Home » Campioni d'Italia »Rubriche » QCumber: il social network per il monitoraggio ambientale:

QCumber: il social network per il monitoraggio ambientale

luglio 16, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Giuseppe Magro risponde alla telefonata da una stanza d’albergo, dove si è barricato, in completa solitudine, per lavorare agli ultimi progetti. QCumber, il social network di monitoraggio ambientale in grado di unire i dati scientifici e la partecipazione dal basso, da lui lanciato nel 2012, è a un bivio. La fase di sperimentazione sta per dirsi definitivamente conclusa e la prova del grande pubblico è vicina: a settembre sarà lanciata l’App per il suo utilizzo da smartphone e nel 2015 la piattaforma si aprirà anche a tutti i Comuni e gli enti pubblici.

Il progetto ha già raccolto premi e riconoscimenti da varie parti: “A maggio 2012 abbiamo presentato QCumber al congresso mondiale dell’International association for Impact Assessment (IAIA, ndr), e in quel contesto è stato riconosciuto il valore del progetto. Pochi mesi dopo, QCumber stato selezionato come uno dei 100 migliori progetti al mondo da parte di Google, Intel e Cisco in occasione delle Olimpiadi delle Start Up di Londra 2012”.

Ma come funziona concretamente il social network? La piattaforma permette ai cittadini di segnalare criticità ambientali e sorgenti di inquinamento, risorse naturali da proteggere e casi di molestie olfattive. Informazioni che poi vengono incrociate con i dati frutto di ricerche nazionali e internazionali e con i post di altri utenti. In questo modo, si ha una mappa interattiva e aggiornata, basata su un confronto costante con le informazioni scientifiche. QCumber offre infatti anche la possibilità di analizzare il territorio entro un raggio di 3 chilometri intorno al luogo in cui vive un utente o intorno ad un punto di interesse.

Il tema dell’impatto ambientale ha una valenza sociale enorme”, spiega Giuseppe Magro, ingegnere nucleare esperto in valutazione degli impatti ambientali, che da oltre dieci anni studia un modello per far “parlare” tra loro dati relativi a diverse matrici naturali, e farli poi dialogare con le informazioni generate dagli utenti. Gli algoritmi del sistema consentono anche di notificare alle autorità competenti le informazioni pubblicate dai cittadini in modo trasparente e condiviso.

E se le criticità ambientali hanno una diretta conseguenza nelle relazioni – basti pensare alle proteste, oppure agli accordi per un certo progetto – è proprio da esse che si può ripartire per una gestione più sostenibile del territorio. “La sostenibilità è il processo di ricerca di un nuovo equilibrio nell’ecosistema delle relazioni sociali, in grado di conciliare necessità individuali e collettive attraverso la condivisione dei problemi e delle opportunità, in cui le tecnologie della rete possono esprimere potenzialità enormi”, si legge sul sito di QCumber, che ha dietro un team composto, oltre che dalla società Algebra srl di Magro, anche da esperti delle università di Bologna e Cambridge.

Se infatti il “Geo Social Forum” ha un’importante dimensione informativa e di sensibilizzazione, diventa uno strumento particolarmente utile quando si usa come piattaforma di dialogo tra i diversi attori del territorio. “Qualsiasi progetto, oppure piano, può essere valutato e condiviso attraverso Qcumber”, continua Magro, che è anche presidente della sezione italiana della IAIA. Ogni soggetto del territorio – cittadini, aziende, associazioni, enti – può esprimersi e proporre modifiche, avendo sempre il polso della situazione ambientale in quell’area.

Fino ad oggi lo hanno sperimentato Comuni italiani e britannici (centri del Bresciano, ma anche città come Mantova, Foggia, Birmingham): “In alcuni casi è servito per decidere come ridisegnare la viabilità, in altri come intervenire per migliorare le performance ambientali delle industrie. Stiamo sviluppando altri servizi per la digitalizzazione degli aspetti di governance ambientale della pubblica amministrazione”. Anche le aziende, secondo Magro, troveranno molto utile lo strumento “per comunicare e condividere il loro impegno per una maggiore sostenibilità, che non deve più essere percepita come un onere, ma come una nuova dimensione della gestione, per aumentare la propria responsabilità sociale di impresa e quindi stabilire una relazione win-win con i consumatori e con il territorio”. Da qui l’importanza dei processi partecipativi sono parte integrante. In quest’ottica, nei prossimi mesi sarà anche lanciato il QGame, “un’iniziativa che andrà a valorizzare i comportamenti virtuosi di tutti i soggetti del sistema: chi vince farà vincere la collettività”. Il progetto sarà anche al centro del congresso mondiale dell’International Association for Impact Assessment, che si terrà a Firenze ad aprile 2015.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende