Home » Rubriche »Very Important Planet » Più bianconero o green? Intervista a Andrea Agnelli:

Più bianconero o green? Intervista a Andrea Agnelli

settembre 23, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Niente domande sul calcio, la prego“. Il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, con noi sfonda una porta aperta. Lo incontriamo infatti per parlare di “green” (nel doppio senso del termine) alla conferenza stampa di presentazione del nuovo accordo di partnership tra il Royal Park “I Roveri”, il golf club di cui è amministratore delegato, e EDF ENR Solare, la joint venture italiana del Gruppo EDF, fornitrice dell’impianto fotovoltaico da 107 KWp che, dal 2012, ricoprirà i tetti della club house con 456 moduli solari destinati a ridurre l’impatto ambientale del circolo, immerso nel verde sconfinato del Parco della Mandria, alle porte di Torino.

D) Dott. Agnelli, dal 2008 lei è consigliere della Federazione Italiana Golf, uno sport a stretto contatto con la natura che spesso però ha ricevuto critiche sia sul fronte sociale che ambientale (esclusività della fruizione, eccesso di irrigazione ecc.). Qual è il suo messaggio?

R) Innanzitutto ci si deve ricordare che il golf è uno sport. Alla base di qualsiasi progetto di un golf club ci deve dunque essere l’attività sportiva, che è un fenomeno sano, sempre ben accetto da qualsiasi comunità. Il golf ha avuto in Italia un’evoluzione piuttosto particolare, passando ad essere, da sport essenzialmente “chiuso”, con circoli molto riservati, a sport di massa. Negli anni ’80, quando c’è stato il boom del golf nel nostro paese, al di là dei problemi di irrigazione si è posta la questione dello sviluppo immobiliare e degli investimenti finanziari connessi, che hanno attirato delle critiche. Se parliamo invece del golf in quanto sport, ripeto, non vedo controindicazioni: è uno sport estremamente educativo e consente anche di riqualificare aree degradate. A Torino si è parlato molto del recupero del Parco della Stura, tristemente più noto come “Tossic Park”. Credo sia meglio avere un campo da golf pubblico che un luogo in mano agli spacciatori. Il punto è sempre dove si interviene, in che contesto e come.

D) Pensa che il vostro esempio, di ricorrere a una fonte di energia rinnovabile come quella solare e ridurre l’impatto ambientale del circolo, possa servire da stimolo ad altri club?

R) Quello dell’ambiente è sicuramente un tema presente all’interno della Federazione e di cui si parla in misura crescente. A noi piace essere innovativi e crediamo che quando i progetti sono buoni l’effetto domino segua a cascata.

D) Lei, come me, è del 1975. Non crede che sia ora, per i ”giovani”, di dare un segnale forte e di assumersi in prima persona, ciascuno nel proprio ambito, la responsabilità di diffondere e affermare la green economy nel paese? Forse non è casuale che sia stato lei – e non un vecchio presidente - a firmare un contratto come quello di oggi con EDF…

R) Ce lo diciamo quotidianamente, sta a noi decidere cosa lasceremo ai nostri figli. Dal punto di vista dell’energia, le rinnovabili da un lato e l’efficientamento energetico (altra grande risorsa) dall’altro, devono essere ben accetti – non tanto da noi giovani, cosa che già accade, quanto dalle amministrazioni pubbliche, che devono cogliere l’opportunità di rinnovamento offerta dagli incentivi e dalla disponibilità di investimento dei privati e metterli nelle condizioni di lavorare bene e sviluppare progetti. 

D) Oltre l’installazione dell’impianto fotovoltaico avete già in programma altre iniziative di riduzione dell’impatto ambientale o sensibilizzazione dei soci?

R) Ci auguriamo che siano i nostri partner a proporceli e a “usarci” per far passare questi messaggi. Noi, come dicevo, siamo e rimaniamo un circolo sportivo e dobbiamo concentrarci su questa attività principale. Siamo però aperti alle proposte: se un domani i nostri partner volessero portare studenti in visita o organizzare altre forme di promozione e educazione alle fonti rinnovabili, troveranno disponibilità da parte nostra.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende