Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Regenesi, ovvero la trasformazione dei rifiuti in bellezza:

Regenesi, ovvero la trasformazione dei rifiuti in bellezza

marzo 21, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Di economia circolare oggi si parla anche nei programmi televisivi  nazionalpopolari della domenica pomeriggio e fioccano i finanziamenti. Certificato di successo. Dieci anni fa erano però argomenti quasi da carbonari. Dieci anni fa ci si buttò, tra i pionieri, Maria Silvia Pazzi. L’imprenditrice ravennate, vista l’abbondanza dei rifiuti di Napoli – allora in piena emergenza – pensò che, come per il maiale non si butta via niente, anche di tutto quel capitale abbandonato per le strade si potesse fare qualcosa. Più che riciclare pensò a rigenerare. Da qui il nome dell’azienda, che nel 2018 soffia su 10 candeline.

Regenesi permette a Maria Silvia di unire diversi interessi: “Volevo studiare architettura e mi sono laureata in economia. Sono riuscita ad unire i due percorsi”. Oggi Maria Silvia è CEO  di Regenesi che si occupa di creare oggetti di ecodesign – per la casa, per l’ufficio, ma pure accessori di moda – poi commercializzati sul proprio sito, negli e-commerce specializzati in prodotti di “lusso sostenibile” e negli shop di numerosi musei.

Un traguardo riconosciuto anche dall’inserimento di Regenesi tra i 100 “campioni” dell’economia circolare Made in Italy, selezionati per il rapporto “100 Italian Circular Economy Stories” di Fondazione Symbola. Ma Maria Silvia sa che non si vive di soli premi, applausi e articoli di giornale. “Hanno parlato di noi prestigiose riviste internazionali, abbiamo collaborato con fondazioni ed istituzioni in eventi e mostre importanti, ma solo col tempo abbiamo raccolto i frutti, sta succedendo ora“. Perché Regenesi è riuscita a superare “la barriera psicologica all’acquisto di un prodotto rigenerato, che sia ‘buono’, ma bruttino…”. Se il prodotto invece è anche bello, se estetica e sostenibilità ambientale vanno di pari passo, allora funziona.

Regenesi non è un progetto o una sperimentazione“, è già industria, precisa senza polemica l’imprenditrice, giusto per rivendicare una differenza ontologica dalle tante idee su carta che nascono come funghi, raccolgono magari qualche finanziamento e poi finiscono nel nulla. “Qui non parliamo solo di stile, ma anche manifattura Made in italy, con materiali rigenerati. Rifiutiamo l’idea di fare prodotti se non sono fatti bene“.

Oltre all’arte ci vuole però anche passione per vendere “rifiuti rigenerati”, quella passione contagiosa, capace di coinvolgere anche chi è più grande di te. “Prima ancora di andare dal notaio siamo stati affiancati da designer famosi nel mondo. Hanno colto il nostro spirito. Non conoscevo nessuno eppure ho contattato dei ‘guru’ e mai nessuno si è rifiutato di collaborare. I veri creativi guardano sempre al futuro e avevano già capito che il mondo andava verso questi temi. Non sapevano nulla di questo mondo e abbiamo attivato sinergie e scambi”.

Collaborare con grandi realtà ha fatto bene all’azienda bolognese, che ha costituito anche un comitato scientifico, che vede insieme Marco Vacchi, Italo Minguzzi, Maria Cristina Maccaferri Zecchini, Loris Reggiani, Alfredo Montanari. Personalità importanti del sistema imprenditoriale, che hanno scelto di contribuire al viaggio di Regenesi prima ancora che avesse il vento in poppa. ” Sono contributi importanti, siamo un’azienda cognitiva con una grande capacità: il saper gestire“.

Ma, al di là della filosofia aziendale, come sono fatti i prodotti? “Sono mono-materici, fatti cioè da un solo materiale e quindi riciclabili a loro volta, pensati ad incastro per essere facilmente smontati. Ci sono sempre degli accorgimenti. Per me sono tutti dei ‘cari figli’, tutti rappresentano una sfida, tutti ricordano le nottate trascorse per ottenere il risultato”. Usabilità, creatività e vendibilità, dunque. Più un tocco fashion che sta regalando importanti soddisfazioni nel settore della moda.

L’economia circolare, le chiediamo, è ormai radicata o siamo di fronte ad un’infatuazione passeggera? “Non è neanche più buonismo. Oggi un’azienda non può che abbracciare l’economia circolare perché fa risparmiare. Sempre più imprenditori capiscono che è business. Noi siamo partiti in un periodo dove c’era poco, siamo stati pionieri”. “Non conosco la velocità di affermazione dell’economia circolare – conclude Maria Silvia – ma sta andando forte in Italia. Come sempre partiamo per ultimi, poi recuperiamo. Oggi da noi il 18% della materia è rigenerata contro il 10 della Germania“. Evvai, Italia-Germania di nuovo 1-0!

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende