Home » Bollettino Europa »Rubriche » Raccolta e riciclo dei rifiuti in UE: i “primi della classe” temono l’armonizzazione del calcolo:

Raccolta e riciclo dei rifiuti in UE: i “primi della classe” temono l’armonizzazione del calcolo

luglio 11, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

In una vera economia circolare i materiali devono essere recuperati e riciclati in maniera appropriata, in modo da poter essere usati in nuovi prodotti. In Europa, gli Stati membri usano tuttavia differenti metodi per calcolare i tassi di recupero nazionali e fare delle comparazioni diventa difficile. In alcuni casi poi questi calcoli sono basati sui rifiuti raccolti e selezionati, non su quelli effettivamente riciclati, e molti di questi, anche se potenzialmente recuperabili, sono inceneriti o mandati in discarica o, ancora, esportati senza una garanzia di un appropriato trattamento.

Alla disomogeneità di metodi internazionali si aggiunge, inoltre, un’ulteriore incognita. La non omogeneizzazione nemmeno tra le diverse regioni dei vari Stati. In Italia, ad esempio, si attende da quasi vent’anni un metodo condiviso, su tutto il territorio nazionale, per misurare le performance di raccolta differenziata. A prevederlo era già il Decreto Ronchi del 1997, ma l’attuazione non è mai arrivata. Il risultato è che non solo non si dispone di dati affidabili in merito al riciclo, ma neanche riguardo alla raccolta differenziata. Ogni regione la calcola a suo modo, e l’unica a sottoporre a certificazione i dati raccolti è oggi la Toscana.

L’industria del riciclo chiede quindi all’Europa un metodo armonizzato per misurare il tasso di riciclo nel processo finale, per promuovere un servizio di qualità, che garantisca e valorizzi il recupero dei materiali. In particolare, i settori della carta, dell’acciaio, dei metalli e della plastica appoggiano la proposta della Commissione di misurare il reale tasso di riciclo in tutti gli Stati Membri. Un passo importante per promuovere non solo il recupero dei materiali, ma garantire che siano inseriti in un processo finale di riciclo.

Ma perché l’enfasi sul processo di riciclo e non più solo sulla fase iniziale di raccolta differenziata? Innanzitutto perché, in questo modo, si promuove il recupero finale dei materiali evitando che questi finiscano inceneriti, in discarica o esportati. Si identifica cioè il punto determinante del processo nel momento in cui il materiale è in grado di sostituire una risorsa primaria: tutti gli attori della filiera devono dare il loro contributo al recupero dei rifiuti non in quanto tale, ma affinché diventino materia prima seconda.

Il calcolo relativo al tasso di riciclo, per quanto logico, sulla base delle direttive di riferimento, ha comunque sollevato discussioni nell’ambito dell’applicazione della nuova legislazione sull’economia circolare. Il nuovo pacchetto, infatti, secondo alcuni operatori del settore, invece di aumentare il tasso di riciclo negli Stati membri, potrebbe avere l’effetto opposto (ma solo in termini di numeri su carta). A ribadirlo sono stati, ad esempio, alcuni esperti presenti alla Energy from Waste Conference di Londra. Si teme cioè, di fatto, che proprio l’armonizzazione dei diversi metodi di calcolo che gli Stati membri adottano per misurare i loro progressi possa scompigliare le “classifiche europee”. Al momento, infatti, gli Stati membri possono scegliere una delle quattro metodologie stabilite dalla Commissione. Il nuovo “pacchetto europeo”, ne prevede una soltanto, che raggruppa carta, metallo plastica, vetro e altri flussi singoli di rifiuti differenziati dalle famiglie. Inoltre, la Commissione ha proposto che per «peso dei rifiuti urbani riciclati si intenda il peso dei rifiuti che entrano nel processo finale di riciclo», ossia dopo la selezione meccanica. Prima, invece, si poteva calcolare il volume di materiale raccolto complessivamente, nel quale si “nascondono” inevitabilmente molti rifiuti non recuperabili.

Il punto è che con l’attuale sistema di calcolo la Germania è attualmente vicina al 64% del tasso di raccolta, l’Austria al 57% e la Svezia al 52%. Con il nuovo sistema, invece, potrebbero scendere tutti sotto il 50%! In pratica, ad alcuni Stati membri “primi della classe” non sembra importare molto la quota di rifiuti che vengono effettivamente rimessi in circolo, quanto piuttosto che la metodologia di calcolo continui a premiarli! Con tanto di benefici negli incentivi e finanziamenti europei.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende