Home » Rubriche »Very Important Planet » Più bianconero o green? Intervista a Andrea Agnelli:

Più bianconero o green? Intervista a Andrea Agnelli

settembre 23, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Niente domande sul calcio, la prego“. Il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, con noi sfonda una porta aperta. Lo incontriamo infatti per parlare di “green” (nel doppio senso del termine) alla conferenza stampa di presentazione del nuovo accordo di partnership tra il Royal Park “I Roveri”, il golf club di cui è amministratore delegato, e EDF ENR Solare, la joint venture italiana del Gruppo EDF, fornitrice dell’impianto fotovoltaico da 107 KWp che, dal 2012, ricoprirà i tetti della club house con 456 moduli solari destinati a ridurre l’impatto ambientale del circolo, immerso nel verde sconfinato del Parco della Mandria, alle porte di Torino.

D) Dott. Agnelli, dal 2008 lei è consigliere della Federazione Italiana Golf, uno sport a stretto contatto con la natura che spesso però ha ricevuto critiche sia sul fronte sociale che ambientale (esclusività della fruizione, eccesso di irrigazione ecc.). Qual è il suo messaggio?

R) Innanzitutto ci si deve ricordare che il golf è uno sport. Alla base di qualsiasi progetto di un golf club ci deve dunque essere l’attività sportiva, che è un fenomeno sano, sempre ben accetto da qualsiasi comunità. Il golf ha avuto in Italia un’evoluzione piuttosto particolare, passando ad essere, da sport essenzialmente “chiuso”, con circoli molto riservati, a sport di massa. Negli anni ’80, quando c’è stato il boom del golf nel nostro paese, al di là dei problemi di irrigazione si è posta la questione dello sviluppo immobiliare e degli investimenti finanziari connessi, che hanno attirato delle critiche. Se parliamo invece del golf in quanto sport, ripeto, non vedo controindicazioni: è uno sport estremamente educativo e consente anche di riqualificare aree degradate. A Torino si è parlato molto del recupero del Parco della Stura, tristemente più noto come “Tossic Park”. Credo sia meglio avere un campo da golf pubblico che un luogo in mano agli spacciatori. Il punto è sempre dove si interviene, in che contesto e come.

D) Pensa che il vostro esempio, di ricorrere a una fonte di energia rinnovabile come quella solare e ridurre l’impatto ambientale del circolo, possa servire da stimolo ad altri club?

R) Quello dell’ambiente è sicuramente un tema presente all’interno della Federazione e di cui si parla in misura crescente. A noi piace essere innovativi e crediamo che quando i progetti sono buoni l’effetto domino segua a cascata.

D) Lei, come me, è del 1975. Non crede che sia ora, per i ”giovani”, di dare un segnale forte e di assumersi in prima persona, ciascuno nel proprio ambito, la responsabilità di diffondere e affermare la green economy nel paese? Forse non è casuale che sia stato lei – e non un vecchio presidente - a firmare un contratto come quello di oggi con EDF…

R) Ce lo diciamo quotidianamente, sta a noi decidere cosa lasceremo ai nostri figli. Dal punto di vista dell’energia, le rinnovabili da un lato e l’efficientamento energetico (altra grande risorsa) dall’altro, devono essere ben accetti – non tanto da noi giovani, cosa che già accade, quanto dalle amministrazioni pubbliche, che devono cogliere l’opportunità di rinnovamento offerta dagli incentivi e dalla disponibilità di investimento dei privati e metterli nelle condizioni di lavorare bene e sviluppare progetti. 

D) Oltre l’installazione dell’impianto fotovoltaico avete già in programma altre iniziative di riduzione dell’impatto ambientale o sensibilizzazione dei soci?

R) Ci auguriamo che siano i nostri partner a proporceli e a “usarci” per far passare questi messaggi. Noi, come dicevo, siamo e rimaniamo un circolo sportivo e dobbiamo concentrarci su questa attività principale. Siamo però aperti alle proposte: se un domani i nostri partner volessero portare studenti in visita o organizzare altre forme di promozione e educazione alle fonti rinnovabili, troveranno disponibilità da parte nostra.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende