Home » Rubriche »Very Important Planet » Piller Cottrer, il ritiro del campione delle Alpi:

Piller Cottrer, il ritiro del campione delle Alpi

Caterpiller si ritira. Il pluricampione 38enne d Pieve di
Cadore, Pietro Piller Cottrer, ha annunciato la sua uscita di scena dalla nostra nazionale ai Mondiali di fondo in Val di Fiemme, palcoscenico perfetto per coronare una lunga carriera di successi, con quattro medaglie olimpiche (tra le quali l’oro in staffetta di Torino 2006) e tre di bronzo.

D) Quando ha deciso il ritiro, e come è stata accolta la sua
decisione?

R) Sono contento, ho ricevuto un sacco di attestati di
stima. Mi gratifica oltremodo questa vicinanza di tanti amici, colleghi. La
scelta è avvenuta in tutta serenità, due mesi fa, dopo l’infortunio al ginocchio nella Marcialonga. Ero consapevole che le cose erano cambiate, ma se mi guardo indietro c’e “tanta roba”, prima o poi arriva per tutti il momento di lasciare.

D) Dopo tanti successi, che farà “da grande”?

R) Di preciso ancora non so, ho cercato negli ultimi anni di aprirmi più strade possibili, organizzarmi vari scenari. Da adesso in
poi si entra nella vera vita, nonostante i sacrifici che si fanno da agonista, è come vivere in un universo parallelo.

D) Gli ori olimpici non sono mancati, così come i risultati ai Mondiali. Ha qualche rimpianto?

R) Ho fatto della mia vita lo sci di fondo, e dello sci di fondo la mia vita. Da quando avevo 8 anni questo è il mio pane, con almeno
30 anni di attività e 20 di agonismo puro. Giocando con le parole posso benissimo dire che sono capace di fare solo una cosa. Credo di averla fatta abbastanza bene, ma comunque è ciò che faccio meglio in assoluto. Non ho rimpianti. Se potrò essere ancora d’aiuto in questo mondo, se chi sta sopra di me, la Federazione, riterrà opportuna la mia partecipazione, sarò lieto di farmi trovare presente. Non si va avanti con i rimorsi, la vita va vissuta nel presente e nel futuro.

D) La medaglia indimenticabile?

R) E’ difficile fare una classifica delle 7. Son tante, son poche? Se paragonate a grandi campioni del fondo norvegese, che ne
portano via 3 o 4 a mondiale, le mie sono solo 7. La prima è memorabile, a Salt Lake City, e poi quella di Torino 2006 perché era individuale. Ma ognuna è speciale.

D) Qual è il suo rapporto con le montagne? Viene da immaginare che siano casa sua, ma spesso per un atleta la mutevolezza delle condizioni atmosferiche è un grosso handicap, che rischia di compromettere mesi di allenamento.

R) E’ esatto. Dico sempre che una delle più grandi fortune che mi ha dato questo sport è di poterlo fare completamente all’aria
aperta. Il difetto, però, è che siamo soggetti alle mutazioni del tempo: nevica, sole, la neve si bagna, piove. La prestazione dell’atleta, anche se lui è il migliore in campo, come ero io in Giappone nel 2007, può essere compromessa. Ricordo una di quelle tempeste di neve che mi ha pregiudicato gara. Non lo stesso accade a un nuotatore, a cui non può accadere nulla, se è lui il migliore quel giorno e lo sa, non avrà fatica a trionfare. Ma non lo invidio, perché il suo allenamento è tutti i giorni, più volte al giorno, in una vasca.

D) Quando è sugli sci, tra velocità e di fatica, ha tempo di guardarsi attorno e contemplare fugacemente il paesaggio?

R) La grande bellezza del mio sport e’ di avermi portato a conoscere ambienti più o meno incontaminati. Penso alle montagne dell’arco alpino tutto, al Canada e al Giappone, alle distese bianche interminabili della Scandinavia. Ogni posto ha qualcosa di casa, non ce n’è uno uguale all’altro. Ho sempre cercato di fermarmi 30 secondi ad ammirare uno scorcio, quel contatto con la natura, spesso parlo da solo, ti dà un’apertura mentale ineguagliabile. E’ un po’ la mia liberazione, se avessi un taccuino scriverei un mare di cose che mi vengono in mente. Poi varco la soglia di casa e la l’ho già dimenticata.

D) Lei ha sempre vissuto sulle vette, a Sappada, un minuscolo comune italiano in provincia di Belluno. Ora che non farà più l’agonista, ha mai pensato di trasferirsi in città, per assecondare le esigenze della famiglia e dei figli?

R) La qualità della vita è buona, anche se è un piccolo centro c’è movimento legato al turismo sia estivo sia invernale. Il borgo ha origini antiche: si dice che i nostri discendenti nell’anno 1000 fossero scesi dalla Svizzera per fondare qui 15 borgate. La dimensione più metropolitana? Amo vivere qui, ma ci sto pensando. Ho tre figli e una moglie, ho sempre detto che
se l’opportunità lavorativa mi avesse portato lontano da casa non mi sarei tirato indietro. Ma la scelta deve passare al vaglio di 4 persone. Ci sono alcuni posti al mondo in cui non avrei nessuna difficoltà.

D) Ci fa qualche esempio?

R) In Italia adoro Vittorio Veneto, Conegliano, hanno un mondo, una mentalità, un modo di vivere simile alla Norvegia, al Canada. Meno stress, una vita pacata.

D) Il suo augurio agli Azzurri e alle Azzurre?

R) Di prescindere dai risultati, tagliare il traguardo con la consapevolezza di aver fatto il percorso migliore di avvicinamento alla gara. Bisognerebbe sempre poter dire: ho dato tutto. Ovvio che se non vinci ti girano le scatole, ma se non ottieni il risultato devi farti l’esame di coscienza e dire: valgo quello, il mio 100% è questo, c’è gente che ha un 100% superiore
a me. Incrociamo le dita per loro.

Letizia Tortello

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende