Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Pietro Leemann: come conquistare la stella Michelin con la cucina vegetariana:

Pietro Leemann: come conquistare la stella Michelin con la cucina vegetariana

febbraio 24, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Allontanare dalla cucina e mettere alla porta ogni tipo di carne e di pesce senza nuocere al palato e alla soddisfazione del cliente con piatti di alta cucina, ma tutti a base di ingredienti vegetali. Una celebrazione del gusto che sembrava impossibile e invece vede l’Italia protagonista con Pietro Leemann, il creatore di Joia, il primo ristorante vegetariano europeo stellato Michelin.

Una bella medaglia, un vero Campione d’Italia che ha contribuito al movimento di conversione di tanti connazionali in vegetariani – secondo i dati dell’ultimo rapporto Eurispes lo sono il 7,1% dei cittadini, più un 1% che si dichiara vegano – portandoci nella vetta europea della classifica dei non consumatori di carne e pesce.

Una nuova dieta alimentare, quella di Leemann, spesso vista, letta ed interpretata come moda da radical chic per via dell’alto costo dei cibi con etichetta vegetariana. Un problema che lo chef milanese ha cercato di risolvere con l’apertura del “Bistrot“, luogo di democrazia popolare del mangiare sano. “E’ la mia sfida. Offrire cibo di alta qualità ad un prezzo accessibile, con 12 euro è possibile prendere il piatto unico. Una scelta che mi ha dato ragione perchè il locale spopola, si registra un’affluenza incredibile, le persone scelgono di mangiare sano quando possono”. Un discorso necessario perchè la qualità piace a tutti, ma non tutti possono permettersela. C’è un mito da sfatare: “cucinare sano non costa di più, bisogna cambiare il meccanismo. Saltare dei passaggi per ripagare il lavoro dei contadini che sono sotto ricatto di un sistema economico che non li premia. Io vado direttamente da loro”, confessa Leemann. “La zucchina non può essere pagata 20 centesimi al produttore, per poi ritrovarla a 3 euro al chilo. Con l’acquisito diretto  è possibile comprare un prodotto biologico che costa come quello convenzionale però fa mangiare il contadino e mi garantisce un ingrediente strepitoso!“.

La rivoluzione in cucina, dunque, deve partire dal campo. E’ necessaria una valutazione sociale ed ambientale della produzione industriale cioè valutare le esternalità negative: i costi del deterioramento della salute e del sistema naturale. Una battaglia che Leemann sposa appieno: “Nel calcolo dei costi dei beni alimentari non sono valutati tutti gli aspetti. L’inquinamento prodotto dall’agricoltura convenzionale ha un costo, un giorno si dovrà pagare. Stesso discorso per l’impatto sulla salute, le spese di cura dovrebbero essere contabilizzate nel costo della materia prima. Un cibo malsano costa troppo, un cibo sano no. Un paradosso!“.

C’è da prendere in mano la calcolatrice perché i vantaggi del chilometro zero e del biologico non sono un vezzo da romantici e nostalgici del mangiare che fu, ma una realtà e una prospettiva concreta. Valutiamo, ad esempio, l’economia di un pollo con lo chef del Joia: “un pollo allevato in Brasile costa 5/6 euro al chilo, ma non è un prezzo reale. Non si è pagato l’inquinamento generato in quella terra e lo spreco di carburante consumato per portarlo qui. Chi pagherà l’inquinamento? Bisogna aggiustare il tiro e fare i calcoli corretti includendo i danni alla salute delle persone, l’energia consumata e l’inquinamento prodotto“, spiega Leeman. Questa si che è fiscalità ecologica!

Ma per una maggiore affermazione del mangiare sano, e vegetariano per Leemann, serve una svolta economica anche nei ristoranti. Serve fantasia ed originalità per calmierare i prezzi, un esercizio non dispendioso.” Bisogna puntare sulla limitazione degli sprechi del cibo che si usa in cucina. Faccio un esempio concreto: un chilo di pasta biologica di altissima qualità costa sui 2 euro al chilo, una pasta non biologica costa 1 euro. Se facciamo il calcolo su una porzione di 100 grammi abbiamo un prezzo rispettivamente di 20 e 8 centesimi. Non è una differenza così grande. Si può giocare sul condimento, si usi meno companatico. I veri costi di un locale sono le utenze ed il personale.” Insomma per Leemann esiste una via economica al mangiare salutare. Ora bisogna poterla intraprendere. “Lo Stato deve essere garante della salute pubblica, come negli USA con le bevande gasate. Un’azienda non può produrre un cibo malsano e farla franca”. Va bene la carota (biologica), ma serve pure il bastone.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende