Home » Rubriche »Very Important Planet » Remo Girone, un attore per l’acqua:

Remo Girone, un attore per l’acqua

settembre 18, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Il suo volto si è legato negli anni ’80 al personaggio di Tano Cariddi, un villain di grande caratura protagonista del famoso sceneggiato La Piovra 3, del 1987. Ma Remo Girone è noto per aver calcato palcoscenici di teatro di tutta Italia e aver partecipato a numerose pellicole sul grande schermo. Quest’anno è tornato al cinema con Il bacio azzurro di Pino Tordiglione, assegnatario di un riconoscimento speciale del Green Drop Award nell’ambito della kermesse cinematografica di Venezia.

D) Girone, lei è stato anche Presidente della Giuria del Green Drop Award, come descriverebbe questo premio?

R) Green Cross è un’organizzazione con progetti realmente validi e il Green Drop Award è diventato un riconoscimento importante. Quest’anno lo abbiamo assegnato a un film cinese, un film bellissimo e molto potente. Probabilmente avrà una vita difficile in patria, perché è chiaramente un film contro l’inquinamento del mondo, del denaro e dei corpi umani.

D) Ci parli più nello specifico di questo film

R) La pellicola si chiama Behemoth, firmata del regista cinese Zhao Liang. Si ispira alla Divina Commedia e si compone di tre parti: inferno, purgatorio e paradiso. Ma il paradiso non è che un paradiso artificiale, costituito da intere città che in Cina vengono costruite puramente per fini finanziari, in realtà sono luoghi completamente disabitati. L’inferno è costituito, invece, dalle miniere di carbone, posti di estensione enorme dove la gente tuttora muore. Mentre la seconda parte, il purgatorio, è costituito dagli altiforni e anche in questo caso veder lavorare queste persone sofferenti ti strappa il cuore. È un film che tutti dovrebbero vedere…

D) Lei è tonato protagonista anche con “Il bacio azzurro”, cosa l’ha convinta a partecipare a questo film?

R) Il personaggio che interpreto è un nonno che spiega al suo nipotino l’importanza dell’acqua. Io ho molti nipoti e mi è piaciuta l’idea di partecipare a un film che avesse a cuore una tematica così importante, interpretando peraltro il ruolo di un bravo nonno.

D) Il film ha un approccio originale al problema dell’acqua, cosa ne pensa dei film a tematica ambientale?

R) Film di questo tipo sono decisivi in questo momento, non solo perché è il problema del giorno, ma anche perché è una questione fondamentale sapere cosa lasciare alle prossime generazioni in un mondo così devastato. In questo senso, il cinema è un’arma potente di propaganda e permette di far capire, attraverso un linguaggio semplice, grandi problematiche.

D) Qual è invece il suo rapporto personale con l’ambiente?

R) Sono nato in Eritrea e ho vissuto lì fino a 23 anni. Ho sempre avuto l’idea dei grandi spazi. E anche qualche anno fa, quanto ho dovuto fare un Cechov, il regista ci ha portati in Russia per capire i grandi spazi, è stata un’esperienza toccante. In questi Paesi si possono fare anche 100 km senza incontrare un essere umano. Sono luoghi che oggi hanno molti problemi, ma in molte aree la natura è ancora incontaminata. Spesso invece in Italia sento che le nostre città vengono utilizzate come si utilizzerebbe uno strofinaccio vecchio ed è uno sbaglio perché noi viviamo lì! E questo va ricordato, soprattutto alle giovani generazioni.

D) Ha un “vissuto” dell’acqua legato al periodo che ha trascorso ad Asmara?

R) In Eritrea la considerazione dell’acqua è molto importante. In certe zone, quando vivevo lì, ricordo che si vedevano pozzi e file di persone che andavano a prendere l’acqua. L’accesso all’acqua, così come anche al cibo, è una ricchezza fondamentale e questa è una delle cose che uno capisce bene quando la vede con i propri occhi.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende