Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Patagonia controvento”: in bici sulla Carretera cilena, prima dell’asfalto:

“Patagonia controvento”: in bici sulla Carretera cilena, prima dell’asfalto

marzo 10, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Un viaggio a pedali lungo il Camino Austral e la Terra del Fuoco. “Patagonia Controvento” del giornalista italo-svizzero Max Mauro, è stato pubblicato per la prima volta nel 2006 e da poco ristampato dalla casa editrice Ediciclo. Il libro, che rappresenta uno dei titoli più noti di Ediciclo, è un affascinante reportage di viaggio, lungo gli oltre 1.200 chilometri di carretera che attraversano il Cile. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente“, pubblichiamo oggi un estratto del capitolo “Che farsene dell’asfalto?“, che racconta il tragitto su due ruote da Puerto Cardenas a Villa Santa Lucia, Cile centrale. Nel passo l’autore riflette sul progetto del governo di asfaltare la Carretera Austral e su come questo porterà sicuramente degli enormi cambiamenti per gli abitanti dei villaggi situati lungo la strada. Arriveranno la ricchezza e molti turisti, secondo un modello di sviluppo che però ha ben poco di sostenibile.

Dopo il pranzo esco a fare due passi e vengo avvicinato dal responsabile della squadra di operai. È un giovane ingegnere che ha l’aspetto di un cittadino e che avevo notato per la sua diversità rispetto al resto del gruppo. Occhiali da sole, jeans e mocassini, faccio fatica a immaginarmelo in mezzo al pantano dei cantieri che ho visto lungo la strada, ma è domenica,e forse questo spiega qualcosa. Viene da una città del Cile centrale e si trova qui per coordinare i lavori di sistemazione dei numerosi ponti della Carretera. Mi dice di aver da poco visto “Pinocchio” di Benigni al cinema, a Santiago, che l’Italia è bella e un giorno vorrebbe visitarla assieme alla moglie. Mi chiede se mi piace il Cile e come mai ci vengono pochi turisti italiani. Non ho una risposta per la seconda domanda, io stesso di questo paese ne sapevo poco e le persone che conoscevo che avevano viaggiato in Sudamerica erano andate in Argentina (magari a visitare lontani parenti), in Perù, in Ecuador e ovviamente in Brasile. Del Cile nessuna testimonianza.

Parlando con Hector ho modo di confrontarmi con l’orgoglio con il quale generalmente i cileni parlano del loro paese a un europeo e di cui avevo letto da qualche parte. «In questo momento il Cile è il miglior paese del Sudamerica», afferma come a voler promuovere il turismo nella sua patria. «L’economia va bene e il governo è stabile. La gran parte degli altri paesi del continente ha problemi politici, colpi di stato e manifestazioni violente, mentre da noi queste cose non ci sono». Raccolgo la sua analisi e non avanzo dubbi, non avendo molti elementi per controbattere. D’altra parte all’apparenza le cose stanno proprio così, sebbene tutto il mondo sia ancora indignato per il mancato processo a Pinochet. Più tardi, vedendo i notiziari trasmessi dalla televisione cilena assieme alla squadra di operai, ricevo una raffigurazione della realtà speculare a quella del mio volenteroso prosseno.

Mentre in Medio Oriente il conflitto israelo-palestinese non accenna a scemare e dagli Stati Uniti si fanno avanti nuove minacce di guerra contro nemici vecchi e nuovi, la tv pubblica cilena mette in primo piano la seguente notizia, trattata con vari servizi per molti minuti: la finale del campionato di calcio. Una nota: in Cile il campionato di calcio segue le modalità dei campionati degli sport statunitensi, con tanto di play-off e gran finale tipo Superbowl. È uno dei piccoli segnalidi transfert culturale nordamericano in questo paese, dove sono tuttavia diffusi i sentimenti anti Usa, come mi ha confermato la scritta a pennarello sullo zainetto di un ragazzo vista a Puerto Montt: “Osama I love you”. Le altre notizie proposte dalla tv di Stato riguardano gli esami di ammissione all’università, con interviste a giovani e nervosi candidati e al preside di un’università privata con il nome in inglese, due iniziative del presidente della Repubblica, i preparativi per il Natale e altri fatti di cronaca nazionale. Nulla di negativo o problematico,comunque. Su quanto avviene all’estero c’è spazio solo per un servizio sulle manifestazioni di piazza che giungono dal Venezuela, con l’inviato a riferire con pathos eccitato delle sparatorie tra civili. Uno stacco netto con la conciliante immagine del Cile appena data. Infine, trova spazio una breve nota sull’impegno del governo statunitense contro il terrorismo internazionale. Per gli esteri, è tutto qui. Visto quanto trasmette la tv, le semplificazioni del giovane ingegnere di città non mi stupiscono più di tanto.

La conversazione con Hector è utile per capire meglio molte cose. Gli chiedo conferma del progetto governativo di asfaltatura della Carretera. Mi conferma che entro il 2010 praticamente tutti i milleduecento chilometri della strada dovrebbero essere coperti d’asfalto. Attualmente ne sono stati asfaltati non più di duecento, quasi tutti attorno alla capitale provinciale Coyhaique. I costi sono molto alti, mi spiega, ma per dare sviluppo alla zona non c’è alternativa. Come a marcare il lavoro svolto in questo settore, sottolinea che ogni anno, in ognuna delle tredici regioni che formano il Cile, vengono aggiunti venti chilometri di strade asfaltate.

Immagino che a un geometra dell’Anas questi dati possano fare un certo effetto, ma a me non dicono nulla. Beata ignoranza. Una cosa, forse, in effetti la dicono. Con le strade arriva il progresso, trasporti più veloci, puntuali, e si comincerà a parlar di forniture “just in-time” o “on-demand” come nell’economia spicciola ci hanno insegnato gli esperti del dettaglio consumista. Le persone che possono permettersi di comprare un’auto potranno optare per una berlina invece che una jeep o un robusto pick-up e con quella potranno recarsi in mattinata da un villaggio all’altro anche solo per comprare una batteria dell’orologio. La strada porterà molti turisti, attratti dalla verginità dei luoghi ma soprattutto dalla nuova comoda via di comunicazione. Serviranno alberghi, magari con piscine e campi da golf, chissà, e ovviamente una miriade di souvenir, sennò come si fa a ricordarsi di esserci venuti, quaggiù. Arriverà lo sviluppo e, almeno per qualcuno, la ricchezza. Un posto così trasformato non avrà più la poesia e la verginità che vi trovo oggi. Non è questo il senso del turismo,in fondo?

Mentre mi astraggo in questi astrusi ragionamenti, sulla strada scorgo un’auto malridotta caricata fuor di misura. Alla guida c’è El Pacifico che, chiusa la cucina e lasciata la donna senza età a vegliare le stoviglie, ha fatto salire sulla sua vettura figlie, moglie, cane – proprio lo stesso della foto mostratami da Pia – e una ragazza coetanea della figlia più grande. L’auto si allontana sobbalzando, prende una pozzanghera che sembra un laghetto e per un attimo temo che si ribalti. Le ragazze ridono, una delle due tiene in mano una bottiglia di birra, sono felici. Che se ne faranno dell’asfalto?

Max Mauro*

* Nato in Svizzera, figlio di emigranti friulani. Giornalista e scrittore, ha collaborato con Diario e altre testate. Ha fatto il giornalista in Venezuela e raccolto storie di migranti in Germania e Sudafrica. Attualmente vive a Southampton dove è professore associato alla facoltà di giornalismo sportivo. Con “La mia casa è dove sono felice” (Kappa vu, 2005), ha vinto il Premio “Città di Borgotaro-Raccontare l’emigrazione”. “Patagonia controvento” (Ediciclo 2006) ha ricevuto la menzione speciale al premio “Albatros” per la letteratura di viaggio. Nel 2009 ha pubblicato “La bici sopra Berlino” per la collana Ciclopolis di Ediciclo.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende