Home » Off the Green »Rubriche » Ragazzi, andate a scuola e poi fate qualcosa per il clima ogni giorno!:

Ragazzi, andate a scuola e poi fate qualcosa per il clima ogni giorno!

marzo 14, 2019 Off the Green, Rubriche

Più giovane di Greta Thunberg ero già iscritto al WWF, poi dal 2009 della green economy ne ho fatto una professione e una pratica nella mia vita e nelle mie scelte quotidiane, da migliorare ogni giorno che passa, senza la presunzione di “essere arrivato a destinazione”, ma con l’umiltà del continuo work in progress per ridurre il proprio impatto ambientale, nella convinzione che si possa fare senza dover vivere come un frate francescano. Credo sia evidente, nel mio piccolo esempio quotidiano (come ne esistono a migliaia, simili e altrettanto silenziosi) quanto io tenga al cambiamento di paradigma dell’attuale modello di sviluppo insostenibile. Ma non è creando le rockstar (Greta, a cui va tutto il mio affetto umano), né trasformando la questione in “folclore” da sciopero, che si ottengono i risultati concreti di cui abbiamo urgenza oggi.

Gli eventi sensazionali e mediatici intorno ai temi climatici e ambientali (sia istituzionali che “dal basso”) non sono certo mancati negli ultimi 10 anni: le COP annuali, i film e i tour de force di Al Gore, le tante edizioni di “M’Illumino di meno“, gli Earth Day, i “Puliamo il mondo” italiani e internazionali, le marce per il clima ecc. ecc. Sono seriamente serviti a qualcosa? Nella migliore delle ipotesi mi verrebbe da rispondere che hanno contribuito a rendere più “cool” i temi ambientali (meglio che niente, per carità), qualche volta hanno “spaventato” più che convinto, ma non hanno determinato né miglioramenti significativi delle condizioni ambientali e climatiche, locali o globali, né hanno influenzato, in maniera determinante, l’azione dei decisori politici di nessun livello.

Che fare dunque? Lasciar perdere il “folclore” appunto (che serve solo a eccitare qualche nuovo “animale politico” affamato di consenso e di “numeri in piazza”) e convincere, perlomeno i manifestanti e tutti coloro che si dichiarano genuinamente sensibili all’ecosostenibilità, che hanno un solo mezzo concreto per smuovere il mercato e i politici: la loro quotidianità, supportata da costanza e coerenza. Quante bottigliette di plastica gireranno, domani, nei cortei di tutto il mondo per dissetare gli attivisti più distratti? Quante ne ho viste sui tavoli di convegni ecologisti in questi 10 anni? Quanti di quei ragazzi – domani euforici per un giorno di gloria tra amici (e lontano dalla scuola) – sapranno rinunciare, nella loro quotidianità, al superfluo? Quanti degli adulti che li accompagneranno sono disponibili a spendere qualche soldo in più, nella loro vita, per comprare abbigliamento o arredamento più caro ma più salubre e a minor impatto ambientale, invece di farsi attrarre dal prezzo negli outlet delle grandi marche? Quanti scelgono il vero biologico dei piccoli produttori per la tavola di ogni giorno, riducendo magari la quantità (per stare nel budget famigliare), ma aumentando la qualità e incentivando una filiera virtuosa? Quanti comprano abitualmente prodotti artigianali nei negozietti di vicinato invece di andare a ingrassare la grande distribuzione e i centri commerciali?  Quanti prendono il treno, la bicicletta o vanno a piedi ogni volta che potrebbero farlo? Potrei continuare con una lista lunghissima di domande retoriche, che rischierebbe però di sembrare esageratamente inquisitoria e arrogante. Sono già riuscito a risultare abbastanza impopolare e a farmi odiare a sufficienza fin qui per andare oltre. Ma il concetto è chiaro e il punto credo fermamente che sia questo.

Ho visto e conosciuto troppi ecologisti inutilmente narcisisti ed esaltati, in questi ultimi 10 anni, e troppi “passanti” dell’ambientalismo che fa fine e non impegna, per poter avere ancora fiducia nell’efficacia di queste manifestazioni.

Ecco quindi il mio consiglio agli studenti: se ci tenete veramente domani partecipate al grande sciopero mondiale, ma dal prossimo venerdì tornate a frequentare la scuola, studiate e difendete l’ambiente nella vostra quotidianità, oggi con piccoli gesti, domani – se avrete la posizione e il potere per farlo – con un’azione concreta e coraggiosa, sia che diventiate dirigenti di un’azienda, impiegati pubblici, insegnanti, sindaci, parlamentari o quant’altro. L’ambiente, il clima e la green economy hanno bisogno di gente seria e preparata, non di cazzari da okkupazione – quegli stessi già visti in azione nel ’68, poi transitati in politica e di cui ben conosciamo, ormai, al di là del “folclore”, l’inconcludenza e incoerenza. Ricordate: gutta cavat lapidem, la goccia scava la roccia, silenziosamente, ma spesso più di una bomba…

Andrea Gandiglio*

*Direttore editoriale Greenews.info, Fondatore di Greengrass Bioedilizia e di Greeneria

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende