Home » Rubriche »Very Important Planet » “Porno e libertà”, la crociata di Carmine Amoroso contro la censura 2.0:

“Porno e libertà”, la crociata di Carmine Amoroso contro la censura 2.0

Infanzia e adolescenza in terra abruzzese, primi passi nel cinema a Roma dove Carmine Amoroso, classe 1963, si trasferisce da giovanissimo. Nella capitale si afferma nel mondo del cinema come aiuto regista dei maestri italiani: Nanni Loy, Claudio Risi, Carlo Vanzina, Lina Wertmueller e soprattutto scrive la fortunata sceneggiatura di “Parenti Serpenti” per la regia del mitico Mario Monicelli. Da regista firma i film “Come mi vuoi” e “Cover- Boy o L’ultima rivoluzione” e come autore i documentari “I ragazzi su due ruote” e “GRA il pianeta anulare”. La sua ultima fatica è “Porno e Libertà, documentario indipendente  e a basso costo uscito nelle sale venerdì scorso e che Carmine intende promuovere su Facebook. Ma per l’immagine di un capezzolo nella locandina la sua pagina viene oscurata! Una storia di anacronistica censura che per il regista grida vendetta.

D) Carmine iniziamo parlando di cronaca: sei molto arrabbiato con Facebook perché ti ha oscurato la pagina dedicata al documentario “Porno e Libertà”, cos’è successo?

R) Il lavoro è un’opera indipendente che racconta la storia della controcultura degli anni Sessanta e Settanta e di alcuni personaggi anticonformisti che hanno lottato attraverso la pornografia per la liberazione sessuale e contro la censura. Un tema ostico, per questo nessuno ha voluto finanziarci: le istituzioni ci hanno riso in faccia, porte chiuse dai produttori e dalle televisioni. Per realizzarlo abbiamo utilizzato i nostri risparmi e per recuperare  i soldi investiti abbiamo programmato la comunicazione su una pagina Facebook che ci è stata oscurata senza saperne bene i motivi! Probabilmente per l’immagine di un capezzolo e per la parola porno. In questo modo si blocca la promozione con un grosso danno di immagine ed economico.

D) Nessuna spiegazione da Facebook?

R) Nessuna risposta alle nostre comunicazioni. Hanno bloccato pure il mio messenger (il programma di messaggistica interna al social, NdR), quindi riesco a vedere cosa mi scrivono, ma non posso rispondere a chi mi contatta! Non è possibile che un gruppo di persone anonime mi censuri, senza sapere  neanche chi siano! Una situazione kafkiana di cui ho parlato nei giorni scorsi con Vincenzo Sparagna (direttore e animatore della rivista di controcultura Frigidaire, NdR) e abbiamo convenuto che ora non hai neanche un interlocutore, neanche un giudice che ti spieghi i motivi della censura. Su Facebook si collegano nel mondo 1 miliardo e mezzo di persone al giorno, il mezzo di comunicazione più utilizzato, servono delle regole.

D) Ha dato più fastidio, secondo te, l’immagine del corpo nudo o la “keyword” porno?

R) Probabilmente il termine porno ed è assurdo in un’epoca dove la pornografia, con i mezzi digitali, è diventato un fenomeno pervasivo, ma poco o niente analizzato dal punto di vista concettuale. Non se ne deve parlare, il termine fa paura e manca completamente il confronto. Stiamo tornando indietro e si sta affermando un neopuritanesimo di ritorno!

D) Eppure il tuo è un lavoro di ricerca storica, quasi antropologica…

R) Racconto questo gruppo di persone che negli anni 60/70 lottarono per la libertà sessuale. Sono partito da Riccardo Schicchi e il suo rapporto con i media, con Cicciolina ha portato  la prima pornostar in televisione, negli USA sono dovuti passare decenni prima di una partecipazione  simile in una televisione generalista. Racconto un personaggio come Lasse Braun, alias Alberto Ferro, che negli anni sessanta andava nei paesi scandinavi a fare foto di nudi. Una ribellione attraverso il corpo. Poi faccio riferimento alla controcultura degli anni settanta con le riviste come Re Nudo, Il Male e Frigidaire di cui parla Vincenzo Sparagna. Un pezzo di cultura del nostro paese e io nel 2016 vengo censurato! Un’assurdità censurare un’opera che parla di censura…

D) Alla fine è un documentario sul corpo e la sua storia recente. Natura, corporeità, sessualità e ambiente non sono concetti lontani. Cosa ne pensi del fenomeno del nudismo (o naturismo) che ha un legame molto forte, appunto, con la natura…

R) Noi siamo il nostro corpo, ci relazioniamo con il corpo che ci espelle. Eliminare la nudità va contro la nostra libertà, è contro natura. Il corpo è un mezzo di comunicazione non una gabbia dove ci vogliono rinchiudere. Nella spiaggia di Castel Porziano la nudità è stata sempre accettata, non ha mai scandalizzato mentre negli ultimi anni ho notato un’involuzione: si è creato un recinto, una porzione di spiaggia dove è permesso e al di fuori è vietato. Anche questa conquista si sta perdendo…

D) Lavori su corpo e natura, ma il tuo rapporto con l’ambiente?

R) Sono nato in campagna, una relazione vitale. Io faccio parte della terra, nel senso fisico del mio essere legato alla natura. E’come l’aria che respiro, ho vissuto con i cicli naturali, con le piante che si risvegliavano, un rapporto quasi erotico con i fiori!

D) E i tuoi comportamenti quotidiani con l’ambiente?

R) Non butterei mai un pezzo di carta per terra. Un giorno mentre andavo a prendere la metro ho visto uno scarafaggio immobile, girato su se stesso ma ero in ritardo e ho tirato dritto. Poi ho pensato che non poteva muoversi e sono tornato indietro per farlo andare. Forse sono eccessivo nella mia relazione con l’ambiente, ma in quel caso, per esempio, mi faceva stare male l’idea di non fare niente…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende