Home » Bollettino Europa »Rubriche » Rifiuti a tutto tondo in UE: trasporto illegale, smaltimento navi e un concorso:

Rifiuti a tutto tondo in UE: trasporto illegale, smaltimento navi e un concorso

luglio 15, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Nell’ultima settimana è stato il sempre scottante tema dei rifiuti ad animare il dibattito in seno alle maggiori Istituzioni europee. E’partita la Commissione UE che ha lanciato un’offensiva contro il trasporto illegale degli scarti pericolosi che spesso, una volta giunti a destinazione, vengono abbandonati o gestiti male, con gravi conseguenze per l’uomo e l’ambiente.

Dietro le esportazioni illegali vi sono forti interessi economici rappresentati dai costi di trattamento e smaltimento dei rifiuti notevolmente inferiori nei Paesi in via di Sviluppo, determinati principalmente da norme ambientali e sanitarie meno severe di quelle applicate nell’UE e, in alcuni casi, dalla possibilità di eludere totalmente i controlli.

L’Esecutivo di Bruxelles propone pertanto di rafforzare la normativa in materia di ispezioni nazionali, per armonizzare i livelli di controllo in tutti gli Stati membri. Se alcuni dispongono, infatti, di sistemi d’ispezione a tutto campo ed efficienti, che mirano ad individuare le spedizioni illegali nei porti oppure nei luoghi di produzione e di raccolta, altri ne sono sprovvisti. Questa situazione è all’origine della pratica nota come “port hopping”, mediante la quale gli esportatori di rifiuti illegali scelgono di far transitare le spedizioni negli Stati membri che applicano controlli meno severi. Si stima che circa il 25% delle spedizioni dall’Europa verso Paesi in via di sviluppo di Africa e Asia avvenga in violazione delle leggi internazionali L’iniziativa propone che gli Stati membri effettuino regolarmente ispezioni basate sui rischi, con una maggiore collaborazione tra le autorità e una migliore preparazione degli addetti. Questo permetterà di concentrarsi maggiormente sui percorsi, gli orari e i veicoli più frequentemente coinvolti nel trasporto illegale.

Inoltre, una maggiore concentrazione sui punti di raccolta e sugli impianti di stoccaggio farà in modo che le ispezioni possano essere condotte nella fase iniziale, in maniera tale da bloccare a monte le esportazioni illegali. La pianificazione delle ispezioni aiuterà le autorità ad aumentare l’efficacia dei controlli. Le ispezioni in loco permetteranno, poi, di ottenere, da parte dei responsabili della spedizione, elementi di prova sulla legittimità della spedizione stessa. Dimostrando, ad esempio, che i rifiuti in questione sono destinati ad una gestione ecocompatibile in un Paese terzo. Il nuovo sistema dovrebbe, inoltre, portare vantaggi economici diretti per gli Stati membri e per il settore dell’industria, in quanto saranno evitate le spese di bonifica e reimportazione. Si potrebbe anche fare in modo che materie prime di un certo valore (ad esempio minerali preziosi quali cobalto e indio contenuti nei rifiuti elettronici) non vadano perdute, in modo da essere riutilizzate e reimmesse nel mercato. Ciò porterà, infine, all’ottimizzazione dei processi di trattamento dei rifiuti, al miglioramento delle tecniche di cernita e riciclaggio e a una maggiore disponibilità di materie prime di alta qualità.

Una rivoluzione, quella pensata dalla Commissione, visto che il Regolamento UE relativo alle spedizioni dei rifiuti non contiene disposizioni specifiche riguardanti la pianificazione delle ispezioni o le modalità di esecuzione. Vieta solo l’esportazione di rifiuti pericolosi verso Paesi non appartenenti all’OCSE e l’esportazione di rifiuti destinati allo smaltimento verso paesi non membri dell’UE/EFTA. Quando vengano individuate spedizioni illegali, i rifiuti devono essere rispediti nel paese di provenienza. Il regolamento consente l’esportazione di rifiuti non pericolosi verso paesi non appartenenti all’OCSE per operazioni di recupero, purché le autorità nazionali verifichino che tali rifiuti siano trattati in conformità a norme grosso modo equivalenti a quelle dell’UE.

Sul fronte del Parlamento UE, protagoniste sono state invece le navi. Un nuovo regolamento approvato nei giorni scorsi, a larga maggioranza, in Commissione Ambiente, vieta lo smantellamento illegale delle vecchie imbarcazioni europee e rende l’eco-riciclo obbligatorio. Oltre alle navi UE, anche quelle extra UE sono incluse nel regolamento. Infatti, quando attraccheranno in un porto europeo, le imbarcazioni dovranno fornire l’inventario dei materiali pericolosi contenuti. Le nuove regole prevedono che le navi europee vengano smantellate, con il loro carico di veleni, come amianto, PCB, mercurio e altre sostanze chimiche nocive, solo in strutture ”certificate”, incluse in una lista europea. Attualmente, invece, la maggior parte delle navi da rottamare viene spedita nel Sudest asiatico, dove vengono smantellate sulle spiagge in condizioni inaccettabili per la salute e provocando un forte inquinamento dell’ambiente. Il testo passerà al vaglio della plenaria il prossimo autunno e poi sarà il turno del Consiglio UE. Il regolamento dovrebbe entrare in vigore all’inizio del 2014. Previsto anche un sistema di sanzioni determinate dai singoli Stati membri.

Dall’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) arriva, invece, il concorso ”Waste-smART” per raccogliere idee su come riciclare meglio i rifiuti, ridurli e riutilizzarli. Tutti i cittadini europei sono invitati a dare libero sfogo alla fantasia. Al concorso si prende parte scattando una fotografia originale (lato lungo >2000px) o realizzando un breve video (30-90 secondi). Sono anche accettati i fumetti (vignetta unica), con un breve testo, che rispettino le indicazioni contenute nel regolamento di partecipazione. Il premio per ognuna delle tre categorie è di 500 Euro. Il file va poi caricato su un sito di condivisione online, come Youtube, Vimeo, Flickr, Shutterfly, Snapfish o Photobucket. Il link andrà infine inserito nella domanda di partecipazione. Il termine ultimo per l’iscrizione è il 30 settembre 2013.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fulgar: crescono le vendite del filato riciclato Q-Nova e del bio-based EVO

maggio 28, 2018

Fulgar: crescono le vendite del filato riciclato Q-Nova e del bio-based EVO

Secondo le più recenti ricerche di mercato cresce sempre più il numero di consumatori a caccia non solo di capi di abbigliamento “fashion” e performanti, ma anche “etici” e soprattutto ecosostenibili. Assicurare la piena tracciabilità dei propri capi e poter contare su partner di filiera affidabili e orientati all’innovazione e alla riduzione degli impatti ambientali, [...]

Sappada, primo Comune d’Italia a certificare la “gestione sostenibile della comunità”

maggio 28, 2018

Sappada, primo Comune d’Italia a certificare la “gestione sostenibile della comunità”

Il 10 maggio scorso al Comune di Sappada, in Friuli, è stata attribuita la prima certificazione ISO 37101 “Gestione sostenibile delle comunità”, uno standard nato per aiutare le Comunità ad attuare una strategia di sviluppo sostenibile includendo il contesto economico, sociale e ambientale. Il protocollo definisce, in sostanza, le azioni che una Comunità deve mettere in campo [...]

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende