Home » Bollettino Europa »Rubriche » Rifiuti: arriva la multa UE e l’Italia rimane sorvegliata speciale:

Rifiuti: arriva la multa UE e l’Italia rimane sorvegliata speciale

dicembre 9, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

L’ambiente non è un’opinione politica, specie nel caso in cui uno Stato sia stato invitato, più volte, a sanare situazioni che mettono a rischio la salute dei cittadini e le realtà in cui vivono. È tuttavia evidente che ciò, al nostro Paese, poco importa. Altrimenti non si spiegherebbe come sia possibile che l’Italia sia appena stata condannata dalla Corte di Giustizia UE a pagare una multa di 40 milioni di Euro per inadempienza alla Direttive comunitarie sui rifiuti, con una penalità di 42,8 milioni di Euro per ogni semestre di ritardo nell’attuazione delle misure necessarie. (Dall’importo saranno detratti 400 mila euro per ciascuna discarica contenente rifiuti pericolosi messa a norma e 200mila euro per ogni altro sito regolarizzato).

Non è che la notizia sia arrivata all’improvviso, né tantomeno la vicenda è nuova. Risale, infatti, al 2007, quando la Corte aveva dichiarato che l’Italia era venuta meno, “in modo generale e persistente”, agli obblighi relativi alla gestione dei rifiuti, anche quelli pericolosi, stabiliti dalle relativa legislazione comunitaria, nonché al rispetto delle regole per quanto riguarda le discariche.

Da quel momento nulla è stato fatto per riparare alla situazione, a tal punto che, sei anni dopo, nel 2013, la Commissione europea aveva ritenuto che l’Italia non avesse ancora adottato tutte le misure necessarie per rispettare la sentenza del 2007.  L’esecutivo di Bruxelles aveva affermato che 198 discariche non erano ancora a norma e che, tra queste, 14 non rispettavano le indicazioni sui rifiuti pericolosi. Inoltre, l’Italia non aveva ancora dimostrato che 5 siti incriminati fossero stati oggetto di riassetto o di chiusura.

La Corte si è vista dunque obbligata a riprendere in mano il dossier. Nella nuova sentenza, quella che conduce alla multa, si legge infatti che ”la mera chiusura di una discarica o la copertura dei rifiuti con terra e detriti non è sufficiente per adempiere agli obblighi derivanti dalla direttiva rifiuti”. Inoltre, il Paese “continua a violare l’obbligo di garantire che per determinate discariche sia adottato un piano di riassetto o un provvedimento definitivo di chiusura”. Gli Stati membri sono tenuti, infatti, a verificare se sia necessario bonificare le vecchie discariche abusive e, nel caso, sono tenuti a bonificarle. Il sequestro della discarica e l’avvio di un procedimento penale contro il gestore “non costituiscono misure sufficienti” per la Corte. La quale rileva poi che, alla scadenza del termine indicato, lavori di bonifica erano “ancora in corso o non erano stati iniziati in certi siti” e per altri “non è stato fornito alcun elemento utile a determinare la data in cui detti lavori sarebbero stati eseguiti”. Per i giudici l’Italia ha quindi violato “in modo persistente” l’obbligo di recuperare i rifiuti o di smaltirli senza pericolo per l’uomo o per l’ambiente, “non si è assicurata che il regime di autorizzazione istituito fosse effettivamente applicato e rispettato, non ha assicurato la cessazione effettiva delle operazioni realizzate in assenza di autorizzazione e non ha neppure provveduto ad una catalogazione e un’identificazione esaustive di ciascuno dei rifiuti pericolosi smaltiti nelle discariche”. Una sentenza che si abbatte su tutto lo Stivale “l’inadempimento perdura da oltre sette anni” e “le operazioni sono state compiute con grande lentezza” tanto che “un numero importante di discariche abusive si registra ancora in quasi tutte le regioni italiane” recita la sentenza.

I grattacapi per l’Italia in tema di rifiuti non sono, tuttavia, finiti qui. La Commissione UE sta, infatti, tenendo sotto controllo la situazione delle discariche in Calabria. ”Da diciassette anni la Calabria sta facendo i conti con un’emergenza ambientale e sanitaria, con centinaia di discariche dismesse e siti inquinati da bonificare”, ha detto Maurizio Benedetto, uno dei promotori di una petizione presentata a Bruxelles e discussa durante una riunione dell’omonima Commissione del Parlamento Europeo. Il rappresentate dell’Esecutivo di Bruxelles presente in aula ha assicurato che la Commissione  sta esaminando la situazione nella Regione meridionale. La quale è accusata di avere un piano di gestione dei rifiuti risalente al 2007, troppo datato e non più in regola con la vigente normativa UE. La Calabria è stata, quindi, incoraggiata ad adottare al più presto nuove regole che rispettino pienamente il dettato comunitario.

Il rispetto del diritto ambientale oltre agli effetti sul benessere della salute della società e del Pianeta, ha anche il grande obiettivo di combattere un fenomeno dilagante in Europa: le ecomafie. A lanciare l’allarme è Eurojust, l’Agenzia UE che si occupa di cooperazione giudiziaria, il cui compito è essenzialmente quello di potenziare l’efficienza dell’azione delle autorità nazionali impegnate nella lotta contro gravi forme di criminalità organizzata e transnazionale. “Un fenomeno sottostimato, che crea grande profitto, con un basso rischio di arrivare a processo, e pene non sufficientemente dissuasive“, spiega Michele Coninsx, presidente dell’organismo europeo. Paradossalmente, infatti, nonostante si stimino profitti illegali che oscillano tra i 30 ed i 70 miliardi di euro l’anno, le statistiche raccolte nel primo rapporto stilato da Eurojust dimostrano che i crimini contro l’ambiente sono raramente perseguiti dalle autorità nazionali, spesso anche perché non dotate di strutture adeguate. L’Agenzia dell’Aja ha sottolineato, poi, come le ecomafie siano ormai una minaccia emergente anche in quei Paesi, ad esempio la Germania, Paese che fino a poco tempo fa era rimasto abbastanza estraneo ad attività criminali come lo smaltimento illegale di rifiuti. Pratica non di certo sconosciuta invece ad Italia ed Irlanda, citate dagli esperti come Stati simbolo dell’export di rifiuti pericolosi verso Paesi terzi, soprattutto in Africa occidentale e che non si sono ancora dotate di un’unità specializzata a livello giudiziario, come hanno invece fatto Paesi Bassi e Gran Bretagna. Basti pensare che il nostro Paese non è ancora entrato a far parte del Network europeo dei procuratori per l’ambiente (Enpe). Grecia, Ungheria e Svezia stanno sperimentando poi questo fenomeno attorno a diversi casi di inquinamento delle acque. Nel Regno Unito, invece, il traffico di animali esotici, ed in particolare di uccelli e delle loro uova, si sta facendo sempre più florido. Un crescente traffico di lupi è stato riscontato infine nel nord Europa.

Alla luce di un quadro sempre più preoccupante  Eurojust, consapevole della necessità di un approccio più ampio, insiste sul bisogno di rafforzare il coordinamento a livello internazionale per la lotta ai crimini ambientali, migliorare la cooperazione e lo scambio di informazioni, per affrontare organizzazioni criminali di natura sempre più transnazionale.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende