Home » Rubriche »Very Important Planet » Pierandrea Patrucco, l’artista del vento in volo libero dal Piemonte alla Sicilia:

Pierandrea Patrucco, l’artista del vento in volo libero dal Piemonte alla Sicilia

febbraio 3, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Quest’anno spegnerà le sue sessanta candeline, ma fa una vita che per tanti, anche giovani, può sembrare  spericolata. Non per Pierandrea Patrucco, piemontese del canavesano, che nel curriculum vitae può vantare tre titoli mondiali di XC biposto, più una valanga di altri riconoscimenti nazionali ed internazionali. Per chi non è del giro e ignora la terminologia tecnica Pierandrea è un campione di “volo libero“: dal 1981 in deltaplano e dal 1992 in parapendio. Nel 2015 ha coronato il sogno di una vita: attraversare l’Italia, dal Piemonte alla Sicilia, in volo. Un’esperienza unica che ha raccolto in un libro presentato nei giorni scorsi a Torino.

D) Pierandrea, una vita in volo: come è arrivato il “richiamo”?

R) Una pulsione che avevo nel DNA, un desiderio coltivato sin da bambino. Invece di andare alle giostre, ero sempre all’aeroporto di Caselle. Vedere la roba che vola mi è sempre piaciuto e, appena ho potuto, l’ho fatto.

D) Definisci il volo un’arte, ma so che ti dedichi anche alla scultura…

R) Sì, ho frequentato l’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, l’equivalente di Brera a Milano. Scolpisco, ma ho esposto e venduto poco, tengo le opere  in casa.

D) La tua più grande impresa è il sorvolo della penisola. L’hai vista tutta dall’alto, il sogno di una vita?

R) Per darti un’idea del suo significato per me vale più dei campionati del mondo che ho vinto! Un’esperienza bellissima, nonostante sia stata molto dolorosa. Ho avuto dei problemi alla schiena lungo il viaggio e dopo che ho tagliato il traguardo mi sono dovuto operare. Una mediazione continua con il dolore, ma una grande soddisfazione. Sono partito dall’Oasi Zegna di Biella e dopo varie tappe sono atterrato in Sicilia.

D) Quando si parla di questi progetti spunta il termine “traversata di terra” per indicare il lungo lavoro di preparazione. E’ stato così anche per te? Hai avuto paura durante l’impresa?

R) Ho circa 20.000 ore di volo alle spalle e sono sempre allenatissimo. Mi sono preparato soprattutto a studiare le mappe, perché in Italia ci sono molte zone vietate. Durante l’impresa mi sono affidato ai venti, ha prevalso più l’istinto che la preparazione. Paura? Ho vissuto 5 minuti di tensione vicino al lago di Campotosto in Abruzzo. Una situazione meteo estrema, tante “legnate”, ma ero pronto  mentalmente e ho mantenuto la massima attenzione.

D) Tutta l’Italia dall’alto, cosa hai visto che noi comuni mortali forse non potremmo mai vedere?

R) Mano a mano che si scaldava la temperatura dell’aria si scaldava la temperatura umana delle persone: un settentrionale che scopre gli aspetti più piacevoli dei meridionali. Ambiente molto bello, ma nel Sud si vede purtroppo tanta immondizia sparsa in giro… Ho seguito la catena degli Appennini, sono degli spettacoli naturalistici unici! Anche se il cuore del volo libero sono le Alpi. L’Italia è conosciuta in tutta il mondo per questo patrimonio, in Piemonte ho visto anche due coreani che sono venuti qui a volare. Le Alpi sono la mecca del volo libero nel mondo.

D) Ami volare, ma anche scrivere. Hai tenuto un diario di bordo su Facebook durante la traversata e ora stai presentando il tuo libro “La via del volo”. Cosa scoprono  i lettori in queste pagine?

R) Racconto il viaggio, dalla prima idea fino a quando ho pensato di realizzarla per davvero. Poi gli amici che mi hanno aiutato, dato una mano.Poi gli sponsor, piccoli rispetto ad altri sport, c’è da ridere per le proporzioni rispetto ad altre discipline…Parlo  della traversata, la realizzazione di questo sogno. Ho girato e montato un video, avevo delle telecamere sul casco. Nel filmato si vede quello che vedevo io.

D) Il volo libero è una disciplina ecologica? Che impatto ha sull’ambiente?

R) Praticamente zero. L’unica emissione è la necessità di usare un mezzo per il decollo, un furgone, ma ci saliamo in dieci. Poi voliamo con il sole e con il vento…

D) Da lassù si notano cose che non vanno, come lo scioglimento dei ghiacciai?

R) Un fenomeno che si rileva facilmente. Sul Monterosa, sul Monte Bianco si vede bene. Il colpo più grosso lo hanno preso nel 2003 e non si sono ancora ripresi. Se uno si reca nella zona di volo, effettivamente il ghiaccio  si è ritirato moltissimo.

D) Quali sono, secondo te, i pericoli maggiori per l’ambiente?

R) Noi esseri umani. Con l’allevamento intensivo prima e con l’uso dei carburanti poi, negli ultimi 500 anni abbiamo rovinato un pianeta! In un lasso di tempo molto piccolo rispetto alla vita della Terra…

D) Nella vita di tutti i giorni cosa fai per ridurre il tuo impatto sull’ambiente?

R) La differenziata in modo maniacale, cerco di consumare poco gas e acqua. Non è tirchieria, ma una cosa che mi arriva dalla famiglia. Ho l’idea di non sprecare da quando ero bambino, in hotel spengo luce e acqua anche se sono pagate abbondantemente.

D) Progetti futuri?

R) Riuscire a trasmettere questa grande gioia del volo ai piloti più giovani, in modo che riescano a godere delle emozioni che vivo io. Non solo dal punto di vista tecnico, voglio comunicare la capacità di dar corpo ai propri sogni. Mi sembra che nelle nuove generazioni la capacità di sognare sia ridotta…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende