Home » Bollettino Europa »Rubriche » Rifiuti a tutto tondo in UE: trasporto illegale, smaltimento navi e un concorso:

Rifiuti a tutto tondo in UE: trasporto illegale, smaltimento navi e un concorso

luglio 15, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Nell’ultima settimana è stato il sempre scottante tema dei rifiuti ad animare il dibattito in seno alle maggiori Istituzioni europee. E’partita la Commissione UE che ha lanciato un’offensiva contro il trasporto illegale degli scarti pericolosi che spesso, una volta giunti a destinazione, vengono abbandonati o gestiti male, con gravi conseguenze per l’uomo e l’ambiente.

Dietro le esportazioni illegali vi sono forti interessi economici rappresentati dai costi di trattamento e smaltimento dei rifiuti notevolmente inferiori nei Paesi in via di Sviluppo, determinati principalmente da norme ambientali e sanitarie meno severe di quelle applicate nell’UE e, in alcuni casi, dalla possibilità di eludere totalmente i controlli.

L’Esecutivo di Bruxelles propone pertanto di rafforzare la normativa in materia di ispezioni nazionali, per armonizzare i livelli di controllo in tutti gli Stati membri. Se alcuni dispongono, infatti, di sistemi d’ispezione a tutto campo ed efficienti, che mirano ad individuare le spedizioni illegali nei porti oppure nei luoghi di produzione e di raccolta, altri ne sono sprovvisti. Questa situazione è all’origine della pratica nota come “port hopping”, mediante la quale gli esportatori di rifiuti illegali scelgono di far transitare le spedizioni negli Stati membri che applicano controlli meno severi. Si stima che circa il 25% delle spedizioni dall’Europa verso Paesi in via di sviluppo di Africa e Asia avvenga in violazione delle leggi internazionali L’iniziativa propone che gli Stati membri effettuino regolarmente ispezioni basate sui rischi, con una maggiore collaborazione tra le autorità e una migliore preparazione degli addetti. Questo permetterà di concentrarsi maggiormente sui percorsi, gli orari e i veicoli più frequentemente coinvolti nel trasporto illegale.

Inoltre, una maggiore concentrazione sui punti di raccolta e sugli impianti di stoccaggio farà in modo che le ispezioni possano essere condotte nella fase iniziale, in maniera tale da bloccare a monte le esportazioni illegali. La pianificazione delle ispezioni aiuterà le autorità ad aumentare l’efficacia dei controlli. Le ispezioni in loco permetteranno, poi, di ottenere, da parte dei responsabili della spedizione, elementi di prova sulla legittimità della spedizione stessa. Dimostrando, ad esempio, che i rifiuti in questione sono destinati ad una gestione ecocompatibile in un Paese terzo. Il nuovo sistema dovrebbe, inoltre, portare vantaggi economici diretti per gli Stati membri e per il settore dell’industria, in quanto saranno evitate le spese di bonifica e reimportazione. Si potrebbe anche fare in modo che materie prime di un certo valore (ad esempio minerali preziosi quali cobalto e indio contenuti nei rifiuti elettronici) non vadano perdute, in modo da essere riutilizzate e reimmesse nel mercato. Ciò porterà, infine, all’ottimizzazione dei processi di trattamento dei rifiuti, al miglioramento delle tecniche di cernita e riciclaggio e a una maggiore disponibilità di materie prime di alta qualità.

Una rivoluzione, quella pensata dalla Commissione, visto che il Regolamento UE relativo alle spedizioni dei rifiuti non contiene disposizioni specifiche riguardanti la pianificazione delle ispezioni o le modalità di esecuzione. Vieta solo l’esportazione di rifiuti pericolosi verso Paesi non appartenenti all’OCSE e l’esportazione di rifiuti destinati allo smaltimento verso paesi non membri dell’UE/EFTA. Quando vengano individuate spedizioni illegali, i rifiuti devono essere rispediti nel paese di provenienza. Il regolamento consente l’esportazione di rifiuti non pericolosi verso paesi non appartenenti all’OCSE per operazioni di recupero, purché le autorità nazionali verifichino che tali rifiuti siano trattati in conformità a norme grosso modo equivalenti a quelle dell’UE.

Sul fronte del Parlamento UE, protagoniste sono state invece le navi. Un nuovo regolamento approvato nei giorni scorsi, a larga maggioranza, in Commissione Ambiente, vieta lo smantellamento illegale delle vecchie imbarcazioni europee e rende l’eco-riciclo obbligatorio. Oltre alle navi UE, anche quelle extra UE sono incluse nel regolamento. Infatti, quando attraccheranno in un porto europeo, le imbarcazioni dovranno fornire l’inventario dei materiali pericolosi contenuti. Le nuove regole prevedono che le navi europee vengano smantellate, con il loro carico di veleni, come amianto, PCB, mercurio e altre sostanze chimiche nocive, solo in strutture ”certificate”, incluse in una lista europea. Attualmente, invece, la maggior parte delle navi da rottamare viene spedita nel Sudest asiatico, dove vengono smantellate sulle spiagge in condizioni inaccettabili per la salute e provocando un forte inquinamento dell’ambiente. Il testo passerà al vaglio della plenaria il prossimo autunno e poi sarà il turno del Consiglio UE. Il regolamento dovrebbe entrare in vigore all’inizio del 2014. Previsto anche un sistema di sanzioni determinate dai singoli Stati membri.

Dall’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) arriva, invece, il concorso ”Waste-smART” per raccogliere idee su come riciclare meglio i rifiuti, ridurli e riutilizzarli. Tutti i cittadini europei sono invitati a dare libero sfogo alla fantasia. Al concorso si prende parte scattando una fotografia originale (lato lungo >2000px) o realizzando un breve video (30-90 secondi). Sono anche accettati i fumetti (vignetta unica), con un breve testo, che rispettino le indicazioni contenute nel regolamento di partecipazione. Il premio per ognuna delle tre categorie è di 500 Euro. Il file va poi caricato su un sito di condivisione online, come Youtube, Vimeo, Flickr, Shutterfly, Snapfish o Photobucket. Il link andrà infine inserito nella domanda di partecipazione. Il termine ultimo per l’iscrizione è il 30 settembre 2013.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende