Home » Rubriche »Very Important Planet » Riccardo Dalisi: dai “rifiuti preziosi napoletani” al gioco educativo dell’arte:

Riccardo Dalisi: dai “rifiuti preziosi napoletani” al gioco educativo dell’arte

giugno 21, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Opere d’arte d’autore, a partire dalle carte delle caramelle raccolte per strada. Quando Riccardo Dalisi dice che occorre riappropriarsi “dal basso” del nostro patrimonio paesaggistico e culturale, intende proprio il gesto fisico del raccogliere il rifiuto. Che poi, rifiuto in questo caso non è, ma quadro. Il papà della pluripremiata caffettiera napoletana dell’Alessi, con cui ha vinto il Compasso d’Oro e altri premi prestigiosi, è stato tra i primi artisti italiani ad inventare il concetto di sostenibilità applicato al design industriale. Le sue opere sono sparse per i musei e le collezioni di mezzo mondo, dal Design di Denver, al Zitadelle Spandau di Berlino, fino alla Biennale di Venezia e al MoMa di New York.

Da questa settimana, fino al 3 luglio, le gigantografie dei suoi celebri “gioielli” sono esposti a Roma, alla galleria Utopia dell’artista centramericano Francisco Cordoba, insieme ai collages delle “Donne in carta di caramella”. Il progetto è di Legambiente e ha il titolo evocativo di “Paestumanità”: consiste nel raccogliere fondi per acquistare i lotti interni alle mura antiche della colonia greca di Poseidonia-Paestum, in provincia di Salerno, ancora di proprietà privata. Legambiente lancia il suo appello alla comunità internazionale, per accendere i riflettori su un bene riconosciuto patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, ma tuttora di fruizione limitata. Dentro l’area abbracciata dalle mura greco-romane, i terreni sono sottoposti ad agricoltura meccanizzata, con conseguenze nocive per la conservazione delle strutture non ancora riportate alla luce. La proprietà privata, nella proposta di Legambiente, può essere sostituita, in mancanza di fondi ministeriali, con un proprietà “diffusa” cui ogni cittadino, ente, associazione, istituzione contribuisce, partecipando dal basso al processo di riappropriazione del nostro patrimonio paesaggistico e culturale.

D) Dalisi, che pubblico ha incontrato, riproponendo a Roma i suoi gioielli e le donne di carta riciclata?

R) Un pubblico molto sensibile. In mostra ci siamo sia io che mia moglie, che espone un libro di poesie e fotografie sugli alberi. La Natura è importante per noi oggi, c’è un ritorno di amore verso colui che ci ospita, il verde. Dopo tanto trionfo della tecnologia che ha mostrato i suoi limiti, sin dagli anni ’70 la mia didattica punta al recupero dei materiali di scarto, tutto all’insegna di uno sguardo diverso i residui di ciò che si è prodotto. Forse non abbiamo saputo operare in modo oculato, misurato. Mancava un tassello tra la produzione e la spazzatura, che si sta ricomponendo e ci dà slancio verso l’immaginazione. Lavorando in quartieri difficili e degradati sotto tutti i punti di vista, come al Rione Traiano a Napoli, io mi sperimento come se fossi un ragazzo. Il recupero è sì delle materie, ma anche degli uomini, dei giovani che difficilmente vengono valorizzati in ambienti trascurati e depressi.

D) Lavora ancora a Scampia?

R) Eccome. Sto cercando di valorizzare un giovane che sta mostrando la sua genialità, sto cercando di aiutarlo a fare cose sorprendenti, recupero le potenzialità che sono state emarginate. A proposito di rifiuti, invece, una volta ricordo che salii a Torino per un convegno. Raccattai tutti gli scarti del mio studio e li misi in alcune buste, con etichetta. Li distribuii ai partecipanti, architetti e artisti venuti da tutto il mondo. Li chiamai “rifiuti preziosi napoletani”. Per fare capire alla gente, ecco cosa scartiamo, cose utili, artistiche.

D) Lei è uno dei pochi che ha ancora fiducia in un ruolo educativo dell’arte…

R) Sto trovando talenti nascosti, bambini straordinari. Mi sorprendono continuamente, sfidandomi. Dato che io da piccolo sapevo disegnare bene i cavalli, hanno voluto farlo anche loro, realizzando cose così interessanti che sembrano tra le migliori cose dei primitivi, pieni di colori, di forza. Bimbi di 7-8 anni nascondono una potenzialità ancora così fresca e gioiosa, fiduciosa nella vita, abbiamo bisogno di loro, della solidarietà che può nascere.

D) Lei come riesce a conquistarli?

R) Li faccio giocare all’arte. Sono un uomo retrò nel miglior senso della parola. I computer a lungo andare appiattiscono. Bisogna operare con le mani, riconquistare il sapore del mondo. Far cantate e suonare i materiali, non solo la mente è creativa. Non nasce solo dalle idee, ma è partecipazione. Con loro, ma anche con gli adulti, creo sinfonie con il suono della carta. Li sorprendo e le loro reazioni sono sempre di gioia, di spontaneità.

D) Crede in un mondo meno inquinato?

R) Le cose vanno secondo una loro forza d’inerzia. Si continua a distruggere perché non si sa fare altro. Ad aprire una nuova strada, un’origine pulita del mondo, tocca a noi che abbiamo ancora il palpito dell’entusiasmo, penso a me che ho 82 anni, e ai bambini.  Io sono la testimonianza che, da persona anziana, ha voglia ancora di scoprire, giocare con le cose. Ora, sul mio terrazzo, a Roma, ci sono tante rondini che girano in cielo. Ricordo quel libro del filosofo Adolf Portmann, che spiegava il circuitare delle rondini come un modo di essere nel mondo. Le rondini continuano a disegnare il cielo, nonostante tutto ciò che ruota loro attorno…

Letizia Tortello

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende