Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Presentato il primo “impianto eolico di comunità”. ènostra: “Lavoriamo a un modello dal basso, sganciato dalle dinamiche del petrolio”:

Presentato il primo “impianto eolico di comunità”. ènostra: “Lavoriamo a un modello dal basso, sganciato dalle dinamiche del petrolio”

novembre 7, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Dalle proteste contro le pale eoliche “calate dall’alto” alla progettazione dal basso degli impianti energetici. E’questo l’itinerario di ènostra, il fornitore elettrico cooperativo (non a scopo di lucro), che vende ai soci solo elettricità proveniente da impianti fotovoltaici, eolici e idroelettrici con garanzia d’origine. Non solo fonti rinnovabili, dunque, ma “certificate”, per essere sicuri, ad esempio, di non comprare energia elettrica da impianti fotovoltaici fissati a terra, che rubano terra all’agricoltura.

Davide Zanoni, il presidente della cooperativa, è a capo di un team di 11 persone, che ha presentato nei giorni scorsi, a Ecomondo, la nuova operazione per realizzare, in provincia di Foggia, il primo impianto eolico collettivo. Una pala alta 80 metri, 850 kW di potenza e produzione attesa di quasi 3 GWh all’anno, equivalente al fabbisogno di circa 1.100 famiglie. Servono 2 milioni di euro di capitale per realizzarlo, con una quota minima di sottoscrizione da 500 euro. Il primo gradino da superare sono i 500.000 euro da raccogliere entro dicembre. “Il nostro obiettivo è l’autofinanziamento con i soci – spiega Zanoni – ma abbiamo un rapporto con due istituti Coopfond (fondo mutualistico di Legacoop) e poi sfruttiamo un meccanismo europeo, sempre insieme ad altre cooperative: il MECISE, che permette di investire nell’impianto dagli altri Paesi europei”. Una sorta di internazionalismo energetico rinnovabile su scala continentale.

Ma quanti clienti ha oggi ènostra? Al momento si contavano 1.662 contratti siglati, ma ora la cooperativa fondata da Zanoni si è fusa con Retenergie portando il numero dei soci a circa 3.400 per 3600 contratti. Un risultato di tutto rispetto: “E’ il primo importante traguardo del modello energetico in cui crediamo: democratico, equo ed accessibile a tutti, con ricadute sociali, economiche ed ambientali positive, a livello sia locale che nazionale, in grado di portare progressivamente la collettività all’indipendenza dalle fonti fossili“. Sganciandosi dal “sistema tradizionale”.

Il lavoro per generare competenze e saldare relazioni è stato lungo: “E’ iniziato nel 2011 – ricorda il presidente della cooperativa – abbiamo partecipato ad un bando europeo, EURES Coop 20-20-20 e siamo entrati nella Federazione Europea delle Cooperative Energetiche. Nel 2014 abbiamo poi fondato ènostra”. Si è partiti con l’ acquisto di energia solo da imprese e impianti sostenibili, in particolari da piccoli impianti legati alle comunità locali. Dall’acquisto ora il salto è verso la produzione diretta, con l’impianto che vedrà la luce nel 2019.

Oltre la vendita, come fanno i competitor, c’è tutto un menù di servizi: “Offriamo ai nostri soci l’efficientamento energetico, la realizzazione di impianti fotovoltaici e il monitoraggio dei consumi. Puntiamo a far partecipare le persone coinvolgendole delle reti sociali che lavorano per la transizione energetica dal basso“.

I soci sanno quindi da dove arriva l’energia che usano e “possono beneficiare di una commissione sull’utile ovvero un ritorno, che determina una riduzione della spesa”. I prezzi di énostra sono inoltre sganciati da oscillazioni di prezzo che derivano da variabili esogene, (vedi, ad esempio, guerre ecc.), visto che il prezzo fisso offerto è slegato dalle dinamiche del mercato del fossile. C’è un prezzo fisso in relazione alla quota pagata, per 10 anni.

“E’ una grande sfida – spiega Zanoni – guardiamo a esperienze internazionali come quella spagnola. Ma il percorso non è facile, nonostante i danni creati dal cambiamento climatico si tratta di un fenomeno che non fa ancora presa sull’opinione pubblica. E’ difficile far capire che, con un gesto semplice, si può incidere sulle politiche climatiche”.

La cooperativa si è data la missione di dare valore civico alla scelta energetica: “Puntiamo a dare il massimo beneficio al contesto locale con impianti dove il cittadino è parte in causa e avrà lui stesso un beneficio dalla partecipazione alla comunità. Per essere chiari: si parte dal cittadino, dalla base, e poi si tira su la pala e non il contrario…” .

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende