Home » Off the Green »Rubriche » Ragazzi, andate a scuola e poi fate qualcosa per il clima ogni giorno!:

Ragazzi, andate a scuola e poi fate qualcosa per il clima ogni giorno!

marzo 14, 2019 Off the Green, Rubriche

Più giovane di Greta Thunberg ero già iscritto al WWF, poi dal 2009 della green economy ne ho fatto una professione e una pratica nella mia vita e nelle mie scelte quotidiane, da migliorare ogni giorno che passa, senza la presunzione di “essere arrivato a destinazione”, ma con l’umiltà del continuo work in progress per ridurre il proprio impatto ambientale, nella convinzione che si possa fare senza dover vivere come un frate francescano. Credo sia evidente, nel mio piccolo esempio quotidiano (come ne esistono a migliaia, simili e altrettanto silenziosi) quanto io tenga al cambiamento di paradigma dell’attuale modello di sviluppo insostenibile. Ma non è creando le rockstar (Greta, a cui va tutto il mio affetto umano), né trasformando la questione in “folclore” da sciopero, che si ottengono i risultati concreti di cui abbiamo urgenza oggi.

Gli eventi sensazionali e mediatici intorno ai temi climatici e ambientali (sia istituzionali che “dal basso”) non sono certo mancati negli ultimi 10 anni: le COP annuali, i film e i tour de force di Al Gore, le tante edizioni di “M’Illumino di meno“, gli Earth Day, i “Puliamo il mondo” italiani e internazionali, le marce per il clima ecc. ecc. Sono seriamente serviti a qualcosa? Nella migliore delle ipotesi mi verrebbe da rispondere che hanno contribuito a rendere più “cool” i temi ambientali (meglio che niente, per carità), qualche volta hanno “spaventato” più che convinto, ma non hanno determinato né miglioramenti significativi delle condizioni ambientali e climatiche, locali o globali, né hanno influenzato, in maniera determinante, l’azione dei decisori politici di nessun livello.

Che fare dunque? Lasciar perdere il “folclore” appunto (che serve solo a eccitare qualche nuovo “animale politico” affamato di consenso e di “numeri in piazza”) e convincere, perlomeno i manifestanti e tutti coloro che si dichiarano genuinamente sensibili all’ecosostenibilità, che hanno un solo mezzo concreto per smuovere il mercato e i politici: la loro quotidianità, supportata da costanza e coerenza. Quante bottigliette di plastica gireranno, domani, nei cortei di tutto il mondo per dissetare gli attivisti più distratti? Quante ne ho viste sui tavoli di convegni ecologisti in questi 10 anni? Quanti di quei ragazzi – domani euforici per un giorno di gloria tra amici (e lontano dalla scuola) – sapranno rinunciare, nella loro quotidianità, al superfluo? Quanti degli adulti che li accompagneranno sono disponibili a spendere qualche soldo in più, nella loro vita, per comprare abbigliamento o arredamento più caro ma più salubre e a minor impatto ambientale, invece di farsi attrarre dal prezzo negli outlet delle grandi marche? Quanti scelgono il vero biologico dei piccoli produttori per la tavola di ogni giorno, riducendo magari la quantità (per stare nel budget famigliare), ma aumentando la qualità e incentivando una filiera virtuosa? Quanti comprano abitualmente prodotti artigianali nei negozietti di vicinato invece di andare a ingrassare la grande distribuzione e i centri commerciali?  Quanti prendono il treno, la bicicletta o vanno a piedi ogni volta che potrebbero farlo? Potrei continuare con una lista lunghissima di domande retoriche, che rischierebbe però di sembrare esageratamente inquisitoria e arrogante. Sono già riuscito a risultare abbastanza impopolare e a farmi odiare a sufficienza fin qui per andare oltre. Ma il concetto è chiaro e il punto credo fermamente che sia questo.

Ho visto e conosciuto troppi ecologisti inutilmente narcisisti ed esaltati, in questi ultimi 10 anni, e troppi “passanti” dell’ambientalismo che fa fine e non impegna, per poter avere ancora fiducia nell’efficacia di queste manifestazioni.

Ecco quindi il mio consiglio agli studenti: se ci tenete veramente domani partecipate al grande sciopero mondiale, ma dal prossimo venerdì tornate a frequentare la scuola, studiate e difendete l’ambiente nella vostra quotidianità, oggi con piccoli gesti, domani – se avrete la posizione e il potere per farlo – con un’azione concreta e coraggiosa, sia che diventiate dirigenti di un’azienda, impiegati pubblici, insegnanti, sindaci, parlamentari o quant’altro. L’ambiente, il clima e la green economy hanno bisogno di gente seria e preparata, non di cazzari da okkupazione – quegli stessi già visti in azione nel ’68, poi transitati in politica e di cui ben conosciamo, ormai, al di là del “folclore”, l’inconcludenza e incoerenza. Ricordate: gutta cavat lapidem, la goccia scava la roccia, silenziosamente, ma spesso più di una bomba…

Andrea Gandiglio*

*Direttore editoriale Greenews.info, Fondatore di Greengrass Bioedilizia e di Greeneria

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende