Home » Campioni d'Italia »Rubriche » ReBOX, le “doggy bag” per cibo e vino che ti tolgono dall’imbarazzo:

ReBOX, le “doggy bag” per cibo e vino che ti tolgono dall’imbarazzo

gennaio 17, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Metti una sera fuori casa, un locale accogliente, ottimo cibo, la giusta compagnia – ma astemia (o quasi). L’idea di gustare un buon bicchiere di vino, a questo punto, può evaporare, perché non tutti sono disponibili “al calice”. Spendere soldi per una buona bottiglia con il rischio di lasciarla a metà sul tavolo può dispiacere e, alla fine, si rinuncia. E’ questa la scena che ha ispirato l’imprenditore Marco Lei nella progettazione di reWINE: “l’esperienza è stata  vissuta con mia moglie, che beve solo due dita di vino”. Ecco allora (come recita il claim aziendale) “il contenitore che ti permette di portare a casa, in maniera elegante, moderna e discreta, la bottiglia di vino aperta ma non terminata“.

La creatività di Marco nasce da esperienze familiari anche nel caso di reFOOD, l’altro prodotto di reBOX – l’azienda che gestisce con la moglie Daniela Demasi ed il socio Paolo Caimi a Nichelino, in provincia di Torino. “Lo stimolo è arrivato da nostro figlio che, a 9 anni, al ristorante lasciava spesso pieno il piatto. Eravamo esasperati da questa situazione e in un ristorante messicano, per assurdo, è nata l’idea di una doggy bag all’italiana“. Ovvero con un tocco di design e creatività, perché culturalmente noi Italiani abbiamo bisogno anche della forma, oltre alla sostanza, e non ce la sentiamo proprio di tornare a casa dal ristorante con le vaschette di alluminio dentro il tristissimo sacchetto di plastica. “Il nostro ragionamento è stato semplice:  perché in Italia la doggy bag non funziona? Ci siamo dati questa risposta: i ristoratori non offrono il servizio perché manca il prodotto idoneo. La vaschetta ‘fa barbone’, ci si vergogna. Abbiamo scoperto che il 60% dei clienti sarebbe disposto a chiederlo, ma deve essere bello da vedere, elegante“.

Nel novembre del 2015 i tre soci di Malvida Srl partono con la ricerca, lo studio, i primi test con i consumatori e la collaborazione con lo IESCUM (Istituto Europeo per lo Studio del Comportamento Umano), dipartimento dello IULM di Milano dedicato al nudging, ovvero allo studio di come far cambiare i comportamenti alla gente in modo non coercitivo. La startup torinese vuole provare a convincere le persone in modo intelligente, senza dover per forza utilizzare i discorsi sullo spreco alimentare, giustissimi e nobili ma non sempre efficaci nella pratica. Per essere pragmatici meglio l’escamotage del reFOOD “‘d’artista”, un contenitore che Marco e Daniela definiscono: “comodo, pratico, colorato, ecologico, etico“. E soprattutto disponibile per i ristoratori in forma continuativa e non solo per campagne spot occasionali, che fanno molto social ma non risolvono il problema.

ReBOX è così entrato nei ristoranti, prima singolarmente, con un’azione porta a porta, e poi, in maniera più massiccia, “grazie anche ad una partnership con Ticket Restaurant che ci ha aperto altre porte. Prima delle festività natalizie ci hanno proposto di mandare una comunicazione alle aziende loro clienti sullo spreco durante i pranzi e le cene aziendali di Natale. Un tentativo con buoni risultati: si è andati oltre le festività ed è già sbocciato  l’interesse per tutto l’anno. Al meeting aziendale ora si può dunque mettere a disposizione dei dipendenti la reFOOD o la reWINE, anche personalizzata con il proprio brand”. ”Puntiamo inoltre sui matrimoni – aggiunge Marco – poi al lavoro di divulgazione nelle scuole, con il coinvolgimento attivo degli studenti anche nella creazione artistica”. Il progetto coinvolge infine i Comuni, come quello di Ravenna, che ha comprato 10.000 reFOOD personalizzate, distribuite durante gli eventi estivi del 2017.

Un modo “cool” e molto “green” di contribuire attivamente a ridurre la piaga dello spreco alimentare – e di conseguenza le emissioni e l’inquinamento. Il contenitore, per altro, è in cartone riciclato e riciclabile, e permette di conservare il cibo risparmiato in frigo o di infornarlo direttamente nel microonde. Per il 2018 è allo studio una collaborazione con Favini (altro “Campione d’Italia” intervistato recentemente da Greenews.info), produttore di carte che derivano, a loro volta, dagli scarti della produzione agricola.

Il modello di business di reBOX (pluripremiato e oggetto di un’incubazione da parte di Social Fare) va oltre la mera vendita di “scatole” ai ristoratori e punta sulla creazione di progetti strutturati, che coinvolgano tutti i soggetti impegnati nella lotta allo spreco, con una valenza formativa e attraverso contest tra ristoranti e giochi didattici per i bambini.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende