Home » Rubriche »Very Important Planet » Pistoletto: all’Italia non basta più la qualità, ci vuole la sostenibilità:

Pistoletto: all’Italia non basta più la qualità, ci vuole la sostenibilità

dicembre 21, 2012 Rubriche, Very Important Planet

La fine del mondo, Michelangelo Pistoletto, la chiama “rinascita“. O se preferite, visto il periodo pre-natalizio, “avvento” di una nuova era, il Terzo Paradiso, in cui finalmente l’uomo capirà che sta uccidendo la Natura, e riuscirà a riconciliarla con l’Artificio, la Tecnica. È questo il senso del Rebirth day, la gigantesca catena umana, unica al mondo, che oggi ha unito 100 mila mani da Torino a Susa. Un auspicio simbolico, con cui l’umanità possa marciare unità verso la rigenerazione dello spirito, ispirandosi ai valori dell’ecologismo. L’abbiamo intervistato nel giorno del Rebirth, festeggiato in Italia e in 90 paesi del mondo, anche a Bruxelles, dove oggi Pistoletto incontrerà il presidente della Commissione Europea, José Manuel Barroso.

D) Maestro, la sua arte insiste sempre più sull’ambiente e sulla sua salvaguardia. Lei che è stato un membro attivo del movimento dell’Arte Povera, pensa che sia questo oggi il tema fondamentale a cui ispirarsi?

R) E’ un fenomeno centrale in tutti sensi. La ma fondazione Città dell’Arte, a Biella, affronta da anni questi temi, sotto vari aspetti: energetici, della casa come abitazione, come “abito”, come habitat per l’uomo. Nel 2005 avevo fatto una mostra al museo Pecci di Prato che si intitolava proprio cosi’, “habitus abito abitare” e intendeva coinvolgere mente corpo e spazio vissuto. A Biella lavoriamo anche molto sull’arte fashion, con una piattaforma di 50 aziende italiane che realizzano abiti ecologici, con materie sane e una produzione che non crea scorie e inquinamento.

D) A differenza di altri paesi del mondo, l’Italia sembra però ancora recalcitrante ad accettare pienamente la cultura del “green”…

R) Siamo resistenti verso tutte le culture per definizione, in questo periodo storico, non solo verso quella ecologica, ma anche artistica, morale. Io pero’ non sono pessimista, qualcosa si sta muovendo.

D) Qual è, in questo contesto, il ruolo dell’arte?

R) Prima di tutto educativo, non soltanto positivo. L’attività formativa crea una coscienza nel nostro tempo, ma deve affrontare problematiche abbastanza gravi, e deve essere brava a farlo. L’Italia e’ uno straordinario paese produttivo di cose di qualità’, ma non basta più, ora ci vuole il salto ecologico, la sostenibilità.

D) Da qui la sua idea del Terzo Paradiso…

R) Proprio cosi’, l’incontro tra la natura e l’artificio, due punti estremi che si devono poter toccare. La tecnologia stessa deve tenere conto del fatto che stiamo recando un danno enorme alla natura, stiamo sfruttando la natura in modo inaudito, creando un’ entropia accelerata da cui e’ impossibile tornare indietro, trovare il modo di rigenerarsi. In questo, dobbiamo copiare la natura, utilizzare mezzi artificiali per adeguarsi al riciclo, riutilizzando appunto. Per me il “ri” e’ fondamentale.

D) La sua fondazione Città dell’Arte suggerisce metodi concreti di Ri-utilizzo?

R) Certo, perché non si può restare sul piano del consumo per il consumo. Stiamo studiando una modalità di costruzione delle case con la paglia, straordinariamente termica. Si possono edificare pareti per cui non ci sara’ più bisogno di riscaldare. Diventerà un fatto economico, perché la paglia invece di essere bruciata o distrutta serve per vivere, un materiale naturale per fabbricare.

D) Lei crede nei grandi vertici mondiali? Di recente, ad esempio, quello di Doha, in Qatar, ha nuovamente rimandato il problema del taglio alle emissioni climalteranti…

R) Non li ritengo inutili. Piano piano anche le grandi nazioni in fase di crescita – che hanno sofferto finora una condizione di inferiorità – si sposteranno verso una produzione “verde”. Oggi il loro benessere e’ un’aggravante della situazione a livello mondiale e ci porta a rischio di un tracollo. Ma in paesi che si sviluppano assai velocemente, anche la conversione sarà rapida.

D) Come vive Pistoletto a Città dell’Arte?

R) La nostra casa e la fondazione hanno pannelli solari e siamo riusciti a restaurarle con sistemi di risparmio energetico, coperte termiche con lana, per abbattere fino al 70% il consumo di energia. Per quanto riguarda i trasporti, invece, siamo a Biella e non giriamo molto in auto, se devo spostarmi uso essenzialmente aereo e treno. Trovo che la linea veloce su ferrovia sia comodissima, perché non perdi tempo e ti sposti in poche ore.

D) E sulla Tav come la pensa?

R) E’ tempo di chiarire questa questione. sento tutto e il contrario e non sono ancora riuscito a farmi un’idea seria e approfondita. Se ci sono problemi di scavo, vanno risolti, ma non si può’ isolare un paese per ideologia. Il treno andrebbe favorito, sempre.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende