Home » Rubriche »Very Important Planet » Requiem (con speranza) per la Terra. Intervista a Inés Fontenla:

Requiem (con speranza) per la Terra. Intervista a Inés Fontenla

aprile 15, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Tutte le opere di Inés Fontenla nascono da un’inquietudine. Da una sensazione che abita i pensieri e che poi prende forma con l’arte. Questo è avvenuto anche nel caso del suo ultimo lavoro, Requiem Terrae, il suo secondo progetto interamente dedicato all’ambiente.

Inés è un’artista argentina, ma vive a Roma da 25 anni. L’ambiente è un tema che le sta particolarmente a cuore, un’inquietudine che non l’abbandona mai. Ha esposto in tutto il mondo, dalla Germania all’Indonesia. L’installazione Requeim Terrae sarà inaugurata giovedì 28 aprile nella chiesa sconsacrata di San Filippino, a Roma, e rimarrà aperta fino al 20 maggio 2011.

D) Quando ha iniziato a lavorare su temi ambientali?

R) Ho realizzato diversi progetti sull’immigrazione e i cambiamenti dei territori, ma il primo lavoro  interamente dedicato all’ambiente è del 2005: “Il cielo alla fine del mondo”, sul buco nell’ozono. Mi interessava mettere in evidenza il fatto che il buco si fosse aperto su un territorio incontaminato come la Terra del Fuoco, dove per una serie di fenomeni naturali è arrivato l’inquinamento da tutto il mondo industrializzato. È il famoso effetto farfalla. L’installazione era composta da un tappetino verde, che riproduceva la mappa della regione, su cui erano posate le casette colorate tipiche di quella zona. Sopra questo paesaggio bucolico pendevano dei coltelli, simbolo della minaccia che incombeva dal cielo. C’era anche un video con varie interviste che ho raccolto durante un mio viaggio nella Tierra del Fuego.

D) Qual è invece il tema al centro di Requiem terrae?

R) Lo sfruttamento della terra da parte dell’uomo. Il pavimento della chiesa sarà coperto da uno strato di 3-4 centimetri di terra nera, profumata, fertile. Sopra, una grande lastra di vetro, con impresso un planisfero, frantumata in mille pezzi. Quello che voglio far emergere è il contrasto tra la terra viva, generatrice e quella rotta, manipolata dall’uomo. Ci sarà poi anche un video, in cui, con un’animazione, racconto i principali fenomeni geopolitici dell’ultimo secolo, dalle guerre mondiali alla guerra fredda, fino ai conflitti del Medio Oriente. Tutti eventi che hanno influito pesantemente anche sulla natura.

D) Come è nata l’idea del progetto?

R) Riflettevo da molto tempo su questo conflitto, poi la mia inquietudine ha iniziato a prendere forma. Dopo aver assistito a una conferenza di Leonardo Boff, un teologo impegnato anche sul fronte dell’ambiente, ho deciso di inserire nell’installazione anche la Carta della Terra dell’Unesco, un documento bellissimo che si conclude con l’auspicio che il nostro tempo possa essere ricordato per una nuova attenzione al pianeta.

D) Però il titolo dell’installazione, Requiem Terrae, è un’espressione che richiama la morte. Veramente la terra è un essere defunto per il quale non c’è più niente da fare?

R) No, non credo. “Requiem” rimanda allo sfruttamento indiscriminato del pianeta da parte dell’uomo, ma la terra ha ancora una grande energia vitale, non credo che tutto sia perduto. 

D) Che cosa vuole trasmettere con le sue opere a chi guarda?

R) Vorrei che passasse l’idea che la terra è un bene comune, da salvaguardare e proteggere per le persone che verranno dopo di noi. Ognuno deve prendere coscienza della propria responsabilità ambientale, c’è bisogno di un comportamento etico nei confronti della terra. Quello che voglio trasmettere è un’inquietudine, un invito a riflettere. L’arte contemporanea non è una narrazione, non ti dà l’immagine già cotta e digerita. L’immagine deve mangiarla e rielaborarla chi guarda, è un processo lento, ma anche più attivo.

D) Lei vive a Roma da 25 anni. Le sembra che in questo periodo di tempo la sensibilità ambientale sia cresciuta?

R) Un pochino sì, ma c’è ancora molto da fare. In Francia e in Germania c’è maggiore attenzione, anche perché certe politiche ambientali sono state attuate prima. C’è bisogno di educazione e informazione, ma vedo che nei giovani ci sono una grande coscienza ambientale e impegno per il futuro.

D) E nell’arte come vanno le cose? I frequentatori delle mostre hanno voglia di confrontarsi con questo tema?

R) Sì, nell’arte c’è sensibilità. Ci sono molti artisti che trattano temi individuali, ma molti altri, come me, che preferiscono trattare argomenti che riguardano la collettività, come l’ambiente, appunto.

D) Come si traduce la sua sensibilità ambientale nella vita quotidiana?

R) Faccio la raccolta differenziata, limito più che posso l’utilizzo della macchina, faccio la doccia un giorno sì e un giorno no per non sprecare troppa acqua. Quando sono arrivata a Roma c’erano persone che d’estate, per rinfrescare l’ambiente, tenevano aperto il rubinetto dell’acqua: una cosa che mi è sempre sembrata assurda!

D) Lei è originaria dell’Argentina. In America Latina c’è secondo lei un approccio diverso all’ambiente?

R) Io vengo da Buenos Aires, una grande città, ma da giovane ho sempre avuto l’occasione di passare un po’ di tempo in campagna. In Sudamerica abbiamo un rapporto più stretto, più fisico con la natura. C’è l’idea di vivere accompagnando i cicli naturali, mentre in Occidente l’ambiente è visto come qualcosa da sfruttare, un oggetto distaccato da sé.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende