Home » Rubriche »Very Important Planet » Perdersi nei “giardini di carta”. L’amabile passione di Évelyne Bloch-Dano:

Perdersi nei “giardini di carta”. L’amabile passione di Évelyne Bloch-Dano

maggio 20, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Scrittrice e giornalista francese, Évelyne Bloch-Dano è autrice, tra gli altri libri (tradotti in molte lingue del mondo), di diverse biografie di donne: Madame Zola, Flora Tristan, La Signora Proust, George Sand e fa parte della giuria del Prix Femina. A noi di Greenews.info aveva già concesso in anteprima (grazie all’editore italiano Add), un estratto del suo nuovo libroGiardini di Carta“, uscito a febbraio. Oggi la intervistiamo, come autrice e come cittadina, per la nostra rubrica V.I.P. – Very Important Planet“, nata proprio per sondare la sensibilità ambientale dei personaggi noti del mondo dello spettacolo, della letteratura, dello sport…

D) Evelyne, da dove le è arrivata l’idea di scrivere “Jardins de Papier”? Ama più i giardini o la letteratura?

R) L’idea mi è venuta proprio dal fatto che amo allo stesso modo entrambi: i giardini e la letteratura ! Un modo di coniugare questi due centri d’interesse, questi due piaceri, direi. Fortunatamente per il momento non devo scegliere tra le due…

D) Nel suo libro non parla solo di piante ornamentali (come spesso si intendono i giardini), ma anche di ortaggi e frutta, piante commestibili. Pensa che la tendenza all’edible landscaping possa essere una risposta, contemporaneamente, al desiderio di bellezza e cibo che sempre più sentiamo?

R) Credo che non ci sia nessun motivo di dare più importanza agli uni che agli altri. Gli ortaggi hanno sempre, dalla notte dei tempi, assolto questa duplice funzione. E ci sono fiori anche sugli ortaggi, non dimentichiamolo!

D) Uno studioso di vino e agricoltura mi ha fatto notare una volta che quando pensiamo alle grandi migrazioni di solito abbiamo in mente le guerre, ma le carestie in agricoltura sono state, nei secoli, una ragione di migrazione ben più massiccia (basti pensare agli Irlandesi verso gli USA e agli Italiani in Sud America). Come pensa che queste migrazioni abbiano cambiato l’aspetto non solo dei campi, ma anche dei giardini privati e pubblici? C’è qualche esempio in letteratura?

R) Certo, le piante e più in particolare le verdure, i cereali o i vigneti sono il risultato di questi cambiamenti. L’ho studiato su un altro libro La fabuleuse histoire des légumes, tradotto in molte lingue ma sfortunatamente non ancora in italiano! I pomodori, i fagioli arrivati dall’America, il mais, il peperoncino, tanti esempi che hanno cambiato il nostro paesaggio e ovviamente la nostra alimentazione…

D) Pensa che avere un giardino possa migliorare la consapevolezza dei problemi ambientali? E che possa avere anche una funzione educativa?

R) Penso che in effetti, avere un giardino, ci rende immediatamente sensibili all’ambiente, alle variazioni del clima, alla qualità dell’acqua, alla scelta di usare o meno dei prodotti chimici. È uno strumento pedagogico che è stato usato fin dall’inizio della creazione della scuola materna in Francia e che troviamo anche oggi. Rousseau dà un ruolo al giardinaggio, come si vede nella sua opera Emilio o dell’educazione. È grazie al piccolo giardino che coltiva che Emilio impara il senso della proprietà e della giustizia!

D)  Parliamo di lei e delle sue abitudini. Quali sono le sue azioni quotidiani a difesa del Pianeta?

R) Penso sia proprio nella vita quotidiana che possiamo difendere al meglio la natura, attraverso le nostre scelte alimentari, la qualità dei prodotti, la loro provenienza, la tipologia di vita ecc. Al contrario confesso che siccome viaggio molto prendo spesso la macchina e l’aereo…che non è molto consigliabile!

D) Qual è allora il paese in cui, durante i suoi viaggi, ha notato la maggiore sensibilità verso la natura e l’ambiente?

R) Non so rispondere a questa domanda… Penso che in ogni Paese, ci sono delle modalità d’azione diverse, una sensibilità a quella o quell’altra cosa secondo la cultura o il grado di sviluppo. I Paesi occidentali hanno preso consapevolezza di questa necessità, per forza di cose, e ci sono ancora molte cose da fare.

D) Finiamo con una citazione di qualche autore del suo libro, che sente come sua e vorrebbe condividere con i nostri lettori…

R) Allora sceglierò una frase di George Sand: Nous sommes de la nature, dans la nature, par la nature et pour la nature.” (Siamo della natura, nella natura, con la natura e per la natura”, NdR).

Andrea Gandiglio

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende