Home » Rubriche »Very Important Planet » Peppe Voltarelli in viaggio nella tradizione meridionale, tra cantastorie ed ecomostri:

Peppe Voltarelli in viaggio nella tradizione meridionale, tra cantastorie ed ecomostri

Giuseppe Voltarelli, classe 1969 di Cosenza, noto come Peppe, canta, suona, recita, scrive da quasi trent’anni. Ha iniziato nel 1991 con la band “Il parto delle nuvole pesanti”, e grazie alla musica ha girato mezzo mondo – tournée in Argentina, Messico, Canada, Stati Uniti. Ha stretto collaborazioni prestigiose con Teresa De Sio, Sergio Cammariere, Roy Pace, Claudio Lolli, Pau dei Negrita e si è esibito più volte sul palco del 1 Maggio a Roma e al Montreal International Jazz Festival. Per cinema e teatro ha composto colonne sonore e lavorato come attore, oltre ad aver scritto diversi libri. Il suo ultimo lavoro è “Voltarelli canta Profazio“, dedicato al mitico cantastorie calabrese, l’unico, nel genere folk, ad aver conquistato il Disco d’Oro per venduto più di 1 milione di copie.

D) Peppe, il tuo ultimo lavoro – con ottimi commenti della critica nazionale – è dedicato a un personaggio storico della cultura folk italiana, Otello Profazio. Ci racconti come è nata questa sintonia?

R) Si tratta di un omaggio ad uno dei più grandi cantastorie del panorama italiano. Un vero e proprio operatore culturale, voglio ricordare che negli anni sessanta ha curato per la Fonit Cetra una collana, con più di 60 dischi, sulle tradizioni musicali di tutte le regioni italiane. Come cantautore è interessante il suo lato pungente, ironico e critico. Ho reinterpretato “Qui si campa d’aria” del 1974 (ha vinto il Disco d’Oro, NdR) che è un elenco dei luoghi comuni sul Sud e il meridione. Sono arrivato a questo artista da un percorso molto vario: dal rock, dal new folk degli anni novanta, poi è nata la necessità di un rapporto più stretto con il territorio. Ho avuto la fortuna di conoscere Profazio e ho iniziato ad approfondire il suo lavoro: una ricerca e una collaborazione sfociata in questo lavoro con dieci canzoni, arrangiate con Carlo Muratori, e un volume di 65 pagine – pubblicato da Squilibri Editore e la fondamentale collaborazione artistica di Anna e Rosaria Corcione – con un mio racconto e saggi di Domenico Ferraro, Laura Lombardi e Carlo Muratori.

D) Con il lavoro su Profazio hai fatto avvicinare le nuove generazioni, ma anche i quarantenni, alla tradizione musicale meridionale…

R) Ho avuto il piacere di fare concerti con lui ed è stata un’esperienza unica, diverse generazioni insieme, una magia con il pubblico che si mescola. La componente più rock, quella che mi segue da sempre, ha accettato questo gioco e il viaggio nella tradizione. E’ un modo per tramandare il capitale culturale e affrontare i temi che Profazio ha sempre trattato: emigrazione, antimafia, brigantaggio, la terra.

D) A proposito di terra, quanto ambiente c’è nel tuo percorso artistico e musicale?

R) Ho sempre affrontato i temi ambientali, ma a modo mio, con una lettura ironica dell’argomento. Per esempio durante una tournée  in Canada, nel Quebec, dove mi è capitato spesso di esibirmi, ho inventato la rubrica on line sull’ispettore che va sempre alla ricerca di cartacee e bottiglie per terra – che naturalmente non trova – per far sapere che esistono luoghi dove la natura è rispettata… Ho uno sguardo critico sul nostro paese, ma non da professore, non mi piace salire in cattedra. Sono convinto che un rapporto corretto con l’ambiente e la terra deve nascere più da una consapevolezza della necessità di rispettare il mondo che da proibizioni. Sempre in Quebec ho girato un video su una chiesa in legno di cedro non rifinita e non levigata, che cambia continuamente e ho fatto il confronto con il “non finito” calabrese, l’urbanizzazione selvaggia degli anni sessanta/settanta, la cementificazione. Ho immaginato per la Statale 106 (la Taranto-Reggio Calabria), un museo di arte contemporanea degli ecomostri, non per fare cose stravaganti ma con un senso ben preciso: devono diventare la testimonianza di un’epoca passata, si spera, e  la memoria della cementificazione.

D) Passiamo al tuo vissuto quotidiano, quanto sei “ambientalista” nella vita di tutti i giorni?

R) Non ho l’auto, utilizzo fino a quando posso  i mezzi pubblici. Cerco di curare bene l’alimentazione con prodotti locali, provenienti da una filiera corta: una filosofia vicina alla musica che faccio, che è quasi “artigianale” e prodotta con lo stesso spirito di un coltivatore a chilometro zero! Ho partecipato con entusiasmo a Festambientesud, a La Sila Suona Bee (festival di musica e natura), e ho un grande ricordo per I Luoghi del Tempo, in Maremma, dove non esisteva il palcoscenico, si suonava sulla terra e quando tramontava il sole finiva l’illuminazione. Niente luci artificiali…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende