Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Regis Motors: a Biella si produce Epic0, il furgoncino elettrico per l’ultimo miglio:

Regis Motors: a Biella si produce Epic0, il furgoncino elettrico per l’ultimo miglio

ottobre 28, 2020 Campioni d'Italia, Rubriche

Il veicolo elettrico EpicORegis non è solo un marchio, è il nome di una famiglia, che dopo 40 anni di esperienza nel settore automotive, diventa oggi protagonista della transizione alla mobilità elettrica. Roberto e i figli  Fabrizio e Cristiano hanno voluto intraprendere una nuova sfida e investire su un futuro a zero emissioni proponendo sul mercato nazionale e internazionale un prodotto innovativo come il piccolo EpicO: un veicolo compatto per il trasporto merci dell’ultimo miglio, per la raccolta rifiuti delle multiutility, ma anche per diversi altri utilizzi, adatti a PMI e artigiani che si debbano confrontare con le restrizioni di accesso ai centri urbani e alle ZTL.

Questa nuova sfida del Made in Italy parte, con coraggio, a Biella, in Piemonte, un tempo capitale del tessile di altissima qualità, ma ormai da decenni territorio in forte crisi occupazionale e sociale, alla ricerca di una nuova identità. Nel 2009 la famiglia Regis inizia a guardare con grande attenzione alla meccatronica, per dimostrare di essere in grado di andare oltre la realizzazione di componenti ed arrivare ad un prodotto finito. In questo contesto, il biellese assume un significato imprenditoriale, oltre che affettivo, legato alla presenza in loco di una manodopera fortemente qualificata e specializzata in ambito sia meccanico che meccatronico. Il che significa poter fare riferimento ad una filiera di fornitori locali per almeno il 40% del fabbisogno produttivo, quasi fantascienza in tempi di delocalizzazione e globalizzazione. Così un prodotto innovativo del settore automotive può anche contare, come “ai vecchi tempi” su una buona componente “a chilometro zero”.

La Mecaprom Motors Srl, titolare del marchio Regis-Motors, in una filiera mondiale dominata da soluzioni per il trasporto delle persone decide dunque di virare traiettoria e puntare sul trasporto delle merci. Una nicchia di mercato con enorme potenziale di sviluppo, ma poco seguita dal mondo automotive. Eppure sul versante ecologico il trasporto merci è responsabile – secondo i dati della European Environment Agency – di quasi un 30% delle emissioni nocive in atmosfera e, all’interno di questo dato, il trasporto merci leggere arriva a sua volta a pesare quasi il 10%. Per questo nei grandi centri metropolitani sono già in essere, da tempo, limiti e divieti di accesso e circolazione per i veicoli termici. Ma le soluzioni alternative sul mercato ad oggi non sono ancora molte.

La scelta di Regis è quella di contribuire a “decarbonizzare l’ultimo miglio” negli spazi urbani offrendo un’alternativa efficace e accessibile a imprese e artigiani. “Abbiamo quattro mercati di riferimento – ci spiega il direttore commerciale Paolo Guaschi – a cominciare da quello delle PMI, artigiani e liberi professionisti; poi le flotte di grandi aziende e del noleggio a lungo termine; le pubbliche amministrazioni impegnate nella raccolta rifiuti e nei servizi ambientali; e infine gli operatori per gli allestimenti”. Un target piuttosto ampio, che tocca i principali city users, operatori che rispetto al normale cittadino non si limitano a partire dal punto A per arrivare al punto B, ma sono spesso in movimento. Pensiamo alle consegne dei farmaci, dove si fa tappa in tutti i siti interessati, così come per il cibo, settore che ha visto, negli ultimi tempi, una crescita esponenziale del food delivery.

Ma “l’ultimo miglio” non è solo alimentare o farmaceutico è anche servizi ecologici. “Per questo abbiamo pensato, oltre alla cella frigorifera, anche all’allestimento con la vasca per i rifiuti” precisa Guaschi. Un aspetto importante, visto che nelle nostre piazze e strade storiche, ammirate in tutto il mondo per il fascino artistico, può ancora capitare di incrociare mezzi di società “ecologiche” con motori obsoleti, che diffondono uno spesso, denso e malsano fumo nero, oltre ad un rumore insopportabile. “Abbiamo 6 versioni disponibili di EpicO, che ci permettono di rivolgerci a più mercati – prosegue il direttore commerciale – pensiamo ai villaggi turistici, dove l’impatto ambientale e l’ingombro è fondamentale oppure ai parchi cittadini dove non è pensabile far viaggiare un mezzo da 35 quintali a gasolio!”.

Il risultato è un veicolo che, a seconda del modello, può fare i 50 o i 75  km/h, con un’autonomia reale che va dai 120 ai 160 km (a seconda della combinazione tra capacità del pacco batteria e velocità massima) e una portata di carico dai 400 ai 700 kg. La ricarica si può fare in 5 ore, ma c’è anche a disposizione il caricabatterie che riesce a permettere una alimentazione completa in due ore e mezza. Caratteristiche che rendono possibile completare un turno di lavoro in ambito urbano.

C’è molto da lavorare, anche con le pubbliche amministrazioni: “Qualcosa si sta muovendo – spiega il manager di Regis – anche perché nel pubblico ci sono appunto tanti mezzi obsoleti. In Piemonte sono stati pubblicati dei bandi per rinnovare le flotte aziendali con degli incentivi maggiori per i veicoli elettrici. Ma anche a livello nazionale, fortunatamente, ci sono oggi misure generose a favore della mobilità elettrica”. Su questo veicolo, ad esempio, oggi ci sono oggi 3.000 euro (4.000 con rottamazione) di incentivo statale.

Oltre a migliorare la qualità dell’aria, nei centri urbani serve per altro decongestionare il traffico, con la presenza in strada di veicoli più leggeri e più agili. Guaschi sintetizza il tema: “Prima si trasportavano grandi volumi, ora più piccoli, anche se con frequenza maggiore, ma è diverso farlo con mezzi da 35 quintali, 5 metri di lunghezza e 2 di larghezza rispetto al nostro che arriva a 3,7 metri di lunghezza e 1,5 di larghezza! A dicembre presenteremo una versione ancora più compatta da 3,50 metri con carico da 400 kg! Un pick up con scocca in acciaio (unico nel suo genere, NdR) che può essere aperto o chiuso”.

Tra le novità che annuncia il manager c’è però anche una versione per allungare le tratte:  “Stiamo studiando soluzioni più  grandi, non solo omologate L7 ma anche N1. Si tratta di aumentare  leggermente le dimensioni ma in questo modo sarà possibile percorrere anche le tangenziali o le autostrade, non concesse ai quadricicli della categoria L7”.  La novità di EpicO in versione N1 sarà presentata tra febbraio/marzo e sarà un bel passo avanti: “Purtroppo siamo stati rallentati dall’emergenza sanitaria – conclude Guaschi – ma ora è iniziata la produzione vera e propria. Stiamo lavorando di più con l’estero che con l’Italia: negli altri Paesi (Olanda, Inghilterra, Svezia, Svizzera, Francia, ma anche Portogallo, Romania, Grecia) se parli di elettrico salti tutte le problematiche ed arrivi subito al dunque!”. L’azienda comunque ha fiducia anche sugli sviluppi in ambito nazionale ed entro gennaio intende completare il processo di costituzione della rete di vendita per i principali capoluoghi.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende