Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Rebirth House: come essere “diversamente occupati” a casa propria:

Rebirth House: come essere “diversamente occupati” a casa propria

luglio 2, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Raramente le evoluzioni sociali avvengono all’improvviso, e tanto meno sono all’inizio fenomeni di massa. Come nelle esplorazioni, c’è bisogno di qualcuno – magari meno conformista, più coraggioso e un po’ incosciente – che sperimenti per primo modi diversi di vivere, lavorare, relazionarsi. Anche nel percorso che ci sta portando (forse sarebbe corretto aggiungere: inevitabilmente) verso uno stile di vita glocal, improntato a un uso più efficiente delle risorse e all’autoproduzione (di cibo, di energia, di beni) c’è chi ci è arrivato prima e ora prova a “contagiare” gli altri. Alberto Guggino è tra questi: ex informatico volontario in una Onlus, ex manager in una multinazionale del settore automotive, ex ristorato a Km. Zero e oggi, per usare le sue parole, “diversamente occupato della green economy alla ricerca dell’autonomia energetica e alimentare per la mia famiglia con un progetto di permacoltura e Casa Passiva”.

Per raccontare la sua storia, esempio di come l’idea della sostenibilità possa far evolvere la vita personale e lavorativa verso un maggior equilibrio con l’ambiente e il territorio, si può partire dalla fine. Quando cioè nel 2012, di fronte a una crisi economica che non promette niente di buono, Alberto decide di chiudere la sua osteria e di dedicarsi a finire un progetto concepito qualche anno prima, la Rebirth House: “Se faccio una casa priva di bollette e che rispetta l’ambiente, mi sono detto, ho un pezzo di pensione per il futuro. In questo senso, la Casa Passiva cambia il concetto di casa: non più un costo, legato a bollette altissime e a un mutuo, ma qualcosa che produce reddito, e persino un lavoro”. La casa della rinascita è un casale a Mombello di Torino, vicino a Chieri, ristrutturato secondo i principi della bioedilizia e del non-spreco: “Il cappotto è in calce, fibra di legno e cellulosa, il tetto è isolato con fibre di legno. L’energia elettrica arriva dai pannelli fotovoltaici, l’acqua calda da solare termico e stufa. Recuperiamo l’acqua piovana. La casa non consuma petrolio e suoi derivati”. Alla sostenibilità e all’attenzione ai dettagli – “solo così funziona una casa passiva” – si è aggiunta l’oculatezza, intesa come valore positivo: “Abbiamo ragionato in decrescita: la casa è progettata in modo tale da sapere bene cosa ci serve, non nell’ottica dell’abbondanza e dell’approssimazione tipica del passato. Per questo anche i materiali costruttivi sono stati dosati per evitare rimanenze e scarti”.

Oggi Alberto vive nella Rebirth House, premiata l’anno scorso dall’Ordine degli Architetti di Torino nell’ambito del concorso “Architetture rivelate“, con la moglie e i due figli: si dedica a studiare, diffondere il suo progetto, si occupa della madre anziana e lavora per produrre il cibo per la famiglia nell’orto e nel frutteto. “Il lavoro è ciò che produce reddito e non crea spese: in questo senso mi considero diversamente occupato. Oggi viviamo con il solo stipendio di mia moglie: una situazione che non ci fa fare sacrifici, ma piuttosto delle scelte”.

Il rapporto di Guggino con il cibo non è iniziato negli ultimi anni: dal 2005 al 2012 è stato il ristoratore di Casa Casellae, un’osteria con cucina a base di prodotti biologici del territorio, diventata ben presto anche luogo di cultura e formazione al mangiare sano e giusto. “L’idea era nata in contrapposizione alla delocalizzazione con cui mi ero trovato a fare i conti quando ero manager”. Nella multinazionale per cui ha lavorato per dieci anni, nell’ultima fase Alberto si era dovuto occupare di ridurre i costi spostando gli stabilimenti all’estero. “Questo innescò in me una serie di riflessioni sul sistema economico: con queste operazioni, gli operai mandati a casa non erano più in grado di comprare quello che producevano. Delocalizzando, poi, si perdevano lavoratori molto competenti e i rapporti con le aziende specializzate della filiera. Com’era possibile che, dopo queste operazioni, in borsa le azioni dell’azienda valessero di più, anche se l’azienda aveva perso il suo valore reale, costituito appunto dalle relazioni di distretto e dalla grande ricchezza data dalle risorse umane?”.

Di fronte a “un modello di sviluppo che puntava all’autodistruzione”, Guggino cerca di trovare una via d’uscita: “Ho provato a fare colloqui con vari cacciatori di teste, ma ho capito che le imprese stavano cercando un profilo che non mi corrispondeva: le aziende volevano dei leader, non persone in grado di lavorare in gruppo. Non parlavano mai di programmazione partecipata e condivisione”. Concetti invece cari ad Alberto, che partendo da quei principi sperimentati durante i sette anni di volontariato in un’associazione, aveva impostato il suo lavoro di addetto alla riduzione dei costi: “Inizialmente si trattava di rendere il lavoro più efficiente valorizzando le persone e le loro competenze. Nel 2002 riuscii a tagliare gli sprechi senza lasciare a casa nessun lavoratore, passando da 9 milioni di perdite a 2 milioni di utili. Ero abituato: nella onlus tutti i giorni dovevo fare tanto con poche risorse”. E la storia della Rebirth House non inizia qualche anno fa con l’apertura – e poi la chiusura – del cantiere di ristrutturazione, ma molto prima, con una sommatoria di scelte che oggi appaiono un po’ meno in controtendenza di allora. Qualcuno che apre la strada ci vuole e oggi, dice Guggino, “spero che il progetto della mia casa, aperta a tutti per le visite, si diffonda come un virus”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende