Home » Bollettino Europa »Rubriche » Rifiuti e Direttiva Seveso: nuovi documenti dalla Commissione UE:

Rifiuti e Direttiva Seveso: nuovi documenti dalla Commissione UE

settembre 10, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

La Commissione Europea, durante i mesi estivi, non è andata in vacanza. Con la pubblicazione di due importanti documenti, il primo sullo smaltimento dei rifiuti e il secondo sugli incidenti nei quali sono presenti sostanze pericolose, l’Esecutivo di Bruxelles ha anzi riaffermato l’importanza della difesa del territorio, della sicurezza e della salute dei cittadini.

Per quanto riguarda la gestione dei rifiuti urbani, gli Stati dell’Unione dimostrano infatti di correre a velocità diverse. La Commissione ha dato ora i voti e non tutti passano l’esame. Per giudicare i suoi 27 allievi Barroso ha utilizzato 18 criteri in linea con la Direttiva quadro sui rifiuti. Si va, ad esempio, dalla quantità totale degli scarti riciclati, ai costi dello smaltimento, fino al numero delle eventuali violazioni della normativa europea. Per ciascuno vengono attribuite bandiere verdi, arancioni o rosse.

Guidano la classifica Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Paesi Bassi e Svezia, nessuno dei quali ha più di due bandiere rosse. Un vantaggio competitivo che risiede nel disporre di sistemi completi dedicati alla raccolta dei rifiuti, meno del 5% dei quali finisce in discarica. I leader della classifica vantano, inoltre, meccanismi di riciclaggio ben sviluppati e buone prestazioni riguardo ai rifiuti biodegradabili. Ma anche le politiche di settore sono, in questi Paesi, più efficaci, caratterizzate da una combinazione adeguata di strumenti giuridici, amministrativi ed economici.

La situazione si capovolge, al contrario, all’altro estremo della graduatoria, dove le bandiere verdi scarseggiano. Gli Stati che presentano i maggiori deficit sono “i soliti”: Bulgaria, Cipro, Estonia, Grecia, Italia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica Ceca, Romania e Slovacchia. Territori dove si evidenziano gravi carenze, politiche dedicate alla sensibilizzazione deboli o inesistenti, inadeguatezza delle infrastrutture per il trattamento degli scarti e assenza di incentivi che promuovano alternative al conferimento in discarica.

Ciò che preoccupa maggiormente il Commissario per l’Ambiente Janez Potočnik è proprio quest’ultimo punto.Le discariche rappresentano l’opzione peggiore. È impensabile che gli Stati continuino ad utilizzarle nonostante la disponibilità di alternative migliori e dei fondi strutturali per metterle in pratica” , ha accusato in occasione della pubblicazione del documento. Aggiungendo che “in questo modo si interrano risorse preziose, si perdono potenziali vantaggi economici, non si crea occupazione nel settore della gestione dei rifiuti e si espongono a rischi la salute umana e l’ambiente. Una situazione difficile da difendere nelle circostanze economiche attuali”.

Gli Stati “bocciati” dovranno dunque rimboccarsi le maniche e mettersi in pari. Come? La Commissione, sulla base di questa relazione, sta stilando tabelle di marcia rivolte ai dieci Paesi (tra cui l’Italia) che hanno registrato i risultati peggiori, delle quali discuterà quest’autunno con le autorità nazionali, in seminari bilaterali. Il primo appuntamento è fissato per il 19 settembre a Praga. Proprio come un vero “piano di studi” personalizzato, questi documenti contribuiranno a diffondere le migliori pratiche e conterranno raccomandazioni ad hoc sul modo in cui migliorare la gestione dei rifiuti con strumenti economici, giuridici e amministrativi e grazie ai fondi strutturali stanziati dell’Ue.

Per quanto riguarda l’altro tema caldo nell’estate della Commissione, le novità riguardano l’aggiornamento tecnico della Direttiva Seveso. La normativa sulla prevenzione degli incidenti connessi a sostanze pericolose che, ad oggi, interessa circa 10 mila siti industriali principalmente nei settori chimico, petrolchimico, del deposito e della raffinazione dei metalli.

La revisione ha, in primo luogo, il fine di migliorare l’accesso alle informazioni circa il comportamento da adottare in caso di incidenti. Ma mira anche a rendere più efficace il processo di partecipazione dei cittadini interessati ai progetti di pianificazione del territorio (con presenza di industrie di “tipo Seveso”), prevedendo inoltre la possibilità, per i singoli, di avviare azioni legali qualora fossero esclusi da questo processo. Infine, per garantire una maggiore efficacia nell’esecuzione delle norme di sicurezza, la revisione punta a rafforzare il sistema di ispezione degli stabilimenti.

Alla luce di questi obiettivi, la Direttiva obbliga gli Stati membri a preparare piani di emergenza per le zone intorno agli impianti industriali in cui si trovano ingenti quantitativi di sostanze pericolose. Tutti gli stabilimenti interessati dalla normativa dovranno, poi, fornire informazioni, reperibili per via informatica, sui sistemi d’allarme e sulle norme di comportamento in caso di grave incidente. Qualora questo accadesse, le autorità competenti dovranno informarne tutti i potenziali interessati comunicando le principali misure del caso. Le modifiche in termini di pianificazione del territorio comporteranno, inoltre, l‘introduzione di una distanza di sicurezza nei progetti relativi a nuovi stabilimenti da costruire nei pressi di infrastrutture precedentemente esistenti. Nel momento in cui le autorità e le imprese rilevano un rischio, dovranno tenere in maggior conto il potenziale aumento dei rischi dovuto alla vicinanza di altri siti industriali e le possibili ripercussioni sugli impianti vicini. Gli Stati membri dovranno applicare le nuove norme a partire dal 1° giugno 2015.

Perché integrare la normativa? I cambiamenti sono stati necessari alla luce della recente evoluzione nella classificazione delle sostanze chimiche. Nel 2008 il Consiglio e il Parlamento Europeo hanno, infatti, adottato il Regolamento relativo alla catalogazione, all’etichettatura e all’imballaggio delle sostanze e delle miscele, che adegua il sistema UE alla nuova normativa ONU (Globally Harmonised System). Da qui la necessità di aggiornare anche la Direttiva Seveso, ancora basata sulla precedente classificazione.

Beatrice Credi

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende