Home » Bollettino Europa »Rubriche » Quindici anni di trasporti europei e una sola certezza: il dominio dell’automobile:

Quindici anni di trasporti europei e una sola certezza: il dominio dell’automobile

gennaio 11, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

In queste settimane in cui la maggioranza delle città è rimasta stretta nella morsa dell’inquinamento atmosferico e delle polveri sottili – tra targhe alterne e blocchi temporanei del traffico - l’Agenzia Europea dell’Ambiente ha pubblicato una ricerca in cui analizza il settore dei trasporti, le tendenze ambientali, gli effetti sul clima e la salute e l’impatto che la tecnologia può avere in questo contesto.

La ricerca dal titolo “Evaluating 15 years of transport and environmental policy integration” parte dalla constatazione che il settore dei trasporti interessa l’ambiente in modi diversi. Dalle emissioni di gas serra (GHG) e di altre sostanze dannose, all’inquinamento acustico – è, infatti, la principale fonte di rumore in città – fino alla frammentazione degli habitat.

Nel documento viene analizzata l’evoluzione del settore dei trasporti (merci e passeggeri) e i suoi impatti sull’ambiente a partire dal 2000, compresi gli effetti della recessione economica nel 2008. Concludendo che una decarbonizzazione del settore dei trasporti è fondamentale, ma richiede non solo soluzioni tecnologiche ma anche politiche che stimolino cambiamenti comportamentali significativi, tra cui la corretta tariffazione delle “esternalità” dei trasporti e approcci di pianificazione che incentivino l’uso di mezzi di trasporto sostenibili.

Veniamo a qualche dato significativo. Le emissioni di gas serra prodotte dai trasporti sono aumentate del 19,4% dal 1990. È l’unico tra i principali settori economici europei in cui questo tipo di inquinamento è aumentato. Nel 2013, inoltre, il trasporto ha rappresentato quasi un quarto del totale delle emissioni di gas serra dell’UE (un quinto se si escludono l’aviazione internazionale e le emissioni marittime). Le autovetture private corrispondono, infine, a quasi il 45% delle emissioni del settore dei trasporti. A questa percentuale bisogna aggiungere un ulteriore 20% rappresentato dei veicoli pesanti.

Per quanto riguarda, invece, altre sostanze, come conseguenza di una normativa UE più restrittiva, le emissioni legate ai trasporti di tre importanti inquinanti atmosferici SOx, NOx e PM sono diminuiti nel periodo 2000-2013. Tuttavia, in particolare per il NOx delle automobili diesel, ma anche per la CO2, vi è una differenza crescente tra misurazioni delle emissioni ‘ufficiali’, rispetto alle emissioni veramente misurate. Una realtà mostrata in tutta evidenza dallo scandalo Volkswagen e che desta parecchia preoccupazione in seno all’Agenzia. Anche perché, tra il 2000 e il 2013, la quota di diesel sul totale dell’energia consumata per il trasporto su strada è aumentata notevolmente, a causa degli incentivi finanziari da parte di molti governi europei, finalizzati ad incoraggiare l’adozione di questo tipo di motori (la cosiddetta dieselization, di cui si parla da anni). Una politica che ha, senza dubbio, scoraggiato l’adozione di alternative più green. Il numero di veicoli elettrici, per esempio, è cresciuto di un misero 0,07% sul totale delle autovetture e l’auto resta il mezzo di trasporto in assoluto dominante.

Venendo all’inquinamento acustico, poi, il rumore provocato dal traffico stradale (sia all’interno, sia al di fuori delle aree urbane), è ancora la più importante fonte di rumore ambientale nell’UE. Circa 125 milioni di persone sono state potenzialmente esposte a livelli superiori a 55 dB Lden nel 2012.

Un elemento fondamentale del fenomeno è infine rappresentato dal ruolo della crisi economica. Negli ultimi anni si è infatti verificato un forte calo della domanda di merci e, a seguito di una ripresa limitata, i volumi di trasporto merci, da allora, sono rimasti sostanzialmente stabili (solo nel 2013 il traffico merci è aumentato, occasionalmente, del 7,3% rispetto al 2000), senza perciò che nessuno ne abbia il merito decisionale né politico. Anche se qualcuno ha tentato di fare di necessità virtù.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

novembre 12, 2020

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

FCA Italy S.p.A., società interamente controllata dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles N.V., ed ENGIE EPS, player tecnologico dell’energy storage e della mobilità elettrica, hanno stipulato un Memorandum d’Intesa per costituire una joint venture che dia vita ad un’azienda leader nel panorama europeo della e-Mobility e che potrà avvalersi delle risorse finanziarie e della consolidata esperienza [...]

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende