello sviluppo della bioeconomia dell’UE. La piattaforma fa parte della strategia per indirizzare gli Stati del Vecchio Continente verso un più ampio e sostenibile uso delle risorse rinnovabili. Facciamo, dunque, un passo indietro.

Il piano d’azione dal titolo “L’innovazione per una crescita sostenibile: una bioeconomia per l’Europa”, lanciato esattamente un anno fa, prevedeva un approccio interdisciplinare e intersettoriale. L’obiettivo era – ed è tuttoggi – creare un’economia a emissioni ridotte, conciliando l’esigenza di un’agricoltura e una pesca sostenibili e della sicurezza alimentare con l’uso, altrettanto sostenibile, delle risorse biologiche rinnovabili per fini industriali, tutelando allo stesso tempo la biodiversità e l’ambiente. Il tutto guidato da incentivi all’innovazione. Il piano è stato incentrato, quindi, su tre aspetti chiave. Il primo: sviluppare, attraverso la ricerca, tecnologie e processi produttivi nuovi destinati alla bioeconomia. Ciò dovrebbe includere risorse UE, nazionali, investimenti privati e la promozione di sinergie con altre iniziative politiche. La strategia intende, infatti, creare sinergie e complementarità con altri settori, strumenti e fonti di finanziamento per le politiche che condividono gli stessi obiettivi, quali i fondi di coesione, le politiche comuni della pesca e dell’agricoltura, la politica marittima integrata, le politiche ambientali, industriali, occupazionali, energetiche e sanitarie. Il secondo: stimolare i mercati e la competitività.  Obiettivo raggiungibile attraverso un’intensificazione sostenibile della produzione primaria, la conversione dei flussi di rifiuti in prodotti con valore aggiunto, nonché meccanismi di apprendimento reciproco per una migliore efficienza produttiva e delle risorse. Lo smaltimento dei rifiuti alimentari, ad esempio, costa al contribuente europeo fino a novanta euro per tonnellata e produce centosettanta milioni di tonnellate di CO2. Infine il terzo: stimolare una maggiore collaborazione tra i responsabili politici e le parti interessate.

È proprio in questo terzo pilastro che si inserisce la creazione dell’Osservatorio, che sarà avviato a marzo e avrà una durata di tre anni, con l’obiettivo di rendere pubblici i dati raccolti attraverso un portale web, a partire dal 2014. L’Osservatorio sarà coordinato dal Centro comune di ricerca, servizio scientifico interno della Commissione e raccoglierà informazioni per seguire l’evoluzione dei mercati e monitorare le politiche europee, nazionali e regionali nel campo della ricerca e dell’innovazione e l’entità degli investimenti pubblici e privati nel settore. L’ente dovrà, inoltre, monitorare varie misure di prestazione, quali gli indicatori relativi all’economia, all’occupazione e all’innovazione e le misure inerenti alla produttività, al benessere sociale e alla qualità ambientale.

La Commissione sta, poi, prendendo in considerazione un nuovo partenariato pubblico-privato sulle bioindustrie per accelerare lo sviluppo del settore. Una decisione è attesa entro giugno. “Da un anno è stata avviata la strategia relativa alla bioeconomia. Stiamo cominciando a osservare che gli Stati membri colgono le opportunità offerte dalla transizione a un’economia post-petrolifera, che si fonda sull’uso intelligente delle risorse provenienti dalla terra e dal mare. Questo è molto importante perché porterà benefici all’ambiente, alla sicurezza energetica e alimentare e alla futura competitività dell’Europa”. Ha affermato Máire Geoghegan-Quinn, la Commissaria responsabile per la Ricerca, l’Innovazione e la Scienza.

La bioeconomia europea vanta già un fatturato di circa duemila miliardi di euro e impiega oltre ventidue milioni di persone, che rappresentano il 9% dell’occupazione complessiva dell’UE. Alcuni Stati membri, per esempio Danimarca, Finlandia, Germania, Irlanda e Paesi Bassi hanno già elaborato alcune strategie nazionali per la bioeconomia. Si calcola, tuttavia, che per ogni euro investito in ricerca e innovazione nella bioeconomia a livello comunitario la ricaduta in valore aggiunto nei settori del comparto bioeconomico sarà pari a dieci euro entro il 2025.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende