Home » Bollettino Europa »Rubriche » PMI, un “piano d’azione verde” della Commissione UE per sfruttare le opportunità di business:

PMI, un “piano d’azione verde” della Commissione UE per sfruttare le opportunità di business

luglio 21, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

 

Trasformare le sfide ambientali in business. Si moltiplicano ormai gli studi che provano il legame tra green economy e crescita sostenibile, compresa la creazione di posti di lavoro. Tuttavia, poco si può realizzare se il tessuto produttivo non viene incentivato alla riconversione verde.

È ciò che ha pensato la Commissione Europea adottando una Comunicazione dal titolo “ Piano d’azione verde per le PMI: aiutare le PMI a trasformare le sfide ambientali in opportunità di business“. Un documento in cui sono illustrate una serie di iniziative volte ad aiutare le Piccole e Medie Imprese europee a sfruttare le opportunità offerte dal passaggio a un’economia verde, alla luce del fatto che la prevenzione dei danni ambientali e la virata verso un’economia a basse emissioni di carbonio rappresentano senza dubbio una sfida per la società, ma sono fonte di altrettante possibilità.

L’Esecutivo di Bruxelles ha individuato, dunque, alcuni obiettivi da raggiungere sulla base di dati che caratterizzano l’attuale realtà all’interno dell’Unione Europea. Ha calcolato, per esempio, che un più efficiente uso delle risorse, potrebbe far realizzare all’industria UE risparmi per un valore totale di 630 miliardi di Euro l’anno. A livello europeo deve, quindi, essere incoraggiata una gestione delle risorse, da parte delle PMI, che consenta di ridurre i costi di produzione e incrementare la produttività. Molto spesso, poi, si riscontrano difficoltà nell’immissione sul mercato di prodotti e servizi verdi, che ostacolano, in questo modo, le possibilità di profitto delle imprese. Le PMI necessitano, invece, di un contesto imprenditoriale favorevole in cui idee verdi possano essere facilmente sviluppate, finanziate e commercializzate. A livello di sistemi produttivi Bruxelles invita a puntare su quelli che sono i must della green economyrifabbricazione, riparazione, manutenzione, riciclaggio ed ecodesign, che hanno grandi potenzialità di diventare volani della crescita economica e della creazione di posti di lavoro, recando contemporaneamente un significativo contributo nell’affrontare le sfide ambientali.

Uno sguardo anche alla realtà esterna all’UE: la Commissione ha precisato che gli accordi che a livello internazionale vedono impegnata l’Unione Europea in ambiti quali la cooperazione, per fronteggiare i cambiamenti climatici o le politiche di vicinato, rappresentano per le PMI europee con competenze verdi un’opportunità concreta di accesso a nuovi mercati. L’87% di queste, tuttavia, vende le proprie tecnologie, i propri prodotti o i propri servizi verdi solo sui mercati nazionali. Sono perciò necessari un quadro più favorevole e una maggiore cooperazione internazionale per aiutare le aziende ad integrarsi con successo nelle catene produttive mondiali.

Contemporaneamente, la Commissione ha aperto i primi bandi di gara per l’assegnazione di 1,3 miliardi di Euro per progetti innovativi da realizzare tramite partenariati pubblico-privato. Il primo lotto di fondi UE, che sarà accompagnato da una pari somma di investimenti da parte dell’industria, fa parte di un pacchetto più ampio di 22 miliardi di euro complessivi da investire sino al 2020, che rientrano nei circa 80 del Programma Horizon 2020 dedicato a ricerca e innovazione. Quattro i settori chiave coperti dai bandi (medicinali, trasporti, elettronica e bioeconomia) e sette le partnership attive pubblico-privato per cui sono disponibili i finanziamenti: medicinali innovativi (Imi2), celle a combustibile e idrogeno (Fch2, per tecnologie pulite in energia e trasporti), Clean Sky (Cs2, per la progettazione di aerei meno inquinanti), bioindustrie (Bbi, per prodotti di consumo più ecologici),componenti e sistemi elettronici (Ecsel), ma anche Shift2Rail (per le infrastrutture e i servizi ferroviari) e, infine, Sesar 2020, per lo sviluppo di un sistema di nuova generazione di gestione del traffico aereo “È soltanto mettendo insieme le migliori risorse di università, industria, PMI e istituti di ricerca che possiamo far fronte con successo alle imponenti sfide che ci attendono”, ha dichiarato il Presidente della Commissione José Barroso.

Al coro di Bruxelles, che declama sempre più a gran voce l’evidenza del legame tra green economy e sviluppo sostenibile, si aggiunge l’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA), che ha pubblicato un nuovo studio dal titolo “Resource-efficient green economy and EU policies”. L’EEA analizza le principali forze che favoriscono il passaggio ad un’economia verde efficiente in Europa, compreso il ruolo delle politiche dell’UE. Attualmente, i cambiamenti economici e tecnologici che portano verso obiettivi green in Europa stanno procedendo troppo lentamente, sostiene l’Agenzia. Che richiede un grande, profondo, e permanente mutamento nell’economia e nella società per creare, attraverso nuovi processi, nuove opportunità.

In sostanza, mentre molte tendenze ambientali stanno gradualmente migliorando, l’UE ha bisogno oggi di un riorientamento della sua economia, soprattutto per realizzare obiettivi ambientali a lungo termine, afferma il rapporto. Ad esempio, il taglio delle emissioni di gas serra dell’80-95% entro il 2050 non sarà possibile esclusivamente basandosi su incrementali guadagni di efficienza. “L’innovazione ambientale è la chiave per affrontare le sfide del 21° secolo. Se vogliamo vivere bene entro i limiti ecologici del pianeta, come indicato nel 7° programma d’azione ambientale, avremo bisogno di affidarci massicciamente all’inventiva dell’Europa. Incoraggiando la creazione, l’adozione e la diffusione di nuove tecnologie verdi”, ha affermato il Direttore esecutivo dell’EEA Hans Bruyninckx.

Un’altra leva per migliorare l’efficienza delle risorse potrebbe essere quella legata alla riduzione delle tasse sul lavoro come l’imposta sul reddito, tassando, invece, l’uso inefficiente delle risorse e l’inquinamento ambientale. Queste imposte ambientali potrebbero promuovere la creazione di posti di lavoro, ma sono sotto-utilizzate nell’UE, pari a solo il 2,4% del PIL nel 2012.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende