Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Re.Bi.Co, il reattore che alleggerisce la tassa sui rifiuti e crea energia per aziende e condomini:

Re.Bi.Co, il reattore che alleggerisce la tassa sui rifiuti e crea energia per aziende e condomini

ottobre 16, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Di fronte a Re.Bi.Co., la prima cosa che viene da chiedersi è se non esistesse già. E quando ti dicono di no, ti domandi come nessuno ci abbia pensato prima. Soprattutto ora, che la nuova Legge di Stabilità dovrebbe premiare chi produce meno rifiuti. Il primo impianto a biogas di piccola taglia, modulare e adatto a piccole aziendeproduttrici di scarti”, agricoli e non solo, è stato sviluppato da una start up salernitana, NenviSol. La motivazione è tranchant: “Il mercato non ha mai ritenuto opportuno dare a un piccolo imprenditore la possibilità di produrre energia con le frazioni organiche, perché in questo settore si è sempre puntato a massimizzare i guadagni, in parte per via degli incentivi”, spiega Rossella Priore, 29 anni, responsabile marketing della società creata un anno e mezzo fa insieme a due soci suoi coetanei, Marco Priore e Antonio Bottini. In queste parole sta un diverso approccio al settore e, di conseguenza, al mercato: “Crediamo in un concetto di energia diffusa, prodotta per le proprie attività quotidiane e non con fini speculativi”.

In quest’ottica, continua Rossella, “ci siamo domandati: perché tutte le piccole imprese che producono scarti non possono usarli per avere biogas, e quindi energia elettrica e calore, riducendo allo stesso tempo i rifiuti?”. L’ostacolo, a cui la giovane società di Battipaglia ha cercato di dare una risposta, “era la possibilità fino a quel momento di realizzare solo grandi impianti. Re.Bi.Co., abbreviazione di “Reattore Biologico Compatto”, si basa sempre sulla tecnologia della fermentazione anaerobica, ma trasposta in piccolo, con moduli da 1 Kw”.

Una soluzione a misura di PMI, e adatta per essere personalizzata in base alle necessità delle aziende: “Il primo passo è un sopralluogo per rilevare tutte le peculiarità dell’area, del rifiuto prodotto e da trattare alla potenza che si intende installare”. Possono usufruirne aziende del comparto agro-alimetare (in Italia 6.300 secondo l’Istat), società di ristorazione e catering, mense, alberghi, ristoranti, aziende agricole e zooteniche. “Possono ricavare l’energia necessaria per alimentare una cella frigo o una stalla”. O, ancora, Re.Bi.Co. può essere installato in contesti residenziali come grandi condomini: “Queste realtà potranno indirizzare i propri scarti al sistema di digestione in modo da produrre energia da impiegare o nel proprio ciclo produttivo o da cedere al servizio energetico nazionale, ottenendo allo stesso tempo una diminuzione dei volumi di rifiuto da inviare a trattamento e quindi una riduzione dei costi”. Essendo modulare, l’impianto potrebbe adattarsi bene anche ai bisogni di aziende municipalizzate che si occupino di gestire i rifiuti umidi: “Può essere ipotizzata la realizzazione di una serie di mini isole ecologiche dove stabilizzare frazione organica e utilizzarla per la produzione di energia”. O, ancora, essere affiancato a impianti di depurazione: “Re.Bi.Co. può essere alimentato anche con i fanghi di depurazione, che sono considerati un rifiuto speciale, e dunque molto costosi da smaltire. Nel nostro caso, passerebbero attraverso la digestione anaerobica, e ne uscirebbero disidratati, dunque con un volume molto ridotto e una relativa riduzione dei costi di gestione degli impianti”. Sistemi di piccola scala che potrebbero massimizzare i benefici del biogas azzerandone gli svantaggi, dal cattivo odore all’impatto visivo delle grandi strutture.

Dopo la fase di sviluppo e sperimentazione, durata un anno e mezzo con buoni risultati, la macchina è in questo momento in via di perfezionamento e sarà pronta per il mercato la prossima primavera: “La stiamo migliorando per far sì che la manutenzione non sia un onere per gli utenti”, racconta Rossella. La produzione, per adesso, è affidata a una ditta esterna: “Ci piacerebbe farla in proprio, ma inspiegabilmente in Italia si è deciso che l’industrializzazione non è più una priorità. Abbiamo tentato, ma ci siamo trovati di fronte a problemi burocratici, connessi soprattutto alla scarsa considerazione della capacità lavorativa italiana: dare lavoro in Italia non è semplice”. Nel frattempo, i tre soci si stanno dedicando anche ad altri progetti sempre nel settore dei rifiuti, con soluzioni pensate per la gestione di quelli speciali e pericolosi, come i rifiuti di origine ospedaliera.

NenviSol ha ottenuto il riconoscimento come migliore azienda giovane votata dal pubblico nel premio “Best Practices” della Confindustria di Salerno. Ma quanto è difficile, in concreto, fare innovazione al Sud? “In realtà, l’idea che qui innovare sia più complicato è un luogo comune. Nel Meridione c’è un’attenzione particolare al problema ambientale, incontro ogni giorno colleghi che lavorano in questo campo: abbiamo molto materiale da cui partire”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende