Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Rebirth House: come essere “diversamente occupati” a casa propria:

Rebirth House: come essere “diversamente occupati” a casa propria

luglio 2, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Raramente le evoluzioni sociali avvengono all’improvviso, e tanto meno sono all’inizio fenomeni di massa. Come nelle esplorazioni, c’è bisogno di qualcuno – magari meno conformista, più coraggioso e un po’ incosciente – che sperimenti per primo modi diversi di vivere, lavorare, relazionarsi. Anche nel percorso che ci sta portando (forse sarebbe corretto aggiungere: inevitabilmente) verso uno stile di vita glocal, improntato a un uso più efficiente delle risorse e all’autoproduzione (di cibo, di energia, di beni) c’è chi ci è arrivato prima e ora prova a “contagiare” gli altri. Alberto Guggino è tra questi: ex informatico volontario in una Onlus, ex manager in una multinazionale del settore automotive, ex ristorato a Km. Zero e oggi, per usare le sue parole, “diversamente occupato della green economy alla ricerca dell’autonomia energetica e alimentare per la mia famiglia con un progetto di permacoltura e Casa Passiva”.

Per raccontare la sua storia, esempio di come l’idea della sostenibilità possa far evolvere la vita personale e lavorativa verso un maggior equilibrio con l’ambiente e il territorio, si può partire dalla fine. Quando cioè nel 2012, di fronte a una crisi economica che non promette niente di buono, Alberto decide di chiudere la sua osteria e di dedicarsi a finire un progetto concepito qualche anno prima, la Rebirth House: “Se faccio una casa priva di bollette e che rispetta l’ambiente, mi sono detto, ho un pezzo di pensione per il futuro. In questo senso, la Casa Passiva cambia il concetto di casa: non più un costo, legato a bollette altissime e a un mutuo, ma qualcosa che produce reddito, e persino un lavoro”. La casa della rinascita è un casale a Mombello di Torino, vicino a Chieri, ristrutturato secondo i principi della bioedilizia e del non-spreco: “Il cappotto è in calce, fibra di legno e cellulosa, il tetto è isolato con fibre di legno. L’energia elettrica arriva dai pannelli fotovoltaici, l’acqua calda da solare termico e stufa. Recuperiamo l’acqua piovana. La casa non consuma petrolio e suoi derivati”. Alla sostenibilità e all’attenzione ai dettagli – “solo così funziona una casa passiva” – si è aggiunta l’oculatezza, intesa come valore positivo: “Abbiamo ragionato in decrescita: la casa è progettata in modo tale da sapere bene cosa ci serve, non nell’ottica dell’abbondanza e dell’approssimazione tipica del passato. Per questo anche i materiali costruttivi sono stati dosati per evitare rimanenze e scarti”.

Oggi Alberto vive nella Rebirth House, premiata l’anno scorso dall’Ordine degli Architetti di Torino nell’ambito del concorso “Architetture rivelate“, con la moglie e i due figli: si dedica a studiare, diffondere il suo progetto, si occupa della madre anziana e lavora per produrre il cibo per la famiglia nell’orto e nel frutteto. “Il lavoro è ciò che produce reddito e non crea spese: in questo senso mi considero diversamente occupato. Oggi viviamo con il solo stipendio di mia moglie: una situazione che non ci fa fare sacrifici, ma piuttosto delle scelte”.

Il rapporto di Guggino con il cibo non è iniziato negli ultimi anni: dal 2005 al 2012 è stato il ristoratore di Casa Casellae, un’osteria con cucina a base di prodotti biologici del territorio, diventata ben presto anche luogo di cultura e formazione al mangiare sano e giusto. “L’idea era nata in contrapposizione alla delocalizzazione con cui mi ero trovato a fare i conti quando ero manager”. Nella multinazionale per cui ha lavorato per dieci anni, nell’ultima fase Alberto si era dovuto occupare di ridurre i costi spostando gli stabilimenti all’estero. “Questo innescò in me una serie di riflessioni sul sistema economico: con queste operazioni, gli operai mandati a casa non erano più in grado di comprare quello che producevano. Delocalizzando, poi, si perdevano lavoratori molto competenti e i rapporti con le aziende specializzate della filiera. Com’era possibile che, dopo queste operazioni, in borsa le azioni dell’azienda valessero di più, anche se l’azienda aveva perso il suo valore reale, costituito appunto dalle relazioni di distretto e dalla grande ricchezza data dalle risorse umane?”.

Di fronte a “un modello di sviluppo che puntava all’autodistruzione”, Guggino cerca di trovare una via d’uscita: “Ho provato a fare colloqui con vari cacciatori di teste, ma ho capito che le imprese stavano cercando un profilo che non mi corrispondeva: le aziende volevano dei leader, non persone in grado di lavorare in gruppo. Non parlavano mai di programmazione partecipata e condivisione”. Concetti invece cari ad Alberto, che partendo da quei principi sperimentati durante i sette anni di volontariato in un’associazione, aveva impostato il suo lavoro di addetto alla riduzione dei costi: “Inizialmente si trattava di rendere il lavoro più efficiente valorizzando le persone e le loro competenze. Nel 2002 riuscii a tagliare gli sprechi senza lasciare a casa nessun lavoratore, passando da 9 milioni di perdite a 2 milioni di utili. Ero abituato: nella onlus tutti i giorni dovevo fare tanto con poche risorse”. E la storia della Rebirth House non inizia qualche anno fa con l’apertura – e poi la chiusura – del cantiere di ristrutturazione, ma molto prima, con una sommatoria di scelte che oggi appaiono un po’ meno in controtendenza di allora. Qualcuno che apre la strada ci vuole e oggi, dice Guggino, “spero che il progetto della mia casa, aperta a tutti per le visite, si diffonda come un virus”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende