Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Pietro Leemann: come conquistare la stella Michelin con la cucina vegetariana:

Pietro Leemann: come conquistare la stella Michelin con la cucina vegetariana

febbraio 24, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Allontanare dalla cucina e mettere alla porta ogni tipo di carne e di pesce senza nuocere al palato e alla soddisfazione del cliente con piatti di alta cucina, ma tutti a base di ingredienti vegetali. Una celebrazione del gusto che sembrava impossibile e invece vede l’Italia protagonista con Pietro Leemann, il creatore di Joia, il primo ristorante vegetariano europeo stellato Michelin.

Una bella medaglia, un vero Campione d’Italia che ha contribuito al movimento di conversione di tanti connazionali in vegetariani – secondo i dati dell’ultimo rapporto Eurispes lo sono il 7,1% dei cittadini, più un 1% che si dichiara vegano – portandoci nella vetta europea della classifica dei non consumatori di carne e pesce.

Una nuova dieta alimentare, quella di Leemann, spesso vista, letta ed interpretata come moda da radical chic per via dell’alto costo dei cibi con etichetta vegetariana. Un problema che lo chef milanese ha cercato di risolvere con l’apertura del “Bistrot“, luogo di democrazia popolare del mangiare sano. “E’ la mia sfida. Offrire cibo di alta qualità ad un prezzo accessibile, con 12 euro è possibile prendere il piatto unico. Una scelta che mi ha dato ragione perchè il locale spopola, si registra un’affluenza incredibile, le persone scelgono di mangiare sano quando possono”. Un discorso necessario perchè la qualità piace a tutti, ma non tutti possono permettersela. C’è un mito da sfatare: “cucinare sano non costa di più, bisogna cambiare il meccanismo. Saltare dei passaggi per ripagare il lavoro dei contadini che sono sotto ricatto di un sistema economico che non li premia. Io vado direttamente da loro”, confessa Leemann. “La zucchina non può essere pagata 20 centesimi al produttore, per poi ritrovarla a 3 euro al chilo. Con l’acquisito diretto  è possibile comprare un prodotto biologico che costa come quello convenzionale però fa mangiare il contadino e mi garantisce un ingrediente strepitoso!“.

La rivoluzione in cucina, dunque, deve partire dal campo. E’ necessaria una valutazione sociale ed ambientale della produzione industriale cioè valutare le esternalità negative: i costi del deterioramento della salute e del sistema naturale. Una battaglia che Leemann sposa appieno: “Nel calcolo dei costi dei beni alimentari non sono valutati tutti gli aspetti. L’inquinamento prodotto dall’agricoltura convenzionale ha un costo, un giorno si dovrà pagare. Stesso discorso per l’impatto sulla salute, le spese di cura dovrebbero essere contabilizzate nel costo della materia prima. Un cibo malsano costa troppo, un cibo sano no. Un paradosso!“.

C’è da prendere in mano la calcolatrice perché i vantaggi del chilometro zero e del biologico non sono un vezzo da romantici e nostalgici del mangiare che fu, ma una realtà e una prospettiva concreta. Valutiamo, ad esempio, l’economia di un pollo con lo chef del Joia: “un pollo allevato in Brasile costa 5/6 euro al chilo, ma non è un prezzo reale. Non si è pagato l’inquinamento generato in quella terra e lo spreco di carburante consumato per portarlo qui. Chi pagherà l’inquinamento? Bisogna aggiustare il tiro e fare i calcoli corretti includendo i danni alla salute delle persone, l’energia consumata e l’inquinamento prodotto“, spiega Leeman. Questa si che è fiscalità ecologica!

Ma per una maggiore affermazione del mangiare sano, e vegetariano per Leemann, serve una svolta economica anche nei ristoranti. Serve fantasia ed originalità per calmierare i prezzi, un esercizio non dispendioso.” Bisogna puntare sulla limitazione degli sprechi del cibo che si usa in cucina. Faccio un esempio concreto: un chilo di pasta biologica di altissima qualità costa sui 2 euro al chilo, una pasta non biologica costa 1 euro. Se facciamo il calcolo su una porzione di 100 grammi abbiamo un prezzo rispettivamente di 20 e 8 centesimi. Non è una differenza così grande. Si può giocare sul condimento, si usi meno companatico. I veri costi di un locale sono le utenze ed il personale.” Insomma per Leemann esiste una via economica al mangiare salutare. Ora bisogna poterla intraprendere. “Lo Stato deve essere garante della salute pubblica, come negli USA con le bevande gasate. Un’azienda non può produrre un cibo malsano e farla franca”. Va bene la carota (biologica), ma serve pure il bastone.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende