Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Re.Bi.Co, il reattore che alleggerisce la tassa sui rifiuti e crea energia per aziende e condomini:

Re.Bi.Co, il reattore che alleggerisce la tassa sui rifiuti e crea energia per aziende e condomini

ottobre 16, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Di fronte a Re.Bi.Co., la prima cosa che viene da chiedersi è se non esistesse già. E quando ti dicono di no, ti domandi come nessuno ci abbia pensato prima. Soprattutto ora, che la nuova Legge di Stabilità dovrebbe premiare chi produce meno rifiuti. Il primo impianto a biogas di piccola taglia, modulare e adatto a piccole aziendeproduttrici di scarti”, agricoli e non solo, è stato sviluppato da una start up salernitana, NenviSol. La motivazione è tranchant: “Il mercato non ha mai ritenuto opportuno dare a un piccolo imprenditore la possibilità di produrre energia con le frazioni organiche, perché in questo settore si è sempre puntato a massimizzare i guadagni, in parte per via degli incentivi”, spiega Rossella Priore, 29 anni, responsabile marketing della società creata un anno e mezzo fa insieme a due soci suoi coetanei, Marco Priore e Antonio Bottini. In queste parole sta un diverso approccio al settore e, di conseguenza, al mercato: “Crediamo in un concetto di energia diffusa, prodotta per le proprie attività quotidiane e non con fini speculativi”.

In quest’ottica, continua Rossella, “ci siamo domandati: perché tutte le piccole imprese che producono scarti non possono usarli per avere biogas, e quindi energia elettrica e calore, riducendo allo stesso tempo i rifiuti?”. L’ostacolo, a cui la giovane società di Battipaglia ha cercato di dare una risposta, “era la possibilità fino a quel momento di realizzare solo grandi impianti. Re.Bi.Co., abbreviazione di “Reattore Biologico Compatto”, si basa sempre sulla tecnologia della fermentazione anaerobica, ma trasposta in piccolo, con moduli da 1 Kw”.

Una soluzione a misura di PMI, e adatta per essere personalizzata in base alle necessità delle aziende: “Il primo passo è un sopralluogo per rilevare tutte le peculiarità dell’area, del rifiuto prodotto e da trattare alla potenza che si intende installare”. Possono usufruirne aziende del comparto agro-alimetare (in Italia 6.300 secondo l’Istat), società di ristorazione e catering, mense, alberghi, ristoranti, aziende agricole e zooteniche. “Possono ricavare l’energia necessaria per alimentare una cella frigo o una stalla”. O, ancora, Re.Bi.Co. può essere installato in contesti residenziali come grandi condomini: “Queste realtà potranno indirizzare i propri scarti al sistema di digestione in modo da produrre energia da impiegare o nel proprio ciclo produttivo o da cedere al servizio energetico nazionale, ottenendo allo stesso tempo una diminuzione dei volumi di rifiuto da inviare a trattamento e quindi una riduzione dei costi”. Essendo modulare, l’impianto potrebbe adattarsi bene anche ai bisogni di aziende municipalizzate che si occupino di gestire i rifiuti umidi: “Può essere ipotizzata la realizzazione di una serie di mini isole ecologiche dove stabilizzare frazione organica e utilizzarla per la produzione di energia”. O, ancora, essere affiancato a impianti di depurazione: “Re.Bi.Co. può essere alimentato anche con i fanghi di depurazione, che sono considerati un rifiuto speciale, e dunque molto costosi da smaltire. Nel nostro caso, passerebbero attraverso la digestione anaerobica, e ne uscirebbero disidratati, dunque con un volume molto ridotto e una relativa riduzione dei costi di gestione degli impianti”. Sistemi di piccola scala che potrebbero massimizzare i benefici del biogas azzerandone gli svantaggi, dal cattivo odore all’impatto visivo delle grandi strutture.

Dopo la fase di sviluppo e sperimentazione, durata un anno e mezzo con buoni risultati, la macchina è in questo momento in via di perfezionamento e sarà pronta per il mercato la prossima primavera: “La stiamo migliorando per far sì che la manutenzione non sia un onere per gli utenti”, racconta Rossella. La produzione, per adesso, è affidata a una ditta esterna: “Ci piacerebbe farla in proprio, ma inspiegabilmente in Italia si è deciso che l’industrializzazione non è più una priorità. Abbiamo tentato, ma ci siamo trovati di fronte a problemi burocratici, connessi soprattutto alla scarsa considerazione della capacità lavorativa italiana: dare lavoro in Italia non è semplice”. Nel frattempo, i tre soci si stanno dedicando anche ad altri progetti sempre nel settore dei rifiuti, con soluzioni pensate per la gestione di quelli speciali e pericolosi, come i rifiuti di origine ospedaliera.

NenviSol ha ottenuto il riconoscimento come migliore azienda giovane votata dal pubblico nel premio “Best Practices” della Confindustria di Salerno. Ma quanto è difficile, in concreto, fare innovazione al Sud? “In realtà, l’idea che qui innovare sia più complicato è un luogo comune. Nel Meridione c’è un’attenzione particolare al problema ambientale, incontro ogni giorno colleghi che lavorano in questo campo: abbiamo molto materiale da cui partire”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende