Home » Bollettino Europa »Rubriche » Renzi chiude il semestre UE italiano: poche parole e pochi fatti:

Renzi chiude il semestre UE italiano: poche parole e pochi fatti

gennaio 13, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha pronunciato oggi, di fronte al Parlamento Europeo riunito in plenaria a Strasburgo, il discorso di chiusura del Semestre di Presidenza italiana dell’Unione Europea. Un’occasione per fare il punto su quanto è stato fatto dal nostro Paese e su quanto resta in eredità alla Lettonia, prossimo Stato designato alla carica (all’Italia toccherà nuovamente solo nel 2028!).

Un intervento piuttosto deludente, quello del Premier, il quale non ha per nulla fatto un bilancio dei sei mesi trascorsi. “Un’occasione perduta“, hanno commentato molti dei suoi colleghi. Visto che Renzi, di fronte ai pochissimi Eurodeputati presenti, non ha affrontato i veri contenuti del semestre, e in conferenza stampa i temi green non sono stati praticamente toccati, vediamo di fare un riassunto del periodo appena concluso.

In campo ambientale la Presidenza del nostro Paese è stata caratterizzata da tre grandi temi sui quali, per molti addetti ai lavori, l’Italia avrebbe potuto fare davvero la differenza: Il pacchetto Clima-Energia 2030, la direttiva sugli OGM e la messa al bando delle buste di plastica.

Partiamo da quest’ultima, forse l’unico vero risultato positivo della Presidenza italiana. Si tratta di un lavoro iniziato prima del semestre e portato a termine attraverso un lavoro ben coordinato con il Parlamento Europeo. Come abbiamo invece più volte sottolineato, il tema degli OGM è caratterizzato da luci ed ombre. Senza contare che nessun accordo è stato, invece, preso sul cosiddetto “Made In”. Il testo della Direttiva che prevedeva l’obbligo di indicare nell’etichetta l’origine dei prodotti non alimentari fabbricati nei Paesi terzi non ha, infatti, superato l’esame del Consiglio. Non è andata in porto nemmeno la nuova normativa sul biologico e l’Italia ha fallito anche sulle misure a favore dei giovani agricoltori.

Il dossier sicuramente più importante di questo semestre è la decisione sul Pacchetto Clima ed Energia per il 2030, sul quale la Presidenza italiana ha giocato un ruolo decisamente limitato e poco visibile, rimanendo preda del Consiglio Europeo, in seno al quale sono spesso le spinte dei Governi “fossili” ad avere la meglio. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: un accordo modesto e timido per niente in grado di orientare le scelte ambientali mondiali. Non dimentichiamo, infatti, che grandi annunci erano stati fatti a proposito del fatto che il documento avrebbe dovuto trasformare l’Unione Europee nell’interlocutore più all’avanguardia in tema ambientale ai prossimi negoziati di Parigi sul clima!

Alla luce di queste considerazioni il semestre italiano appena finito non rimarrà di certo impresso nella storia dell’Unione Europa. Pochi risultati e nessun obiettivo importante raggiunto. Ad onore del vero, è necessario specificare che l’Italia ha scontato il fatto di essersi trovata a cavallo del rinnovo di Parlamento e Commissione oltre ad avere affrontato la pausa estiva (che riduce di fatto il semestre a 4 mesi e mezzo) e questo ha sicuramente comportato lunghi periodi d’inattività dal punto di vista legislativo. Tuttavia, quando si fanno bilanci deve per forza esistere un termine di paragone. Se questo non può essere l’operato di altri Paesi per evidenti difficoltà a comparare azioni politiche che si svolgono in differenti momenti della storia europea, quello che si può fare è vedere a luglio, all’inizio del semestre, quali obiettivi l’Italia si era prefissata, o per essere più diretti, quali erano state le promesse di Matteo Renzi.

In generale, in questi sei mesi si è registrato un calo progressivo di interesse europeo da parte del nostro Governo. Il Presidente del Consiglio era partito sparando fuochi d’artificio, il riferimento all’Odissea e ai padri fondatori dell’Europa unita. Gli attacchi alla burocrazia UE e l’ondata di rinnovamento. Tuttavia, non c’è stato alcun cambio di passo reale e realizzabile nelle priorità politiche europee. Nessuna fiscalità ecologica o cose rivoluzionarie di questo genere… Basta dare uno sguardo al programma di lavoro presentato dal Presidente della Commissione Juncker sempre e comunque condizionato dalle lobby industriali e finanziarie più reazionarie. Senza contare poi le annunciate sforbiciate ad una buona parte dei testi di legge in corso, perché bloccati. Categoria nella quale cadono una moltitudine di dossier ambientali fondamentali come quelli sull’economia circolare e sulla qualità dell’aria. Per tutti questi motivi si fa sempre più strada un marchio, quello di euro-populista, che ancora di più rischia di fare perdere credibilità e consenso a Renzi, sia in Europa sia in patria.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende