Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Primo esercizio spirituale in bicicletta: la Corsica:

Primo esercizio spirituale in bicicletta: la Corsica

luglio 28, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Esercizi spirituali in bicicletta“, di Domenico Di Lorenzo, racconta 20 anni di viaggi su due ruote in giro per l’Europa, dettati da un’ irrequietezza costante nel cercare un altrove differente dalla corsia preferenziale della società in cui viviamo. Un invito a guardare il mondo e la vita che ci circonda con occhi “nuovi”, in una serie di percorsi lirici accompagnati da mappe, fotografie e itinerari dettagliati. Una lunga ricerca interiore nel ripercorrere circa 14.000 km di rotte ordinarie e straordinarie. Per la rubrica Racconti d’Ambiente pubblichiamo l’esercizio spirituale n.1: la Corsica. Di cicloturismo parlerà anche, il 16 ottobre prossimo, a Torino, il 5° Workshop Nazionale IMAGE, dedicato al tema “Ecoturismo: natura, sport, enogastronomia” (#workshopimage2015).

1993. Ho vent’anni e una moltitudine consistente di sogni che sfarfallano nella testa, prendendo sembianze a tratti di progetti a tratti di fantasie. Per caso (ma forse nemmeno tanto) la folgorazione che mi coglie dopo aver letto il resoconto di un viaggio in bicicletta in Norvegia, accende la smania di cercare un altrove dai toni mitici: il Nord Europa.

La mia immaginazione si popola all’improvviso di uomini duri e coraggiosi, dei possenti come Odino e Thor, eroi solari e fiere figure femminili. E poi ancora nani, elfi, giganti, fiammiferaie, velieri e paesaggi Sturm und Drang.

Un giorno, mi riprometto, forse tra poco, monterò su una bici che sarà come una nave con le ruote. Capace di stare sull’acqua, capace di correre sulla terra, ma anche di volare nel cielo come gli uccelli. E allora partirò per raggiungere il regno delle fiabe e diventare uno dei suoi personaggi.

Per prepararmi a cotanta impresa comincio subito a muovermi su strade che non fan rumore, cercando di misurarmi con qualcosa di abbordabile seppur affascinante e mi ritrovo in Corsica a pedalare su due ruote che valgono poche migliaia di lire e non sono certo un portento della tecnica! Non importa.

Come diceva Brodskyla felicità è quando incontri degli elementi di cui tu stesso sei fatto e che si trovano allo stato libero“. E qui i colori mozzafiato della macchia mediterranea, le sgambate lanciate nella luce lungo stradine sospese su acque trasparenti come vetri, mi aprono il cuore ammaliando tutti i cinque sensi.

Rido con il cielo e ascolto la voce del vento confondersi con quella dell’anima. Cerco tracce della leggenda della dea Rhéa e di suo figlio Poseidone, signore di tutti i mari e degli oceani. Si narra che, durante una tempesta, emergendo dai flutti il dio del mare si avvicinò all’estremo sud delle Alpi per sgretolare le montagne con il suo potente tridente, riducendole in una miriade di isole, isolotti e scogli. Passata la tempesta, apparve sotto la luce del sole Kallisto, la più bella delle isole, quella che oggi è la Corsica.

Mi piace il carattere turbolento del dio e lo avverto nella sensazione che qui trasmette il mare quando, dopo averti sedotto con l’illusione di poterlo possedere tutto, te ne ritrovi completamente in balia.

Pedalo nell’azzurro tra acqua e cielo e scopro che un solo colore può avere tante sfumature e tonalità da non riuscire a catalogarle tutte. Muovendomi lungo la costa, capisco perché il mare sia così poco celebrato nella cultura dei Corsi, che nei secoli preferirono i monti, trovando rifugio e sicurezza tra i contrafforti di millenari massicci rocciosi, costruendo villaggi a “nido d’aquila” o sui fianchi dei pendii. Pastori e contadini più che marinai e pescatori. Popolo della terra e alla terra strettamente legato.

Sembra davvero che nella leggenda sulla sua origine si celi il segreto di questa “montagna nel mare”, destinata a scontare il capriccio di un dio pagandolo a caro prezzo. E in effetti, nonostante la bellezza conturbante del paesaggio, questa è una terra difficile, o almeno lo è stata in passato, frustrata da potenti tempeste portatrici di naufragi e sconquassata da frequenti invasioni saracene. Oggi il susseguirsi di insenature e calette, a tratti accarezzate dalla risacca, a tratti schiaffeggiate dalla prepotenza del mare, mi incanta offrendomi seducenti teatri per i miei bivacchi notturni.

Quando il cielo si fa di velluto, sincronizzo il mio respiro con quello delle onde e srotolo tutti i pensieri, fino a che non sento il cuore balzar fuori dal petto per andare a tuffarsi in quella striscia di luce liquida che è il riflesso della luna.

E lì mi sciolgo, spendendomi in emozioni, fino al mattino seguente.

Domenico Di Lorenzo*

*Cicloviaggiatore torinese

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende