Home » Rubriche »Very Important Planet » Pierandrea Patrucco, l’artista del vento in volo libero dal Piemonte alla Sicilia:

Pierandrea Patrucco, l’artista del vento in volo libero dal Piemonte alla Sicilia

febbraio 3, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Quest’anno spegnerà le sue sessanta candeline, ma fa una vita che per tanti, anche giovani, può sembrare  spericolata. Non per Pierandrea Patrucco, piemontese del canavesano, che nel curriculum vitae può vantare tre titoli mondiali di XC biposto, più una valanga di altri riconoscimenti nazionali ed internazionali. Per chi non è del giro e ignora la terminologia tecnica Pierandrea è un campione di “volo libero“: dal 1981 in deltaplano e dal 1992 in parapendio. Nel 2015 ha coronato il sogno di una vita: attraversare l’Italia, dal Piemonte alla Sicilia, in volo. Un’esperienza unica che ha raccolto in un libro presentato nei giorni scorsi a Torino.

D) Pierandrea, una vita in volo: come è arrivato il “richiamo”?

R) Una pulsione che avevo nel DNA, un desiderio coltivato sin da bambino. Invece di andare alle giostre, ero sempre all’aeroporto di Caselle. Vedere la roba che vola mi è sempre piaciuto e, appena ho potuto, l’ho fatto.

D) Definisci il volo un’arte, ma so che ti dedichi anche alla scultura…

R) Sì, ho frequentato l’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, l’equivalente di Brera a Milano. Scolpisco, ma ho esposto e venduto poco, tengo le opere  in casa.

D) La tua più grande impresa è il sorvolo della penisola. L’hai vista tutta dall’alto, il sogno di una vita?

R) Per darti un’idea del suo significato per me vale più dei campionati del mondo che ho vinto! Un’esperienza bellissima, nonostante sia stata molto dolorosa. Ho avuto dei problemi alla schiena lungo il viaggio e dopo che ho tagliato il traguardo mi sono dovuto operare. Una mediazione continua con il dolore, ma una grande soddisfazione. Sono partito dall’Oasi Zegna di Biella e dopo varie tappe sono atterrato in Sicilia.

D) Quando si parla di questi progetti spunta il termine “traversata di terra” per indicare il lungo lavoro di preparazione. E’ stato così anche per te? Hai avuto paura durante l’impresa?

R) Ho circa 20.000 ore di volo alle spalle e sono sempre allenatissimo. Mi sono preparato soprattutto a studiare le mappe, perché in Italia ci sono molte zone vietate. Durante l’impresa mi sono affidato ai venti, ha prevalso più l’istinto che la preparazione. Paura? Ho vissuto 5 minuti di tensione vicino al lago di Campotosto in Abruzzo. Una situazione meteo estrema, tante “legnate”, ma ero pronto  mentalmente e ho mantenuto la massima attenzione.

D) Tutta l’Italia dall’alto, cosa hai visto che noi comuni mortali forse non potremmo mai vedere?

R) Mano a mano che si scaldava la temperatura dell’aria si scaldava la temperatura umana delle persone: un settentrionale che scopre gli aspetti più piacevoli dei meridionali. Ambiente molto bello, ma nel Sud si vede purtroppo tanta immondizia sparsa in giro… Ho seguito la catena degli Appennini, sono degli spettacoli naturalistici unici! Anche se il cuore del volo libero sono le Alpi. L’Italia è conosciuta in tutta il mondo per questo patrimonio, in Piemonte ho visto anche due coreani che sono venuti qui a volare. Le Alpi sono la mecca del volo libero nel mondo.

D) Ami volare, ma anche scrivere. Hai tenuto un diario di bordo su Facebook durante la traversata e ora stai presentando il tuo libro “La via del volo”. Cosa scoprono  i lettori in queste pagine?

R) Racconto il viaggio, dalla prima idea fino a quando ho pensato di realizzarla per davvero. Poi gli amici che mi hanno aiutato, dato una mano.Poi gli sponsor, piccoli rispetto ad altri sport, c’è da ridere per le proporzioni rispetto ad altre discipline…Parlo  della traversata, la realizzazione di questo sogno. Ho girato e montato un video, avevo delle telecamere sul casco. Nel filmato si vede quello che vedevo io.

D) Il volo libero è una disciplina ecologica? Che impatto ha sull’ambiente?

R) Praticamente zero. L’unica emissione è la necessità di usare un mezzo per il decollo, un furgone, ma ci saliamo in dieci. Poi voliamo con il sole e con il vento…

D) Da lassù si notano cose che non vanno, come lo scioglimento dei ghiacciai?

R) Un fenomeno che si rileva facilmente. Sul Monterosa, sul Monte Bianco si vede bene. Il colpo più grosso lo hanno preso nel 2003 e non si sono ancora ripresi. Se uno si reca nella zona di volo, effettivamente il ghiaccio  si è ritirato moltissimo.

D) Quali sono, secondo te, i pericoli maggiori per l’ambiente?

R) Noi esseri umani. Con l’allevamento intensivo prima e con l’uso dei carburanti poi, negli ultimi 500 anni abbiamo rovinato un pianeta! In un lasso di tempo molto piccolo rispetto alla vita della Terra…

D) Nella vita di tutti i giorni cosa fai per ridurre il tuo impatto sull’ambiente?

R) La differenziata in modo maniacale, cerco di consumare poco gas e acqua. Non è tirchieria, ma una cosa che mi arriva dalla famiglia. Ho l’idea di non sprecare da quando ero bambino, in hotel spengo luce e acqua anche se sono pagate abbondantemente.

D) Progetti futuri?

R) Riuscire a trasmettere questa grande gioia del volo ai piloti più giovani, in modo che riescano a godere delle emozioni che vivo io. Non solo dal punto di vista tecnico, voglio comunicare la capacità di dar corpo ai propri sogni. Mi sembra che nelle nuove generazioni la capacità di sognare sia ridotta…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende