Home » Rubriche »Very Important Planet » Pietro Mennea: sì ai Giochi, no al gigantismo:

Pietro Mennea: sì ai Giochi, no al gigantismo

luglio 20, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Pietro Mennea è una delle leggende dell’atletica leggera. Cinque Olimpiadi, 15 ori, 3 argenti e 6 bronzi. Dopo aver collezionato record, ha lasciato lo sport agonistico nel 1988 (Giochi di Seoul). Oggi è avvocato e commercialista, revisore contabile, agente di calciatori, giornalista pubblicista, insegnante universitario. Dal 1999 al 2004 è stato deputato al Parlamento Europeo. Nel 2006 ha dato vita alla Fondazione Pietro Mennea, a favore di enti caritatevoli o di ricerca medico-scientifica, associazioni culturali e sportive. Lo scopo secondario è di carattere culturale, e consiste nel diffondere lo sport ed i suoi valori, nonché promuovere la lotta al doping, che è diventata una triste piaga per lo sport e la nostra società. Ha cinque lauree (Isef, scienze motorie, giurisprudenza, scienze politiche, lettere) e ha scritto 20 libri, dedicati al diritto sportivo, alla questione del doping e ai Giochi Olimpici. Alla vigilia di quelli di Londra, il suo penultimo libro, dal titolo “I costi delle Olimpiadi” (Delta Tre edizioni), offre interessanti spunti di riflessione:  “Le esperienze precedenti insegnano che due settimane di gare lasciano ad una città pochi vantaggi, molti quartieri trasformati, stadi enormi e ingestibili dalle amministrazioni comunali, costi di manutenzione proibitivi, altre opere edili sovradimensionate e ben pochi utili”.

D) Dottor Mennea, i Giochi di Londra si avvicinano. Lei all’inizio dell’anno scorso ha preso pubblicamente posizione sul tema Olimpiadi, dicendosi contrario alla candidatura romana. Ci può spiegare le sue ragioni?

R) In tutta la storia delle Olimpiadi, l’economia di nessun Paese è mai ripartita grazie ai Giochi, ma i cittadini si sono dovuti sobbarcare costi e oneri. Eccetto una o due eccezioni, in seguito a questo evento si sono sempre verificate recessione economica e svalutazione della moneta. La città di Torino, che ha organizzato i Giochi invernali nel 2006, è una delle città più indebitate d’Italia. Sono anche contro il gigantismo delle Olimpiadi: impianti enormi che poi vengono abbandonati. Non sono a sfavore alle Olimpiadi in sé, visto che ho partecipato a cinque edizioni, ma sono contrario all’organizzazione dei Giochi in paesi che hanno problemi economici.

D) Qual è, nella sua esperienza, l’impatto ambientale di questi eventi?

R) Parto dal caso di Roma: nella capitale la costruzione del villaggio olimpico a Tor di Quinto avrebbe sconvolto il paesaggio naturale della zona Flaminia. In generale, l’impatto ambientale è legato soprattutto agli impianti: il Paese organizzatore costruisce una serie di impianti sportivi che poi non servono più a nulla e sono solo un costo per i cittadini. Costruzioni che fanno sempre la stessa fine: magnificate per quindici giorni dalla stampa e poi abbandonati al degrado. La formula delle Olimpiadi oggi è: “Interessi privati con denaro pubblico”. Bisogna chiedersi se vale ancora la pena organizzare le Olimpiadi così, vista la situazione economica mondiale.

D) C’è una soluzione? Spezzettare le Olimpiadi in gare disputate in vari Paesi, in base alla disponibilità di impianti già esistenti, potrebbe essere fattibile?

R) Potrebbe essere una via. In Grecia per esempio gli impianti c’erano già: se il CIO avesse voluto aiutare il Paese, avrebbe potuto assegnarle i prossimi Giochi. In quel caso l’evento avrebbe potuto dare un po’ di sollievo economico. Un altro aspetto da considerare per Olimpiadi a minore impatto è anche il numero degli atleti, che oggi sono tantissimi: meglio un evento più contenuto, con meno discipline e meno partecipanti.

D) Oltre a fare l’avvocato di professione, lei è stato deputato europeo dal 1999 al 2004, lavorando proprio in Commissione Ambiente. Qual è la sua esperienza rispetto all’applicazione del diritto ambientale?

R) In Europa c’è più attenzione verso queste tematiche rispetto all’Italia. In Commissione Ambiente abbiamo lavorato moltissimo, affrontando tanti temi. Ricordo il caso di un sito archeologico greco che volevano riempire d’acqua per gare di canottaggio. In Commissione noi ci opponemmo fermamente, ma si faceva fatica a tamponare, a bloccare certi tentativi di deturpazione del paesaggio: in Parlamento c’erano anche persone che erano lì per difendere interessi privati.

D) E in Italia qual è secondo lei la situazione? Si discute molto sul fatto che gran parte dei reati ambientali sono semplici contravvenzioni, dunque “classificati” come più lievi rispetto ai delitti.

R) Sì, c’è questo problema. Penso che la difesa dello straordinario patrimonio italiano passi anche attraverso la difesa dell’ambiente, che deve essere una priorità. Chi non pensa questo non fa un buon servizio al Paese. Se fossi al governo, la prima cosa che farei sarebbe distruggere tutte le costruzioni abusive. Da questo punto di vista, l’Italia deve diventare più severa: servono norme più rigide, anche per educare la popolazione.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende