Home » Rubriche »Very Important Planet » Pistoletto: all’Italia non basta più la qualità, ci vuole la sostenibilità:

Pistoletto: all’Italia non basta più la qualità, ci vuole la sostenibilità

dicembre 21, 2012 Rubriche, Very Important Planet

La fine del mondo, Michelangelo Pistoletto, la chiama “rinascita“. O se preferite, visto il periodo pre-natalizio, “avvento” di una nuova era, il Terzo Paradiso, in cui finalmente l’uomo capirà che sta uccidendo la Natura, e riuscirà a riconciliarla con l’Artificio, la Tecnica. È questo il senso del Rebirth day, la gigantesca catena umana, unica al mondo, che oggi ha unito 100 mila mani da Torino a Susa. Un auspicio simbolico, con cui l’umanità possa marciare unità verso la rigenerazione dello spirito, ispirandosi ai valori dell’ecologismo. L’abbiamo intervistato nel giorno del Rebirth, festeggiato in Italia e in 90 paesi del mondo, anche a Bruxelles, dove oggi Pistoletto incontrerà il presidente della Commissione Europea, José Manuel Barroso.

D) Maestro, la sua arte insiste sempre più sull’ambiente e sulla sua salvaguardia. Lei che è stato un membro attivo del movimento dell’Arte Povera, pensa che sia questo oggi il tema fondamentale a cui ispirarsi?

R) E’ un fenomeno centrale in tutti sensi. La ma fondazione Città dell’Arte, a Biella, affronta da anni questi temi, sotto vari aspetti: energetici, della casa come abitazione, come “abito”, come habitat per l’uomo. Nel 2005 avevo fatto una mostra al museo Pecci di Prato che si intitolava proprio cosi’, “habitus abito abitare” e intendeva coinvolgere mente corpo e spazio vissuto. A Biella lavoriamo anche molto sull’arte fashion, con una piattaforma di 50 aziende italiane che realizzano abiti ecologici, con materie sane e una produzione che non crea scorie e inquinamento.

D) A differenza di altri paesi del mondo, l’Italia sembra però ancora recalcitrante ad accettare pienamente la cultura del “green”…

R) Siamo resistenti verso tutte le culture per definizione, in questo periodo storico, non solo verso quella ecologica, ma anche artistica, morale. Io pero’ non sono pessimista, qualcosa si sta muovendo.

D) Qual è, in questo contesto, il ruolo dell’arte?

R) Prima di tutto educativo, non soltanto positivo. L’attività formativa crea una coscienza nel nostro tempo, ma deve affrontare problematiche abbastanza gravi, e deve essere brava a farlo. L’Italia e’ uno straordinario paese produttivo di cose di qualità’, ma non basta più, ora ci vuole il salto ecologico, la sostenibilità.

D) Da qui la sua idea del Terzo Paradiso…

R) Proprio cosi’, l’incontro tra la natura e l’artificio, due punti estremi che si devono poter toccare. La tecnologia stessa deve tenere conto del fatto che stiamo recando un danno enorme alla natura, stiamo sfruttando la natura in modo inaudito, creando un’ entropia accelerata da cui e’ impossibile tornare indietro, trovare il modo di rigenerarsi. In questo, dobbiamo copiare la natura, utilizzare mezzi artificiali per adeguarsi al riciclo, riutilizzando appunto. Per me il “ri” e’ fondamentale.

D) La sua fondazione Città dell’Arte suggerisce metodi concreti di Ri-utilizzo?

R) Certo, perché non si può restare sul piano del consumo per il consumo. Stiamo studiando una modalità di costruzione delle case con la paglia, straordinariamente termica. Si possono edificare pareti per cui non ci sara’ più bisogno di riscaldare. Diventerà un fatto economico, perché la paglia invece di essere bruciata o distrutta serve per vivere, un materiale naturale per fabbricare.

D) Lei crede nei grandi vertici mondiali? Di recente, ad esempio, quello di Doha, in Qatar, ha nuovamente rimandato il problema del taglio alle emissioni climalteranti…

R) Non li ritengo inutili. Piano piano anche le grandi nazioni in fase di crescita – che hanno sofferto finora una condizione di inferiorità – si sposteranno verso una produzione “verde”. Oggi il loro benessere e’ un’aggravante della situazione a livello mondiale e ci porta a rischio di un tracollo. Ma in paesi che si sviluppano assai velocemente, anche la conversione sarà rapida.

D) Come vive Pistoletto a Città dell’Arte?

R) La nostra casa e la fondazione hanno pannelli solari e siamo riusciti a restaurarle con sistemi di risparmio energetico, coperte termiche con lana, per abbattere fino al 70% il consumo di energia. Per quanto riguarda i trasporti, invece, siamo a Biella e non giriamo molto in auto, se devo spostarmi uso essenzialmente aereo e treno. Trovo che la linea veloce su ferrovia sia comodissima, perché non perdi tempo e ti sposti in poche ore.

D) E sulla Tav come la pensa?

R) E’ tempo di chiarire questa questione. sento tutto e il contrario e non sono ancora riuscito a farmi un’idea seria e approfondita. Se ci sono problemi di scavo, vanno risolti, ma non si può’ isolare un paese per ideologia. Il treno andrebbe favorito, sempre.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende