Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Re.Bi.Co, il reattore che alleggerisce la tassa sui rifiuti e crea energia per aziende e condomini:

Re.Bi.Co, il reattore che alleggerisce la tassa sui rifiuti e crea energia per aziende e condomini

ottobre 16, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Di fronte a Re.Bi.Co., la prima cosa che viene da chiedersi è se non esistesse già. E quando ti dicono di no, ti domandi come nessuno ci abbia pensato prima. Soprattutto ora, che la nuova Legge di Stabilità dovrebbe premiare chi produce meno rifiuti. Il primo impianto a biogas di piccola taglia, modulare e adatto a piccole aziendeproduttrici di scarti”, agricoli e non solo, è stato sviluppato da una start up salernitana, NenviSol. La motivazione è tranchant: “Il mercato non ha mai ritenuto opportuno dare a un piccolo imprenditore la possibilità di produrre energia con le frazioni organiche, perché in questo settore si è sempre puntato a massimizzare i guadagni, in parte per via degli incentivi”, spiega Rossella Priore, 29 anni, responsabile marketing della società creata un anno e mezzo fa insieme a due soci suoi coetanei, Marco Priore e Antonio Bottini. In queste parole sta un diverso approccio al settore e, di conseguenza, al mercato: “Crediamo in un concetto di energia diffusa, prodotta per le proprie attività quotidiane e non con fini speculativi”.

In quest’ottica, continua Rossella, “ci siamo domandati: perché tutte le piccole imprese che producono scarti non possono usarli per avere biogas, e quindi energia elettrica e calore, riducendo allo stesso tempo i rifiuti?”. L’ostacolo, a cui la giovane società di Battipaglia ha cercato di dare una risposta, “era la possibilità fino a quel momento di realizzare solo grandi impianti. Re.Bi.Co., abbreviazione di “Reattore Biologico Compatto”, si basa sempre sulla tecnologia della fermentazione anaerobica, ma trasposta in piccolo, con moduli da 1 Kw”.

Una soluzione a misura di PMI, e adatta per essere personalizzata in base alle necessità delle aziende: “Il primo passo è un sopralluogo per rilevare tutte le peculiarità dell’area, del rifiuto prodotto e da trattare alla potenza che si intende installare”. Possono usufruirne aziende del comparto agro-alimetare (in Italia 6.300 secondo l’Istat), società di ristorazione e catering, mense, alberghi, ristoranti, aziende agricole e zooteniche. “Possono ricavare l’energia necessaria per alimentare una cella frigo o una stalla”. O, ancora, Re.Bi.Co. può essere installato in contesti residenziali come grandi condomini: “Queste realtà potranno indirizzare i propri scarti al sistema di digestione in modo da produrre energia da impiegare o nel proprio ciclo produttivo o da cedere al servizio energetico nazionale, ottenendo allo stesso tempo una diminuzione dei volumi di rifiuto da inviare a trattamento e quindi una riduzione dei costi”. Essendo modulare, l’impianto potrebbe adattarsi bene anche ai bisogni di aziende municipalizzate che si occupino di gestire i rifiuti umidi: “Può essere ipotizzata la realizzazione di una serie di mini isole ecologiche dove stabilizzare frazione organica e utilizzarla per la produzione di energia”. O, ancora, essere affiancato a impianti di depurazione: “Re.Bi.Co. può essere alimentato anche con i fanghi di depurazione, che sono considerati un rifiuto speciale, e dunque molto costosi da smaltire. Nel nostro caso, passerebbero attraverso la digestione anaerobica, e ne uscirebbero disidratati, dunque con un volume molto ridotto e una relativa riduzione dei costi di gestione degli impianti”. Sistemi di piccola scala che potrebbero massimizzare i benefici del biogas azzerandone gli svantaggi, dal cattivo odore all’impatto visivo delle grandi strutture.

Dopo la fase di sviluppo e sperimentazione, durata un anno e mezzo con buoni risultati, la macchina è in questo momento in via di perfezionamento e sarà pronta per il mercato la prossima primavera: “La stiamo migliorando per far sì che la manutenzione non sia un onere per gli utenti”, racconta Rossella. La produzione, per adesso, è affidata a una ditta esterna: “Ci piacerebbe farla in proprio, ma inspiegabilmente in Italia si è deciso che l’industrializzazione non è più una priorità. Abbiamo tentato, ma ci siamo trovati di fronte a problemi burocratici, connessi soprattutto alla scarsa considerazione della capacità lavorativa italiana: dare lavoro in Italia non è semplice”. Nel frattempo, i tre soci si stanno dedicando anche ad altri progetti sempre nel settore dei rifiuti, con soluzioni pensate per la gestione di quelli speciali e pericolosi, come i rifiuti di origine ospedaliera.

NenviSol ha ottenuto il riconoscimento come migliore azienda giovane votata dal pubblico nel premio “Best Practices” della Confindustria di Salerno. Ma quanto è difficile, in concreto, fare innovazione al Sud? “In realtà, l’idea che qui innovare sia più complicato è un luogo comune. Nel Meridione c’è un’attenzione particolare al problema ambientale, incontro ogni giorno colleghi che lavorano in questo campo: abbiamo molto materiale da cui partire”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende