Home » Rubriche »Very Important Planet » Riccardo Dalisi: dai “rifiuti preziosi napoletani” al gioco educativo dell’arte:

Riccardo Dalisi: dai “rifiuti preziosi napoletani” al gioco educativo dell’arte

giugno 21, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Opere d’arte d’autore, a partire dalle carte delle caramelle raccolte per strada. Quando Riccardo Dalisi dice che occorre riappropriarsi “dal basso” del nostro patrimonio paesaggistico e culturale, intende proprio il gesto fisico del raccogliere il rifiuto. Che poi, rifiuto in questo caso non è, ma quadro. Il papà della pluripremiata caffettiera napoletana dell’Alessi, con cui ha vinto il Compasso d’Oro e altri premi prestigiosi, è stato tra i primi artisti italiani ad inventare il concetto di sostenibilità applicato al design industriale. Le sue opere sono sparse per i musei e le collezioni di mezzo mondo, dal Design di Denver, al Zitadelle Spandau di Berlino, fino alla Biennale di Venezia e al MoMa di New York.

Da questa settimana, fino al 3 luglio, le gigantografie dei suoi celebri “gioielli” sono esposti a Roma, alla galleria Utopia dell’artista centramericano Francisco Cordoba, insieme ai collages delle “Donne in carta di caramella”. Il progetto è di Legambiente e ha il titolo evocativo di “Paestumanità”: consiste nel raccogliere fondi per acquistare i lotti interni alle mura antiche della colonia greca di Poseidonia-Paestum, in provincia di Salerno, ancora di proprietà privata. Legambiente lancia il suo appello alla comunità internazionale, per accendere i riflettori su un bene riconosciuto patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, ma tuttora di fruizione limitata. Dentro l’area abbracciata dalle mura greco-romane, i terreni sono sottoposti ad agricoltura meccanizzata, con conseguenze nocive per la conservazione delle strutture non ancora riportate alla luce. La proprietà privata, nella proposta di Legambiente, può essere sostituita, in mancanza di fondi ministeriali, con un proprietà “diffusa” cui ogni cittadino, ente, associazione, istituzione contribuisce, partecipando dal basso al processo di riappropriazione del nostro patrimonio paesaggistico e culturale.

D) Dalisi, che pubblico ha incontrato, riproponendo a Roma i suoi gioielli e le donne di carta riciclata?

R) Un pubblico molto sensibile. In mostra ci siamo sia io che mia moglie, che espone un libro di poesie e fotografie sugli alberi. La Natura è importante per noi oggi, c’è un ritorno di amore verso colui che ci ospita, il verde. Dopo tanto trionfo della tecnologia che ha mostrato i suoi limiti, sin dagli anni ’70 la mia didattica punta al recupero dei materiali di scarto, tutto all’insegna di uno sguardo diverso i residui di ciò che si è prodotto. Forse non abbiamo saputo operare in modo oculato, misurato. Mancava un tassello tra la produzione e la spazzatura, che si sta ricomponendo e ci dà slancio verso l’immaginazione. Lavorando in quartieri difficili e degradati sotto tutti i punti di vista, come al Rione Traiano a Napoli, io mi sperimento come se fossi un ragazzo. Il recupero è sì delle materie, ma anche degli uomini, dei giovani che difficilmente vengono valorizzati in ambienti trascurati e depressi.

D) Lavora ancora a Scampia?

R) Eccome. Sto cercando di valorizzare un giovane che sta mostrando la sua genialità, sto cercando di aiutarlo a fare cose sorprendenti, recupero le potenzialità che sono state emarginate. A proposito di rifiuti, invece, una volta ricordo che salii a Torino per un convegno. Raccattai tutti gli scarti del mio studio e li misi in alcune buste, con etichetta. Li distribuii ai partecipanti, architetti e artisti venuti da tutto il mondo. Li chiamai “rifiuti preziosi napoletani”. Per fare capire alla gente, ecco cosa scartiamo, cose utili, artistiche.

D) Lei è uno dei pochi che ha ancora fiducia in un ruolo educativo dell’arte…

R) Sto trovando talenti nascosti, bambini straordinari. Mi sorprendono continuamente, sfidandomi. Dato che io da piccolo sapevo disegnare bene i cavalli, hanno voluto farlo anche loro, realizzando cose così interessanti che sembrano tra le migliori cose dei primitivi, pieni di colori, di forza. Bimbi di 7-8 anni nascondono una potenzialità ancora così fresca e gioiosa, fiduciosa nella vita, abbiamo bisogno di loro, della solidarietà che può nascere.

D) Lei come riesce a conquistarli?

R) Li faccio giocare all’arte. Sono un uomo retrò nel miglior senso della parola. I computer a lungo andare appiattiscono. Bisogna operare con le mani, riconquistare il sapore del mondo. Far cantate e suonare i materiali, non solo la mente è creativa. Non nasce solo dalle idee, ma è partecipazione. Con loro, ma anche con gli adulti, creo sinfonie con il suono della carta. Li sorprendo e le loro reazioni sono sempre di gioia, di spontaneità.

D) Crede in un mondo meno inquinato?

R) Le cose vanno secondo una loro forza d’inerzia. Si continua a distruggere perché non si sa fare altro. Ad aprire una nuova strada, un’origine pulita del mondo, tocca a noi che abbiamo ancora il palpito dell’entusiasmo, penso a me che ho 82 anni, e ai bambini.  Io sono la testimonianza che, da persona anziana, ha voglia ancora di scoprire, giocare con le cose. Ora, sul mio terrazzo, a Roma, ci sono tante rondini che girano in cielo. Ricordo quel libro del filosofo Adolf Portmann, che spiegava il circuitare delle rondini come un modo di essere nel mondo. Le rondini continuano a disegnare il cielo, nonostante tutto ciò che ruota loro attorno…

Letizia Tortello

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende