Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Presentato il primo “impianto eolico di comunità”. ènostra: “Lavoriamo a un modello dal basso, sganciato dalle dinamiche del petrolio”:

Presentato il primo “impianto eolico di comunità”. ènostra: “Lavoriamo a un modello dal basso, sganciato dalle dinamiche del petrolio”

novembre 7, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Dalle proteste contro le pale eoliche “calate dall’alto” alla progettazione dal basso degli impianti energetici. E’questo l’itinerario di ènostra, il fornitore elettrico cooperativo (non a scopo di lucro), che vende ai soci solo elettricità proveniente da impianti fotovoltaici, eolici e idroelettrici con garanzia d’origine. Non solo fonti rinnovabili, dunque, ma “certificate”, per essere sicuri, ad esempio, di non comprare energia elettrica da impianti fotovoltaici fissati a terra, che rubano terra all’agricoltura.

Davide Zanoni, il presidente della cooperativa, è a capo di un team di 11 persone, che ha presentato nei giorni scorsi, a Ecomondo, la nuova operazione per realizzare, in provincia di Foggia, il primo impianto eolico collettivo. Una pala alta 80 metri, 850 kW di potenza e produzione attesa di quasi 3 GWh all’anno, equivalente al fabbisogno di circa 1.100 famiglie. Servono 2 milioni di euro di capitale per realizzarlo, con una quota minima di sottoscrizione da 500 euro. Il primo gradino da superare sono i 500.000 euro da raccogliere entro dicembre. “Il nostro obiettivo è l’autofinanziamento con i soci – spiega Zanoni – ma abbiamo un rapporto con due istituti Coopfond (fondo mutualistico di Legacoop) e poi sfruttiamo un meccanismo europeo, sempre insieme ad altre cooperative: il MECISE, che permette di investire nell’impianto dagli altri Paesi europei”. Una sorta di internazionalismo energetico rinnovabile su scala continentale.

Ma quanti clienti ha oggi ènostra? Al momento si contavano 1.662 contratti siglati, ma ora la cooperativa fondata da Zanoni si è fusa con Retenergie portando il numero dei soci a circa 3.400 per 3600 contratti. Un risultato di tutto rispetto: “E’ il primo importante traguardo del modello energetico in cui crediamo: democratico, equo ed accessibile a tutti, con ricadute sociali, economiche ed ambientali positive, a livello sia locale che nazionale, in grado di portare progressivamente la collettività all’indipendenza dalle fonti fossili“. Sganciandosi dal “sistema tradizionale”.

Il lavoro per generare competenze e saldare relazioni è stato lungo: “E’ iniziato nel 2011 – ricorda il presidente della cooperativa – abbiamo partecipato ad un bando europeo, EURES Coop 20-20-20 e siamo entrati nella Federazione Europea delle Cooperative Energetiche. Nel 2014 abbiamo poi fondato ènostra”. Si è partiti con l’ acquisto di energia solo da imprese e impianti sostenibili, in particolari da piccoli impianti legati alle comunità locali. Dall’acquisto ora il salto è verso la produzione diretta, con l’impianto che vedrà la luce nel 2019.

Oltre la vendita, come fanno i competitor, c’è tutto un menù di servizi: “Offriamo ai nostri soci l’efficientamento energetico, la realizzazione di impianti fotovoltaici e il monitoraggio dei consumi. Puntiamo a far partecipare le persone coinvolgendole delle reti sociali che lavorano per la transizione energetica dal basso“.

I soci sanno quindi da dove arriva l’energia che usano e “possono beneficiare di una commissione sull’utile ovvero un ritorno, che determina una riduzione della spesa”. I prezzi di énostra sono inoltre sganciati da oscillazioni di prezzo che derivano da variabili esogene, (vedi, ad esempio, guerre ecc.), visto che il prezzo fisso offerto è slegato dalle dinamiche del mercato del fossile. C’è un prezzo fisso in relazione alla quota pagata, per 10 anni.

“E’ una grande sfida – spiega Zanoni – guardiamo a esperienze internazionali come quella spagnola. Ma il percorso non è facile, nonostante i danni creati dal cambiamento climatico si tratta di un fenomeno che non fa ancora presa sull’opinione pubblica. E’ difficile far capire che, con un gesto semplice, si può incidere sulle politiche climatiche”.

La cooperativa si è data la missione di dare valore civico alla scelta energetica: “Puntiamo a dare il massimo beneficio al contesto locale con impianti dove il cittadino è parte in causa e avrà lui stesso un beneficio dalla partecipazione alla comunità. Per essere chiari: si parte dal cittadino, dalla base, e poi si tira su la pala e non il contrario…” .

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende