Home » Campioni d'Italia »Rubriche » ReBOX, le “doggy bag” per cibo e vino che ti tolgono dall’imbarazzo:

ReBOX, le “doggy bag” per cibo e vino che ti tolgono dall’imbarazzo

gennaio 17, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Metti una sera fuori casa, un locale accogliente, ottimo cibo, la giusta compagnia – ma astemia (o quasi). L’idea di gustare un buon bicchiere di vino, a questo punto, può evaporare, perché non tutti sono disponibili “al calice”. Spendere soldi per una buona bottiglia con il rischio di lasciarla a metà sul tavolo può dispiacere e, alla fine, si rinuncia. E’ questa la scena che ha ispirato l’imprenditore Marco Lei nella progettazione di reWINE: “l’esperienza è stata  vissuta con mia moglie, che beve solo due dita di vino”. Ecco allora (come recita il claim aziendale) “il contenitore che ti permette di portare a casa, in maniera elegante, moderna e discreta, la bottiglia di vino aperta ma non terminata“.

La creatività di Marco nasce da esperienze familiari anche nel caso di reFOOD, l’altro prodotto di reBOX – l’azienda che gestisce con la moglie Daniela Demasi ed il socio Paolo Caimi a Nichelino, in provincia di Torino. “Lo stimolo è arrivato da nostro figlio che, a 9 anni, al ristorante lasciava spesso pieno il piatto. Eravamo esasperati da questa situazione e in un ristorante messicano, per assurdo, è nata l’idea di una doggy bag all’italiana“. Ovvero con un tocco di design e creatività, perché culturalmente noi Italiani abbiamo bisogno anche della forma, oltre alla sostanza, e non ce la sentiamo proprio di tornare a casa dal ristorante con le vaschette di alluminio dentro il tristissimo sacchetto di plastica. “Il nostro ragionamento è stato semplice:  perché in Italia la doggy bag non funziona? Ci siamo dati questa risposta: i ristoratori non offrono il servizio perché manca il prodotto idoneo. La vaschetta ‘fa barbone’, ci si vergogna. Abbiamo scoperto che il 60% dei clienti sarebbe disposto a chiederlo, ma deve essere bello da vedere, elegante“.

Nel novembre del 2015 i tre soci di Malvida Srl partono con la ricerca, lo studio, i primi test con i consumatori e la collaborazione con lo IESCUM (Istituto Europeo per lo Studio del Comportamento Umano), dipartimento dello IULM di Milano dedicato al nudging, ovvero allo studio di come far cambiare i comportamenti alla gente in modo non coercitivo. La startup torinese vuole provare a convincere le persone in modo intelligente, senza dover per forza utilizzare i discorsi sullo spreco alimentare, giustissimi e nobili ma non sempre efficaci nella pratica. Per essere pragmatici meglio l’escamotage del reFOOD “‘d’artista”, un contenitore che Marco e Daniela definiscono: “comodo, pratico, colorato, ecologico, etico“. E soprattutto disponibile per i ristoratori in forma continuativa e non solo per campagne spot occasionali, che fanno molto social ma non risolvono il problema.

ReBOX è così entrato nei ristoranti, prima singolarmente, con un’azione porta a porta, e poi, in maniera più massiccia, “grazie anche ad una partnership con Ticket Restaurant che ci ha aperto altre porte. Prima delle festività natalizie ci hanno proposto di mandare una comunicazione alle aziende loro clienti sullo spreco durante i pranzi e le cene aziendali di Natale. Un tentativo con buoni risultati: si è andati oltre le festività ed è già sbocciato  l’interesse per tutto l’anno. Al meeting aziendale ora si può dunque mettere a disposizione dei dipendenti la reFOOD o la reWINE, anche personalizzata con il proprio brand”. ”Puntiamo inoltre sui matrimoni – aggiunge Marco – poi al lavoro di divulgazione nelle scuole, con il coinvolgimento attivo degli studenti anche nella creazione artistica”. Il progetto coinvolge infine i Comuni, come quello di Ravenna, che ha comprato 10.000 reFOOD personalizzate, distribuite durante gli eventi estivi del 2017.

Un modo “cool” e molto “green” di contribuire attivamente a ridurre la piaga dello spreco alimentare – e di conseguenza le emissioni e l’inquinamento. Il contenitore, per altro, è in cartone riciclato e riciclabile, e permette di conservare il cibo risparmiato in frigo o di infornarlo direttamente nel microonde. Per il 2018 è allo studio una collaborazione con Favini (altro “Campione d’Italia” intervistato recentemente da Greenews.info), produttore di carte che derivano, a loro volta, dagli scarti della produzione agricola.

Il modello di business di reBOX (pluripremiato e oggetto di un’incubazione da parte di Social Fare) va oltre la mera vendita di “scatole” ai ristoratori e punta sulla creazione di progetti strutturati, che coinvolgano tutti i soggetti impegnati nella lotta allo spreco, con una valenza formativa e attraverso contest tra ristoranti e giochi didattici per i bambini.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende