Home » Bollettino Europa »Rubriche » Quindici anni di trasporti europei e una sola certezza: il dominio dell’automobile:

Quindici anni di trasporti europei e una sola certezza: il dominio dell’automobile

gennaio 11, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

In queste settimane in cui la maggioranza delle città è rimasta stretta nella morsa dell’inquinamento atmosferico e delle polveri sottili – tra targhe alterne e blocchi temporanei del traffico - l’Agenzia Europea dell’Ambiente ha pubblicato una ricerca in cui analizza il settore dei trasporti, le tendenze ambientali, gli effetti sul clima e la salute e l’impatto che la tecnologia può avere in questo contesto.

La ricerca dal titolo “Evaluating 15 years of transport and environmental policy integration” parte dalla constatazione che il settore dei trasporti interessa l’ambiente in modi diversi. Dalle emissioni di gas serra (GHG) e di altre sostanze dannose, all’inquinamento acustico – è, infatti, la principale fonte di rumore in città – fino alla frammentazione degli habitat.

Nel documento viene analizzata l’evoluzione del settore dei trasporti (merci e passeggeri) e i suoi impatti sull’ambiente a partire dal 2000, compresi gli effetti della recessione economica nel 2008. Concludendo che una decarbonizzazione del settore dei trasporti è fondamentale, ma richiede non solo soluzioni tecnologiche ma anche politiche che stimolino cambiamenti comportamentali significativi, tra cui la corretta tariffazione delle “esternalità” dei trasporti e approcci di pianificazione che incentivino l’uso di mezzi di trasporto sostenibili.

Veniamo a qualche dato significativo. Le emissioni di gas serra prodotte dai trasporti sono aumentate del 19,4% dal 1990. È l’unico tra i principali settori economici europei in cui questo tipo di inquinamento è aumentato. Nel 2013, inoltre, il trasporto ha rappresentato quasi un quarto del totale delle emissioni di gas serra dell’UE (un quinto se si escludono l’aviazione internazionale e le emissioni marittime). Le autovetture private corrispondono, infine, a quasi il 45% delle emissioni del settore dei trasporti. A questa percentuale bisogna aggiungere un ulteriore 20% rappresentato dei veicoli pesanti.

Per quanto riguarda, invece, altre sostanze, come conseguenza di una normativa UE più restrittiva, le emissioni legate ai trasporti di tre importanti inquinanti atmosferici SOx, NOx e PM sono diminuiti nel periodo 2000-2013. Tuttavia, in particolare per il NOx delle automobili diesel, ma anche per la CO2, vi è una differenza crescente tra misurazioni delle emissioni ‘ufficiali’, rispetto alle emissioni veramente misurate. Una realtà mostrata in tutta evidenza dallo scandalo Volkswagen e che desta parecchia preoccupazione in seno all’Agenzia. Anche perché, tra il 2000 e il 2013, la quota di diesel sul totale dell’energia consumata per il trasporto su strada è aumentata notevolmente, a causa degli incentivi finanziari da parte di molti governi europei, finalizzati ad incoraggiare l’adozione di questo tipo di motori (la cosiddetta dieselization, di cui si parla da anni). Una politica che ha, senza dubbio, scoraggiato l’adozione di alternative più green. Il numero di veicoli elettrici, per esempio, è cresciuto di un misero 0,07% sul totale delle autovetture e l’auto resta il mezzo di trasporto in assoluto dominante.

Venendo all’inquinamento acustico, poi, il rumore provocato dal traffico stradale (sia all’interno, sia al di fuori delle aree urbane), è ancora la più importante fonte di rumore ambientale nell’UE. Circa 125 milioni di persone sono state potenzialmente esposte a livelli superiori a 55 dB Lden nel 2012.

Un elemento fondamentale del fenomeno è infine rappresentato dal ruolo della crisi economica. Negli ultimi anni si è infatti verificato un forte calo della domanda di merci e, a seguito di una ripresa limitata, i volumi di trasporto merci, da allora, sono rimasti sostanzialmente stabili (solo nel 2013 il traffico merci è aumentato, occasionalmente, del 7,3% rispetto al 2000), senza perciò che nessuno ne abbia il merito decisionale né politico. Anche se qualcuno ha tentato di fare di necessità virtù.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende