Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Perù, le minacce alla biodiversità e l’inquinamento atmosferico:

Perù, le minacce alla biodiversità e l’inquinamento atmosferico

agosto 30, 2012 Impressioni di viaggio, Rubriche

Continua, attraverso il Perù, l’avventura del nostro corrispondente Carlo Taglia intorno al mondo, per documentare, attraverso le “impressioni di viaggio“, i principali problemi ambientali che affliggono il Pianeta.

Osservando i particolari panorami peruviani, dalla costa desertica alle montagne andine, capiterà spesso di provare un senso di disgusto dovuto alla esagerata quantità di rifiuti sparsi a bordo strada o in terreni utilizzati come discariche improvvisate. Purtroppo, il Perù, in quanto ad attenzione per l’ambiente, mi ricorda a volte l’Asia dei primi mesi del mio viaggio.

All’ingresso secondario dall’Ecuador ho notato nuovamente autorisciò in massa, spazzatura abbandonata senza una gestione di raccolta e strade polverose, che riempiono i polmoni dei passeggeri sui pullman. Nelle città l’inquinamento atmosferico è insopportabile, come raramente ho incontrato fino ad ora in altri luoghi. Il Perù deve lottare contro la deforestazione, la desertificazione, l’erosione del suolo, l’inquinamento atmosferico nei centri urbani, l’utilizzo di eternit (anche qui, un tormento), la pesca eccessiva, l’inquinamento dei fiumi e della acque costiere dai rifiuti urbani e la gestione di questi. Sfide impegnative.

Il Paese ha però la terza foresta pluviale più estesa al mondo, dopo il Brasile e il Congo. Un tipo di foresta che è la più ricca al mondo, sia per biodiversità che per ricchezza di risorse naturali. Metà del territorio nazionale è foresta, ma secondo la FAO il Perù ha una media di deforestazione annuale del 1% . Dati migliori, in confronto ai paesi vicini, ma da tenere sotto controllo in considerazione delle minacce legate allo sviluppo sfrenato e irregolare, fatto di disboscamento illegale, agricoltura “commerciale”, attività minerarie, petrolifere e del gas e – non ultima – l’imponente costruzione di strade.

Circa il 95% degli alberi è abbattuto illegalmente. nei parchi nazionali e nelle riserve naturali. Eppure, fino al 2006, i dati disponibili non evidenziano alcun arresto per questo tipo di criminalità, per via della corruzione che avvelena il paese. Nel 2005, ad esempio, il governo ha stipulato un contratto faraonico con una compagnia petrolifera cinese per lo sfruttamento di una vasta area ecologicamente sensibile, la regione Madre de Dios, in cui si trovano il 10% degli esemplari di uccelli di tutto il mondo.

Un’ulteriore fonte di deforestazione e degrado ambientale nell’Amazzonia peruviana è l’estrazione dell’oro. La terra è infatti ricca di depositi d’oro alluvionali, che vengono sfruttati da gruppi di cercatori che utilizzano pesanti macchinari di estrazione e fanno esplodere le rive dei fiumi, come in un far west fuori tempo massimo. Queste attività causano inoltre contaminazione da mercurio, sedimentazione del fiume e la formazione di squallide baraccopoli in queste aree di lavoro. La costruzione, ultimata quest’anno, dell’autostrada transoceanica, che collega la costa atlantica brasiliana con la costa pacifica peruviana, scorrendo nella foresta amazzonica, è la ciliegina sulla torta della devastazione del territorio. E’ stata inaugurata da pochi mesi e già si prevede un impatto ambientale pesantissimo sulla foresta e la sua biodiversità, a fronte di dubbi vantaggi per il “business” locale.

L’inquinamento atmosferico resta comunque una delle piaghe maggiori, che sta contaminando le città con i gas di scarico di obsoleti veicoli privati e industriali. Lima è la capitale sudamericana con i tassi di inquinamento dell’aria più alti di tutto il continente. Una miscela tossica di biossido di azoto e zolfo, oltre altre particelle, che rende l’aria più letale di tutte le altre capitali, compresa la temibile Mexico City. L’80% di questo inquinamento deriva dai veicoli. Il gasolio, che viene utilizzato, da queste parti, nel 60% dei casi, contiene il più alto livello di particelle di zolfo e altre tipologie pericolose tra le benzine disponibili. Mentre in tutti gli altri paesi del globo si utilizza un genere di “diesel” meno nocivo, in Perù si trova il più contaminato al mondo. Un indagine pubblicata sul quotidiano “El Comercio” sottolinea che le compagnie petrolifere che producono carburante in Perù si rifiutano di rispettare le scadenze fissate dal governo per ammodernare le strutture per la produzione di un carburante più sostenibile. Anche a causa del fatto che la autorità e i politici locali si dimostrano spesso particolarmente “accomodanti” con le potenti e ricche compagnie petrolifere.

Infine la raccolta dei rifiuti. In alcune città esiste un servizio organizzato (ben lontano dalla nostra “differenziata”), ma nonostante questo i fiumi che le attraversano sono delle vere e proprie discariche a cielo aprto. Appena ci si allontana dai centri urbani si incontrano rifiuti di ogni genere nei campi e a bordo strada. Manca, in definitiva, una sensibilizzazione generale da parte della popolazione, che si mostra per niente curante della raccolta dei propri rifiuti. Non ho praticamente incontrato nessun raccoglitore per la raccolta differenziata. Alcune iniziative governative sono partite in questi ultimi anni, ma la realtà appare, a tuttoggi, decisamente tragica. Il rapido sviluppo del Perù, se vorrà avere una prospettiva sostenibile, dovrà di certo apportare nuove tecnologie, per ridurre l’inquinamento atmosferico e per sfruttare energie rinnovabili in sostituzione di quelle fossili, oggi dominanti. Ma dovrà anche tenere sotto controllo la situazione della foresta amazzonica, che rischia di degenerare, a causa delle percentuali crescenti di disboscamento illegale, a favore di attività minerarie,  petrolifere e della raccolta e vendita di legname sul mercato internazionale.

Carlo Taglia

Le riflessioni di viaggio di Carlo Taglia, documentate da foto e video, sono disponibili sul suo blog: http://karl-girovagando.blogspot.com/

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende