Home » Off the Green »Rubriche » Referendum trivelle: il futuro vincerà, con o senza quorum:

Referendum trivelle: il futuro vincerà, con o senza quorum

aprile 13, 2016 Off the Green, Rubriche

Matteo Renzi non se n’è accorto, ma ha già perso la sfida con il futuro, comunque vada il referendum del 17 aprile. Con l’invito all’astensionismo e le leggi ad trivellam è finito definitivamente “dal lato sbagliato della Storia”. In realtà non ha mai dimostrato, nemmeno prima, grande sensibilità alle questioni ambientali (nostro articolo del 2014), ma finora era riuscito ad evitare il confronto diretto con la green economy e dirottare l’attenzione sulla sua presunzione di essere “nuovo”, “innovativo”, “dinamico”.

Ma dov’è la novità in Renzi? Non bastano certo la strafottenza “giovanile” o un iPhone sempre pronto a tweettare. Dopo pochi anni a contatto con il potere, quasi fosse una reazione chimica, il “rottamatore” e cacciatore di gufi si è trovato vittima dei suoi stessi incubi, ingrigito dalle frequentazioni fossili, deformato dalle troppe pacche sulle spalle dei lobbisti, incapace di vedere un futuro che non sia solo la sterile autoreferenzialità delle sue “vittorie” in Parlamento e nella segreteria del Partito. E’proprio vero che non sempre l’abito (né l’età) fa il monaco: il compianto Casaleggio, avanti anni luce rispetto al premier, sembrava esteticamente un hippy fuori tempo massimo, il fighetto Renzi, acclamato dai giovani di Maria De Filippi, ha, in realtà, la stessa visione industriale, energetica e ambientale di un democristiano degli anni ’80.

Mentre il suo Governo difende le estrazioni petrolifere, in Olanda si discute di bandire, dal 2025, le auto a benzina e gasolio. Basta guardare la nostra “copertina” di oggi per avere qualche semplice traccia di quale direzione abbia preso il futuro: la formula integrata di mobilità elettrica e servizi di una start up come Spin8, la svolta “verde” del Giro d’Italia, la visione dell’efficienza energetica di un colosso come Schneider Electric. Sono solo alcuni esempi, tra le migliaia, che raccogliamo ogni anno nei nostri articoli. Addirittura un banchiere ottantenne come Giuseppe Guzzetti riconosce oggi che “lavorare in ambito green non è solo una tendenza, negli ultimi tempi, ma anche un’aspirazione di molti giovani”.

Il 22 aprile, in occasione della Giornata Mondiale della Terra, i capi di stato e di governo di 195 Paesi del mondo più l’Unione Europea, firmeranno ufficialmente, davanti al Segretario Generale delle nazioni Unite Ban Ki-Moon, l’Accordo della COP21 di Parigi, che – scrive nel proprio appello al voto Legambiente – “rappresenta l’avvio definitivo del passaggio dai combustibili fossili (petrolio, carbone, gas, responsabili principali del cambiamento climatico oggi in atto) alle energie rinnovabili, al risparmio energetico” e a tutte quelle tecnologie (già in gran parte disponibili) capaci di ridurre l’impatto ambientale e migliorare le condizioni di salute e di vita della popolazione mondiale. Renzi può continuare a crogiolarsi alle parole dei “guru” de noantri, dei Davidi Serra & Tabarelli – lo squalo della finanza con sede a Londra e il venerato presidente di Nomisma Energia (dal quale ho sentito, negli ultimi giorni, le riflessioni più assurde e anacronistiche della settimana televisiva italiana) – ma tanto perderà. Forse non in questo referendum, ma è solo questione di tempo. Pagherà la sua totale mancanza di umiltà e capacità di ascolto, il suo agio a stare con “i vecchi” e i potenti di oggi, la sua incapacità di comprendere i modelli di business più innovativi che nascono ogni giorno e trasformeranno anche il mercato. Presto non gli basterà più il sorriso smagliante alla casalinga di Voghera e l’invito agli italiani più disillusi ad andare al mare il giorno del referendum. Se questo Paese saprà esprimere il meglio di sé, già domenica lo vedremo, altrimenti aspetteremo ancora qualche tempo. Ma la via è tracciata ed è più forte dei singoli politici.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende