Home » Rubriche »Very Important Planet » Pietro Mennea: sì ai Giochi, no al gigantismo:

Pietro Mennea: sì ai Giochi, no al gigantismo

luglio 20, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Pietro Mennea è una delle leggende dell’atletica leggera. Cinque Olimpiadi, 15 ori, 3 argenti e 6 bronzi. Dopo aver collezionato record, ha lasciato lo sport agonistico nel 1988 (Giochi di Seoul). Oggi è avvocato e commercialista, revisore contabile, agente di calciatori, giornalista pubblicista, insegnante universitario. Dal 1999 al 2004 è stato deputato al Parlamento Europeo. Nel 2006 ha dato vita alla Fondazione Pietro Mennea, a favore di enti caritatevoli o di ricerca medico-scientifica, associazioni culturali e sportive. Lo scopo secondario è di carattere culturale, e consiste nel diffondere lo sport ed i suoi valori, nonché promuovere la lotta al doping, che è diventata una triste piaga per lo sport e la nostra società. Ha cinque lauree (Isef, scienze motorie, giurisprudenza, scienze politiche, lettere) e ha scritto 20 libri, dedicati al diritto sportivo, alla questione del doping e ai Giochi Olimpici. Alla vigilia di quelli di Londra, il suo penultimo libro, dal titolo “I costi delle Olimpiadi” (Delta Tre edizioni), offre interessanti spunti di riflessione:  “Le esperienze precedenti insegnano che due settimane di gare lasciano ad una città pochi vantaggi, molti quartieri trasformati, stadi enormi e ingestibili dalle amministrazioni comunali, costi di manutenzione proibitivi, altre opere edili sovradimensionate e ben pochi utili”.

D) Dottor Mennea, i Giochi di Londra si avvicinano. Lei all’inizio dell’anno scorso ha preso pubblicamente posizione sul tema Olimpiadi, dicendosi contrario alla candidatura romana. Ci può spiegare le sue ragioni?

R) In tutta la storia delle Olimpiadi, l’economia di nessun Paese è mai ripartita grazie ai Giochi, ma i cittadini si sono dovuti sobbarcare costi e oneri. Eccetto una o due eccezioni, in seguito a questo evento si sono sempre verificate recessione economica e svalutazione della moneta. La città di Torino, che ha organizzato i Giochi invernali nel 2006, è una delle città più indebitate d’Italia. Sono anche contro il gigantismo delle Olimpiadi: impianti enormi che poi vengono abbandonati. Non sono a sfavore alle Olimpiadi in sé, visto che ho partecipato a cinque edizioni, ma sono contrario all’organizzazione dei Giochi in paesi che hanno problemi economici.

D) Qual è, nella sua esperienza, l’impatto ambientale di questi eventi?

R) Parto dal caso di Roma: nella capitale la costruzione del villaggio olimpico a Tor di Quinto avrebbe sconvolto il paesaggio naturale della zona Flaminia. In generale, l’impatto ambientale è legato soprattutto agli impianti: il Paese organizzatore costruisce una serie di impianti sportivi che poi non servono più a nulla e sono solo un costo per i cittadini. Costruzioni che fanno sempre la stessa fine: magnificate per quindici giorni dalla stampa e poi abbandonati al degrado. La formula delle Olimpiadi oggi è: “Interessi privati con denaro pubblico”. Bisogna chiedersi se vale ancora la pena organizzare le Olimpiadi così, vista la situazione economica mondiale.

D) C’è una soluzione? Spezzettare le Olimpiadi in gare disputate in vari Paesi, in base alla disponibilità di impianti già esistenti, potrebbe essere fattibile?

R) Potrebbe essere una via. In Grecia per esempio gli impianti c’erano già: se il CIO avesse voluto aiutare il Paese, avrebbe potuto assegnarle i prossimi Giochi. In quel caso l’evento avrebbe potuto dare un po’ di sollievo economico. Un altro aspetto da considerare per Olimpiadi a minore impatto è anche il numero degli atleti, che oggi sono tantissimi: meglio un evento più contenuto, con meno discipline e meno partecipanti.

D) Oltre a fare l’avvocato di professione, lei è stato deputato europeo dal 1999 al 2004, lavorando proprio in Commissione Ambiente. Qual è la sua esperienza rispetto all’applicazione del diritto ambientale?

R) In Europa c’è più attenzione verso queste tematiche rispetto all’Italia. In Commissione Ambiente abbiamo lavorato moltissimo, affrontando tanti temi. Ricordo il caso di un sito archeologico greco che volevano riempire d’acqua per gare di canottaggio. In Commissione noi ci opponemmo fermamente, ma si faceva fatica a tamponare, a bloccare certi tentativi di deturpazione del paesaggio: in Parlamento c’erano anche persone che erano lì per difendere interessi privati.

D) E in Italia qual è secondo lei la situazione? Si discute molto sul fatto che gran parte dei reati ambientali sono semplici contravvenzioni, dunque “classificati” come più lievi rispetto ai delitti.

R) Sì, c’è questo problema. Penso che la difesa dello straordinario patrimonio italiano passi anche attraverso la difesa dell’ambiente, che deve essere una priorità. Chi non pensa questo non fa un buon servizio al Paese. Se fossi al governo, la prima cosa che farei sarebbe distruggere tutte le costruzioni abusive. Da questo punto di vista, l’Italia deve diventare più severa: servono norme più rigide, anche per educare la popolazione.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende