Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Primo esercizio spirituale in bicicletta: la Corsica:

Primo esercizio spirituale in bicicletta: la Corsica

luglio 28, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Esercizi spirituali in bicicletta“, di Domenico Di Lorenzo, racconta 20 anni di viaggi su due ruote in giro per l’Europa, dettati da un’ irrequietezza costante nel cercare un altrove differente dalla corsia preferenziale della società in cui viviamo. Un invito a guardare il mondo e la vita che ci circonda con occhi “nuovi”, in una serie di percorsi lirici accompagnati da mappe, fotografie e itinerari dettagliati. Una lunga ricerca interiore nel ripercorrere circa 14.000 km di rotte ordinarie e straordinarie. Per la rubrica Racconti d’Ambiente pubblichiamo l’esercizio spirituale n.1: la Corsica. Di cicloturismo parlerà anche, il 16 ottobre prossimo, a Torino, il 5° Workshop Nazionale IMAGE, dedicato al tema “Ecoturismo: natura, sport, enogastronomia” (#workshopimage2015).

1993. Ho vent’anni e una moltitudine consistente di sogni che sfarfallano nella testa, prendendo sembianze a tratti di progetti a tratti di fantasie. Per caso (ma forse nemmeno tanto) la folgorazione che mi coglie dopo aver letto il resoconto di un viaggio in bicicletta in Norvegia, accende la smania di cercare un altrove dai toni mitici: il Nord Europa.

La mia immaginazione si popola all’improvviso di uomini duri e coraggiosi, dei possenti come Odino e Thor, eroi solari e fiere figure femminili. E poi ancora nani, elfi, giganti, fiammiferaie, velieri e paesaggi Sturm und Drang.

Un giorno, mi riprometto, forse tra poco, monterò su una bici che sarà come una nave con le ruote. Capace di stare sull’acqua, capace di correre sulla terra, ma anche di volare nel cielo come gli uccelli. E allora partirò per raggiungere il regno delle fiabe e diventare uno dei suoi personaggi.

Per prepararmi a cotanta impresa comincio subito a muovermi su strade che non fan rumore, cercando di misurarmi con qualcosa di abbordabile seppur affascinante e mi ritrovo in Corsica a pedalare su due ruote che valgono poche migliaia di lire e non sono certo un portento della tecnica! Non importa.

Come diceva Brodskyla felicità è quando incontri degli elementi di cui tu stesso sei fatto e che si trovano allo stato libero“. E qui i colori mozzafiato della macchia mediterranea, le sgambate lanciate nella luce lungo stradine sospese su acque trasparenti come vetri, mi aprono il cuore ammaliando tutti i cinque sensi.

Rido con il cielo e ascolto la voce del vento confondersi con quella dell’anima. Cerco tracce della leggenda della dea Rhéa e di suo figlio Poseidone, signore di tutti i mari e degli oceani. Si narra che, durante una tempesta, emergendo dai flutti il dio del mare si avvicinò all’estremo sud delle Alpi per sgretolare le montagne con il suo potente tridente, riducendole in una miriade di isole, isolotti e scogli. Passata la tempesta, apparve sotto la luce del sole Kallisto, la più bella delle isole, quella che oggi è la Corsica.

Mi piace il carattere turbolento del dio e lo avverto nella sensazione che qui trasmette il mare quando, dopo averti sedotto con l’illusione di poterlo possedere tutto, te ne ritrovi completamente in balia.

Pedalo nell’azzurro tra acqua e cielo e scopro che un solo colore può avere tante sfumature e tonalità da non riuscire a catalogarle tutte. Muovendomi lungo la costa, capisco perché il mare sia così poco celebrato nella cultura dei Corsi, che nei secoli preferirono i monti, trovando rifugio e sicurezza tra i contrafforti di millenari massicci rocciosi, costruendo villaggi a “nido d’aquila” o sui fianchi dei pendii. Pastori e contadini più che marinai e pescatori. Popolo della terra e alla terra strettamente legato.

Sembra davvero che nella leggenda sulla sua origine si celi il segreto di questa “montagna nel mare”, destinata a scontare il capriccio di un dio pagandolo a caro prezzo. E in effetti, nonostante la bellezza conturbante del paesaggio, questa è una terra difficile, o almeno lo è stata in passato, frustrata da potenti tempeste portatrici di naufragi e sconquassata da frequenti invasioni saracene. Oggi il susseguirsi di insenature e calette, a tratti accarezzate dalla risacca, a tratti schiaffeggiate dalla prepotenza del mare, mi incanta offrendomi seducenti teatri per i miei bivacchi notturni.

Quando il cielo si fa di velluto, sincronizzo il mio respiro con quello delle onde e srotolo tutti i pensieri, fino a che non sento il cuore balzar fuori dal petto per andare a tuffarsi in quella striscia di luce liquida che è il riflesso della luna.

E lì mi sciolgo, spendendomi in emozioni, fino al mattino seguente.

Domenico Di Lorenzo*

*Cicloviaggiatore torinese

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende