Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Re.Bi.Co, il reattore che alleggerisce la tassa sui rifiuti e crea energia per aziende e condomini:

Re.Bi.Co, il reattore che alleggerisce la tassa sui rifiuti e crea energia per aziende e condomini

ottobre 16, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Di fronte a Re.Bi.Co., la prima cosa che viene da chiedersi è se non esistesse già. E quando ti dicono di no, ti domandi come nessuno ci abbia pensato prima. Soprattutto ora, che la nuova Legge di Stabilità dovrebbe premiare chi produce meno rifiuti. Il primo impianto a biogas di piccola taglia, modulare e adatto a piccole aziendeproduttrici di scarti”, agricoli e non solo, è stato sviluppato da una start up salernitana, NenviSol. La motivazione è tranchant: “Il mercato non ha mai ritenuto opportuno dare a un piccolo imprenditore la possibilità di produrre energia con le frazioni organiche, perché in questo settore si è sempre puntato a massimizzare i guadagni, in parte per via degli incentivi”, spiega Rossella Priore, 29 anni, responsabile marketing della società creata un anno e mezzo fa insieme a due soci suoi coetanei, Marco Priore e Antonio Bottini. In queste parole sta un diverso approccio al settore e, di conseguenza, al mercato: “Crediamo in un concetto di energia diffusa, prodotta per le proprie attività quotidiane e non con fini speculativi”.

In quest’ottica, continua Rossella, “ci siamo domandati: perché tutte le piccole imprese che producono scarti non possono usarli per avere biogas, e quindi energia elettrica e calore, riducendo allo stesso tempo i rifiuti?”. L’ostacolo, a cui la giovane società di Battipaglia ha cercato di dare una risposta, “era la possibilità fino a quel momento di realizzare solo grandi impianti. Re.Bi.Co., abbreviazione di “Reattore Biologico Compatto”, si basa sempre sulla tecnologia della fermentazione anaerobica, ma trasposta in piccolo, con moduli da 1 Kw”.

Una soluzione a misura di PMI, e adatta per essere personalizzata in base alle necessità delle aziende: “Il primo passo è un sopralluogo per rilevare tutte le peculiarità dell’area, del rifiuto prodotto e da trattare alla potenza che si intende installare”. Possono usufruirne aziende del comparto agro-alimetare (in Italia 6.300 secondo l’Istat), società di ristorazione e catering, mense, alberghi, ristoranti, aziende agricole e zooteniche. “Possono ricavare l’energia necessaria per alimentare una cella frigo o una stalla”. O, ancora, Re.Bi.Co. può essere installato in contesti residenziali come grandi condomini: “Queste realtà potranno indirizzare i propri scarti al sistema di digestione in modo da produrre energia da impiegare o nel proprio ciclo produttivo o da cedere al servizio energetico nazionale, ottenendo allo stesso tempo una diminuzione dei volumi di rifiuto da inviare a trattamento e quindi una riduzione dei costi”. Essendo modulare, l’impianto potrebbe adattarsi bene anche ai bisogni di aziende municipalizzate che si occupino di gestire i rifiuti umidi: “Può essere ipotizzata la realizzazione di una serie di mini isole ecologiche dove stabilizzare frazione organica e utilizzarla per la produzione di energia”. O, ancora, essere affiancato a impianti di depurazione: “Re.Bi.Co. può essere alimentato anche con i fanghi di depurazione, che sono considerati un rifiuto speciale, e dunque molto costosi da smaltire. Nel nostro caso, passerebbero attraverso la digestione anaerobica, e ne uscirebbero disidratati, dunque con un volume molto ridotto e una relativa riduzione dei costi di gestione degli impianti”. Sistemi di piccola scala che potrebbero massimizzare i benefici del biogas azzerandone gli svantaggi, dal cattivo odore all’impatto visivo delle grandi strutture.

Dopo la fase di sviluppo e sperimentazione, durata un anno e mezzo con buoni risultati, la macchina è in questo momento in via di perfezionamento e sarà pronta per il mercato la prossima primavera: “La stiamo migliorando per far sì che la manutenzione non sia un onere per gli utenti”, racconta Rossella. La produzione, per adesso, è affidata a una ditta esterna: “Ci piacerebbe farla in proprio, ma inspiegabilmente in Italia si è deciso che l’industrializzazione non è più una priorità. Abbiamo tentato, ma ci siamo trovati di fronte a problemi burocratici, connessi soprattutto alla scarsa considerazione della capacità lavorativa italiana: dare lavoro in Italia non è semplice”. Nel frattempo, i tre soci si stanno dedicando anche ad altri progetti sempre nel settore dei rifiuti, con soluzioni pensate per la gestione di quelli speciali e pericolosi, come i rifiuti di origine ospedaliera.

NenviSol ha ottenuto il riconoscimento come migliore azienda giovane votata dal pubblico nel premio “Best Practices” della Confindustria di Salerno. Ma quanto è difficile, in concreto, fare innovazione al Sud? “In realtà, l’idea che qui innovare sia più complicato è un luogo comune. Nel Meridione c’è un’attenzione particolare al problema ambientale, incontro ogni giorno colleghi che lavorano in questo campo: abbiamo molto materiale da cui partire”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende