Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Perù, le minacce alla biodiversità e l’inquinamento atmosferico:

Perù, le minacce alla biodiversità e l’inquinamento atmosferico

agosto 30, 2012 Impressioni di viaggio, Rubriche

Continua, attraverso il Perù, l’avventura del nostro corrispondente Carlo Taglia intorno al mondo, per documentare, attraverso le “impressioni di viaggio“, i principali problemi ambientali che affliggono il Pianeta.

Osservando i particolari panorami peruviani, dalla costa desertica alle montagne andine, capiterà spesso di provare un senso di disgusto dovuto alla esagerata quantità di rifiuti sparsi a bordo strada o in terreni utilizzati come discariche improvvisate. Purtroppo, il Perù, in quanto ad attenzione per l’ambiente, mi ricorda a volte l’Asia dei primi mesi del mio viaggio.

All’ingresso secondario dall’Ecuador ho notato nuovamente autorisciò in massa, spazzatura abbandonata senza una gestione di raccolta e strade polverose, che riempiono i polmoni dei passeggeri sui pullman. Nelle città l’inquinamento atmosferico è insopportabile, come raramente ho incontrato fino ad ora in altri luoghi. Il Perù deve lottare contro la deforestazione, la desertificazione, l’erosione del suolo, l’inquinamento atmosferico nei centri urbani, l’utilizzo di eternit (anche qui, un tormento), la pesca eccessiva, l’inquinamento dei fiumi e della acque costiere dai rifiuti urbani e la gestione di questi. Sfide impegnative.

Il Paese ha però la terza foresta pluviale più estesa al mondo, dopo il Brasile e il Congo. Un tipo di foresta che è la più ricca al mondo, sia per biodiversità che per ricchezza di risorse naturali. Metà del territorio nazionale è foresta, ma secondo la FAO il Perù ha una media di deforestazione annuale del 1% . Dati migliori, in confronto ai paesi vicini, ma da tenere sotto controllo in considerazione delle minacce legate allo sviluppo sfrenato e irregolare, fatto di disboscamento illegale, agricoltura “commerciale”, attività minerarie, petrolifere e del gas e – non ultima – l’imponente costruzione di strade.

Circa il 95% degli alberi è abbattuto illegalmente. nei parchi nazionali e nelle riserve naturali. Eppure, fino al 2006, i dati disponibili non evidenziano alcun arresto per questo tipo di criminalità, per via della corruzione che avvelena il paese. Nel 2005, ad esempio, il governo ha stipulato un contratto faraonico con una compagnia petrolifera cinese per lo sfruttamento di una vasta area ecologicamente sensibile, la regione Madre de Dios, in cui si trovano il 10% degli esemplari di uccelli di tutto il mondo.

Un’ulteriore fonte di deforestazione e degrado ambientale nell’Amazzonia peruviana è l’estrazione dell’oro. La terra è infatti ricca di depositi d’oro alluvionali, che vengono sfruttati da gruppi di cercatori che utilizzano pesanti macchinari di estrazione e fanno esplodere le rive dei fiumi, come in un far west fuori tempo massimo. Queste attività causano inoltre contaminazione da mercurio, sedimentazione del fiume e la formazione di squallide baraccopoli in queste aree di lavoro. La costruzione, ultimata quest’anno, dell’autostrada transoceanica, che collega la costa atlantica brasiliana con la costa pacifica peruviana, scorrendo nella foresta amazzonica, è la ciliegina sulla torta della devastazione del territorio. E’ stata inaugurata da pochi mesi e già si prevede un impatto ambientale pesantissimo sulla foresta e la sua biodiversità, a fronte di dubbi vantaggi per il “business” locale.

L’inquinamento atmosferico resta comunque una delle piaghe maggiori, che sta contaminando le città con i gas di scarico di obsoleti veicoli privati e industriali. Lima è la capitale sudamericana con i tassi di inquinamento dell’aria più alti di tutto il continente. Una miscela tossica di biossido di azoto e zolfo, oltre altre particelle, che rende l’aria più letale di tutte le altre capitali, compresa la temibile Mexico City. L’80% di questo inquinamento deriva dai veicoli. Il gasolio, che viene utilizzato, da queste parti, nel 60% dei casi, contiene il più alto livello di particelle di zolfo e altre tipologie pericolose tra le benzine disponibili. Mentre in tutti gli altri paesi del globo si utilizza un genere di “diesel” meno nocivo, in Perù si trova il più contaminato al mondo. Un indagine pubblicata sul quotidiano “El Comercio” sottolinea che le compagnie petrolifere che producono carburante in Perù si rifiutano di rispettare le scadenze fissate dal governo per ammodernare le strutture per la produzione di un carburante più sostenibile. Anche a causa del fatto che la autorità e i politici locali si dimostrano spesso particolarmente “accomodanti” con le potenti e ricche compagnie petrolifere.

Infine la raccolta dei rifiuti. In alcune città esiste un servizio organizzato (ben lontano dalla nostra “differenziata”), ma nonostante questo i fiumi che le attraversano sono delle vere e proprie discariche a cielo aprto. Appena ci si allontana dai centri urbani si incontrano rifiuti di ogni genere nei campi e a bordo strada. Manca, in definitiva, una sensibilizzazione generale da parte della popolazione, che si mostra per niente curante della raccolta dei propri rifiuti. Non ho praticamente incontrato nessun raccoglitore per la raccolta differenziata. Alcune iniziative governative sono partite in questi ultimi anni, ma la realtà appare, a tuttoggi, decisamente tragica. Il rapido sviluppo del Perù, se vorrà avere una prospettiva sostenibile, dovrà di certo apportare nuove tecnologie, per ridurre l’inquinamento atmosferico e per sfruttare energie rinnovabili in sostituzione di quelle fossili, oggi dominanti. Ma dovrà anche tenere sotto controllo la situazione della foresta amazzonica, che rischia di degenerare, a causa delle percentuali crescenti di disboscamento illegale, a favore di attività minerarie,  petrolifere e della raccolta e vendita di legname sul mercato internazionale.

Carlo Taglia

Le riflessioni di viaggio di Carlo Taglia, documentate da foto e video, sono disponibili sul suo blog: http://karl-girovagando.blogspot.com/

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende