Home » Rubriche »Very Important Planet » Radici nel Cemento: un nuovo album per celebrare il “Movimento lento”:

Radici nel Cemento: un nuovo album per celebrare il “Movimento lento”

novembre 8, 2013 Rubriche, Very Important Planet

La lentezza nel tempo attuale è vista con un’accezione negativa. Quella dettata dalle note dei Radici nel Cemento è una lentezza positiva, meditativa. Movimento Lento” è un elogio alla lentezza in levare. I Radici nel Cemento sono infatti una storica reagge band romana. Il brano è all’interno dell’album 7 uscito lo scorso 14 ottobre. Il gruppo, attivo dal 1993, ha collezionato numerosi tour in Italia e in Europa collaborando con nomi storici della scena reggae giamaicana (da Laurel Aitken a Max Romeo, a Alton Ellis) e italiana (Bunna e Madaski degli Africa Unite e Roy Paci). Se, come si legge nella biografia, «Radici nel Cemento sono una metafora della tradizione e della memoria storica in una società, come la nostra, che dimentica troppo in fretta il suo passato», il gruppo non manca di confrontarsi con l’attualità, anticipando le tendenze: è il nel caso dell’inno alla bici scritto da Radici nel Cemento nel 2009 quando si stava preparando il “cambiamento”, come spiega Giulio Ferrante, voce e basso del gruppo.

D) Mentre si ascolta il singolo “Movimento Lento” vengono alla mente le diverse declinazioni della lentezza, a partire dalla mobilità. La genesi di questa canzone parte anche dalla voglia di muoversi più lentamente, andando a piedi o in bicicletta?

R) È una genesi allargata, l’idea fondamentale di questo pezzo è che la vita di tutti i giorni, soprattutto nelle grandi città, è un correre e rincorrere gli impegni. E’ talmente stressante e totalizzante che alla fine ci si accorge di avere poco tempo per sé stessi e per le cose veramente importanti che determinano la qualità della vita: condividere tempo ed esperienze piacevoli, insieme o da soli. Questa grande contrapposizione tra il tempo frenetico dedicato alle attività necessarie e il pochissimo tempo tempo, è la questione di base da cui è nato il pezzo. La canzone non è altro che un inno alla lentezza e soprattutto alla ricerca della lentezza. La ricerca del tempo e del movimento lento, in una società in cui siamo trasportati dalla frenesia di ogni giorno, ha quasi un’accezione rivoluzionaria. La bici è un simbolo della mobilità che riguarda il “movimento lento” ma non è solo questo. C’è tanto altro.

D) L’aggettivo “lento” viene spesso usato con il termine inglese “slow” in particolar modo quando si parla di cibo. Il “movimento lento” per voi è legato anche all’alimentazione?

R) È un’altra accezione del “movimento lento”. Consumare un pasto in modo frenetico al fast food per avere più tempo, ritengo che sia una delle cose più sbagliate. Al contrario trovo molto salutare, decidere di alzare il livello qualitativo del nutrimento dedicandosi più tempo. In che modo? Cucinare scegliendo antiche ricette che derivino da una cultura, da una tradizione, da una storia, che hanno dei motivi per essere così com’è sono. Mangiando lentamente ci si gode il cibo e ancor di più se si è in compagnia. Vedo il “movimento lento” come una grande scatola capace di contenere queste attività che contrastano con tutto ciò che tende a farci correre: mangiare lentamente, muoversi lentamente in bicicletta, decidere di vedersi con gli amici e passare un po’ di tempi insieme al parco. Queste attività sono anche un’alternativa allo stare sempre connessi alla rete. Su internet si rischia spesso di ritrovarsi a parlare contemporaneamente con sei o sette persone differenti. Ma se alzi gli occhi dallo schermo ti accorgi di essere solo in casa. Ti illudi di condividere qualche cosa ma alla fine stai battendo sui tasti per sentirti presente e sentire la presenza degli altri. Se non c’è la fisicità secondo me si conclude poco.

D) Il reggae aiuta a vivere lentamente?

R) Il reggae dà sicuramente una mano a vivere più lentamente. Siamo molto contenti di aver utilizzato per questa canzone il reggae più vero, quello più roots, più tradizionale. Questo genere secondo noi si adatta benissimo a questo testo. Il nuovo reggae invece, quello da dancehall, tende ad assomigliare un po’ troppo al rap estremo dove c’è la necessità di massima energia, strilli e possibilmente un numero di battiti molto sostenuto. Il reggae suonato, quello tradizionale, rende invece più tranquilli, meno rigidi, più disposti a condividere.

D) Ritornando al tema della bicicletta, come nacque la vostra canzone del 2009?

R) Il pezzo lo scrisse il vecchio cantante che ora non fa più parte del gruppo. Ricordo che fu pensato in contemporanea delle prime esperienze di Critical Mass. In quegli anni eravamo all’inizio della riscoperta della bici. Ma il tema era ancora in una fase “underground”. A quei tempi la bici era un oggetto di rivendicazione che fu fatto proprio da gruppi ristretti. Era la prima volta che qualcuno disse “basta con l’auto, ora mi affido alla bici”. Questo fece scaturire quel percorso lungo il quale furono create le ciclofficine dove si sperimentava la riparazione delle proprie bici. Vennero fuori anche bici dalle forme assurde come quelle esibite in occasione della “Ciemmona” di maggio a Roma. Questo percorso ha riportato la bici ad essere un mezzo di trasporto quotidiano.

D) Secondo te cosa andrebbe fatto per incentivare ancora di pù l’uso della bici?

R) Nel caso di Roma, dove abito, ci vorrebbe una spinta maggiore affinché sia più facile la condivisione della bici e sia agevolato il trasporto della bici sui treni e in metropolitana. Quest’ultima cosa si può fare ma ancora in modo limitato in termini di giorni ed orario. Occorre più attenzione ai pedali. In questo modo, probabilmente la bici prenderebbe ancora più piede. I cambiamenti spesso partono dal basso com’è stato per le due ruote. A questo dovrebbero aggiungersi amministrazioni pubbliche attente che sostengano il cambiamento impegnandosi affinché sia più facile essere ciclisti in una grande città. Occorrerebbe puntare sulle piste ciclabili, sulla sicurezza stradale, sui posteggi sicuri e sull’intermodalità con i mezzi pubblici. Su questo c’è ancora da lavorare.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende